Politica 29 Settembre 2017

«Il sindacato piace ma va ripensato». Ecco il risultato del sondaggio di Anaao Assomed

Sindacati promossi a pieni voti dai camici bianchi, qualche perplessità fra giovani medici e donne medico. L’indagine è stata presentata a Roma alla presenza della Presidente della Commissione Sanità del Senata Emilia Grazìa De Biasi, l’ex ministrio del Lavoro Maurizio Sacconi e la segretaria nazionale della FP Cgil Cecilia Taranto

Immagine articolo

Pollice all’insù, nonostante tutto, per i sindacati: è il risultato dell’indagine commissionata dall’Anaao Assomed alla SWG in collaborazione con Health Communication sul sindacato nel mondo medico presentata in questi giorni. Aumenta la distanza e lo scetticismo dei camici bianchi sull’operato sindacale ma i 2/3 dei medici sono iscritti a qualche sigla di rappresentanza e nel complesso il giudizio resta positivo. A prescindere dall’età i professionisti sanitari plaudono l’operato sindacale con qualche eccezione: i giovani si sentono poco rappresentati, una percentuale di donne sostengono ci sia un atteggiamento maschilista nel settore.

LEGGI IL SONDAGGIO

Questi a grandi linee i risultati del sondaggio da cui emerge anche un altro concetto importate: dalla crisi di rappresentanza del sindacato tradizionale può essere superata solo se si riesce a costruire un soggetto unitario stabile. Inoltre il sondaggio mette in evidenza che la categoria medica ripone più fiducia nei confronti delle sigle di rappresentanza sindacale rispetto al resto della popolazione. Solo il 17% dei camici bianchi non partecipa alle attività promosse dal sindacato, mentre il 79% sostiene l’importanza della presenza del sindacato nel mondo del lavoro. Altra percentuale importante è quella che riconosce una notevole influenza e autorità al sindacato rispetto alle attività della categoria che è ben il 44%.

Significativa  la convinzione che senza la presenza del sindacato le condizioni di lavoro sarebbero sicuramente peggiori (60%) mentre l’iscrizione al sindacato assume il significato di un contributo personale al miglioramento delle condizioni lavorative per il 65%. Mentre per il 62% il sindacato assume ruolo di difesa collettiva nei confronti del datore di lavoro (62%). Infine 8 medici su 10 pensano che l’attività del sindacato sia fondamentale ma allo stesso tempo il 66% nutre dubbi sull’efficacia delle sue iniziative.

Articoli correlati
Anaao su Ccnl 2016-18: «Subisce l’effetto Covid, pochi contratti decentrati e confronto regionale»
I risultati dell’indagine Anaao Assomed sullo stato delle relazioni sindacali e della contrattazione collettiva integrativa nelle aziende sanitarie
Cisl medici Lazio: «Garantire l’assistenza e la cura per le patologie acute e croniche è la priorità»
La Cisl Medici Lazio «continuerà a fare la propria parte nella difesa del Sistema Sanitario pubblico soprattutto in questo momento così difficile per la salute degli italiani».  Così il sindacato in una nota. «Siamo sempre pronti al dialogo con l’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio – spiegano il dottor Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici […]
Dl Rilancio, Fp Cgil: «Stabilizzare medici di emergenza-urgenza»
«Sosteniamo emendamenti Pd e M5S, serve potenziare assistenza territoriale»
Palermo (Anaao): «Assumere 10mila medici e 20mila infermieri, aumentare gli stipendi, aderire al Mes e nel 2021 prevedere 17mila borse»
La “Fase 2” avrà bisogno non solo di un territorio pronto ad individuare precocemente nuovi focolai epidemici gestendo i pazienti a domicilio per quanto possibile, ma soprattutto della piena operatività degli ospedali italiani in termini di posti letto e di dotazioni organiche coerenti per garantire la piena funzionalità degli ospedali Covid e affrontare l’immensa domanda […]
di Carlo Palermo, Segretario Anaao-Assomed
Premialità Covid-19, Anaao: «Assegnata in modo indistinto a Dirigenza e Comparto. Così si oltraggia la dignità di medici e dirigenti sanitari»
«Un vero e proprio schiaffo a quei volti che abbiamo visto su tutti i media segnati dalla stanchezza e dalla sofferenza – dichiara il Segretario Palermo -. La tanto sbandierata riconoscenza per la nostra generosità, lo spirito di servizio e l’abnegazione, passata l’emergenza, cede il posto, come nella Regione Veneto, a più vili e prosaiche esigenze di consenso politico e propaganda elettorale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...