Politica 29 settembre 2017

«Il sindacato piace ma va ripensato». Ecco il risultato del sondaggio di Anaao Assomed

Sindacati promossi a pieni voti dai camici bianchi, qualche perplessità fra giovani medici e donne medico. L’indagine è stata presentata a Roma alla presenza della Presidente della Commissione Sanità del Senata Emilia Grazìa De Biasi, l’ex ministrio del Lavoro Maurizio Sacconi e la segretaria nazionale della FP Cgil Cecilia Taranto

Immagine articolo

Pollice all’insù, nonostante tutto, per i sindacati: è il risultato dell’indagine commissionata dall’Anaao Assomed alla SWG in collaborazione con Health Communication sul sindacato nel mondo medico presentata in questi giorni. Aumenta la distanza e lo scetticismo dei camici bianchi sull’operato sindacale ma i 2/3 dei medici sono iscritti a qualche sigla di rappresentanza e nel complesso il giudizio resta positivo. A prescindere dall’età i professionisti sanitari plaudono l’operato sindacale con qualche eccezione: i giovani si sentono poco rappresentati, una percentuale di donne sostengono ci sia un atteggiamento maschilista nel settore.

LEGGI IL SONDAGGIO

Questi a grandi linee i risultati del sondaggio da cui emerge anche un altro concetto importate: dalla crisi di rappresentanza del sindacato tradizionale può essere superata solo se si riesce a costruire un soggetto unitario stabile. Inoltre il sondaggio mette in evidenza che la categoria medica ripone più fiducia nei confronti delle sigle di rappresentanza sindacale rispetto al resto della popolazione. Solo il 17% dei camici bianchi non partecipa alle attività promosse dal sindacato, mentre il 79% sostiene l’importanza della presenza del sindacato nel mondo del lavoro. Altra percentuale importante è quella che riconosce una notevole influenza e autorità al sindacato rispetto alle attività della categoria che è ben il 44%.

Significativa  la convinzione che senza la presenza del sindacato le condizioni di lavoro sarebbero sicuramente peggiori (60%) mentre l’iscrizione al sindacato assume il significato di un contributo personale al miglioramento delle condizioni lavorative per il 65%. Mentre per il 62% il sindacato assume ruolo di difesa collettiva nei confronti del datore di lavoro (62%). Infine 8 medici su 10 pensano che l’attività del sindacato sia fondamentale ma allo stesso tempo il 66% nutre dubbi sull’efficacia delle sue iniziative.

Articoli correlati
Senato, approvato il Dl Semplificazioni. Le principali misure che riguardano la sanità, dal personale SSN al payback
Il mancato superamento del tetto di spesa per le assunzioni nel SSN fa infuriare i sindacati. Tra le disposizioni approvate, anche misure per far fronte alla carenza di medici di medicina generale e la modifica del comma 687 della Legge di Bilancio
Aggressioni, Anaao-Assomed: «Ora la politica è pronta per un nuovo modello di garanzia a tutela degli operatori della salute»
Bilancio propositivo a margine del confronto tra rappresentati parlamentari, parti sociali e sindacali in occasione del convegno organizzato dall’AnaaoAssomed Campania presso l’aula magna del C.T.O di Napoli, dal titolo “Aggressioni in Sanità: la salute degli Operatori”. «Anaao-Assomed è riuscita, dopo anni di assoluta assenza della politica – si legge nella nota stampa diffusa dal sindacato […]
SSN, nel 2025 mancheranno 16.500 specialisti. L’allarme dell’Anaao: «È vera emergenza nazionale»
Tra i fattori della carenza di specialisti, secondo lo studio condotto dal sindacato, imbuto formativo, blocco del turnover ed emorragia di pensionamenti. A mancare, saranno soprattutto medici d'emergenza-urgenza, pediatri, internisti e anestesisti
Contratto medici, il nodo è la Ria. Palermo (Anaao): «Bene impegno Ministro, ora risposte. Problemi sono tecnici, c’è qualcuno che fa finta di non capire»
Il segretario si dice «pessimista» sul rinnovo. Poi chiede di utilizzare la Retribuzione individuale di anzianità: «Si tratta di prendere questa quota economica che attualmente è nelle casse aziendali dispersa in molle rivoli e di finalizzarla su servizi che siano utili ai cittadini»
Sciopero medici, ecco le ragioni. Troise (Anaao): «Bene segnali di attenzione, ma produrranno risultati?»
Mancato rinnovo del contratto, aumento borse di specializzazione insufficiente, scarso finanziamento del Fondo Sanitario Nazionale, assenza di un piano di assunzioni straordinario. Ecco perché venerdì medici, dirigenti sanitari e veterinari incroceranno le braccia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...