Politica 23 Giugno 2021 12:17

Sanità lombarda, per il consigliere regionale Mammì (M5S) serve una legge speciale per Milano

Le proposte del segretario della commissione sanità: «Formazione universitaria sul territorio per gli aspiranti MMG e Municipi punti di riferimento anche per la sanità territoriale, così come già accade per i servizi assistenziali»

di Federica Bosco
Sanità lombarda, per il consigliere regionale Mammì (M5S) serve una legge speciale per Milano

Non convince la bozza di riforma della sanità lombarda approvata in giunta e presentata in commissione. Dopo aver ascoltato tutti gli stakeholders (sindacati, medici di medicina generale, infermieri, tecnici di radiologia), il consigliere regionale Gregorio Mammì, segretario della terza commissione in quota Movimento Cinque Stelle, ha preparato alcune proposte correttive che nei prossimi giorni saranno sottoposte all’assessore al Welfare Letizia Moratti.

«In particolare sotto la lente d’ingrandimento della commissione sono finiti i presìdi territoriali che, come sono stati pensati (un distretto ogni 100 mila abitanti, una casa della salute ogni 50 mila abitanti e un ospedale di comunità ogni ASST) non rispondono alle esigenze di una città come Milano – dichiara Mammì ai nostri microfoni –. Se alcune categorie ascoltate in commissione immaginano il proprio futuro nelle case di comunità, ad esempio infermieri e tecnici di radiologia, altri, come i medici di medicina generale, non si riconoscono nel nuovo modello di sanità territoriale».

«Manca il ricambio generazionale dei MMG»

Proprio il tema dei medici di medicina generale sembra essere prioritario, dal momento che a Milano e in molte città di provincia esiste un rischio concreto di rimanere a corto di camici bianchi a causa di un fattore generazionale che lo stesso Mammì spiega nel dettaglio: «Questa situazione è figlia dell’industrializzazione degli anni ‘70 e ‘80 quando sono nati quartieri ad alta densità di popolazione che hanno portato sul territorio medici di medicina generale, che oggi sono in età da pensione, ma senza preparare un adeguato ricambio. Così quartieri come Giambellino a partire dal prossimo mese di luglio rischiano di rimanere scoperti con gravi disagi per i residenti. Il nostro impegno va nella direzione di prevedere l’assegnazione automatica di un medico di medicina generale di prossimità per i cronici e gli anziani».

Formazione specialistica sul territorio

Per far fronte a questa criticità è anche allo studio una proposta per la formazione dei medici di medicina generale portata avanti da Mammì. «La riforma del sistema dovrebbe prevedere una formazione specialistica universitaria anche per i medici di medicina generale ma sul territorio, utilizzando gli ospedali di comunità e le case della salute».

Ruolo attivo per i Municipi

«Se i numeri dicono che Milano ha tutte le carte in regola per avere strutture intermedie secondo il PNRR, è altrettanto vero che una metropoli così vasta ha peculiarità e caratteristiche tali per cui il rischio di creare sovrapposizioni e spreco di risorse è molto alto». Un fattore questo che per l’esponente pentastellato è superabile con una legge speciale per Milano. «Avere un dipartimento ogni 100 mila abitanti o una casa della salute ogni 50 mila in una realtà come questa ad alta densità abitativa e con più ospedali di eccellenza è assurdo. Molto meglio calibrare i dipartimenti sui municipi e far sì che questi ultimi vengano riconosciuti come punti di riferimento anche per la sanità territoriale, così come già accade per i servizi assistenziali».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità territoriale, Boldrini (Pd): «Case di Comunità argine ad affollamento Ps ma serve più personale»
La senatrice dem, capogruppo in commissione Sanità, vede decadere alcuni disegni di legge a sua prima firma come quello per l’introduzione dello psicologo delle cure primarie e il diritto all’oblio per i malati oncologici
di Francesco Torre
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Dalla Sicilia alla Lombardia: la “tratta” della PMA
Aurora denuncia a Sanità Informazione la sua storia ai limiti della legalità: in Sicilia la Procreazione medicalmente assistita è sempre stato un bene lusso e chi non poteva permetterselo andava fuori Regione. Ma dal 9 maggio l’assessorato alla Sanita siciliano ha bloccato la mobilità sanitaria. Aurora, Giacomo D’Amico, presidente di Hera e Antonino Guglielmino, presidente nazionale della SIRU svelano tutte le carte
Ambulatori aperti di sera e nel weekend: il nuovo corso della sanità lombarda
Grazie al PNRR Regione Lombardia mette in campo strategie per abbattere le liste d’attesa ma resta l’incognita del personale. Medici e infermieri sono ancora insufficienti per soddisfare le esigenze del territorio
Mancano infermieri? Uneba Lombardia si rivolge alle Università del Sud America
Il progetto prevede l’arrivo nei prossimi mesi di infermieri da Perù, Paraguay e Argentina a cui verrà fatto un corso di lingua italiana, fornito un alloggio e una formazione per equiparare il titolo a quello delle università europee. Degani (presidente Uneba Lombardia): «Risposta contingente ad un problema strutturale, ma lanciamo un appello al governo affinché venga rivisto il numero chiuso nelle facoltà italiane»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi