Politica 23 Giugno 2021 12:17

Sanità lombarda, per il consigliere regionale Mammì (M5S) serve una legge speciale per Milano

Le proposte del segretario della commissione sanità: «Formazione universitaria sul territorio per gli aspiranti MMG e Municipi punti di riferimento anche per la sanità territoriale, così come già accade per i servizi assistenziali»

di Federica Bosco
Sanità lombarda, per il consigliere regionale Mammì (M5S) serve una legge speciale per Milano

Non convince la bozza di riforma della sanità lombarda approvata in giunta e presentata in commissione. Dopo aver ascoltato tutti gli stakeholders (sindacati, medici di medicina generale, infermieri, tecnici di radiologia), il consigliere regionale Gregorio Mammì, segretario della terza commissione in quota Movimento Cinque Stelle, ha preparato alcune proposte correttive che nei prossimi giorni saranno sottoposte all’assessore al Welfare Letizia Moratti.

«In particolare sotto la lente d’ingrandimento della commissione sono finiti i presìdi territoriali che, come sono stati pensati (un distretto ogni 100 mila abitanti, una casa della salute ogni 50 mila abitanti e un ospedale di comunità ogni ASST) non rispondono alle esigenze di una città come Milano – dichiara Mammì ai nostri microfoni –. Se alcune categorie ascoltate in commissione immaginano il proprio futuro nelle case di comunità, ad esempio infermieri e tecnici di radiologia, altri, come i medici di medicina generale, non si riconoscono nel nuovo modello di sanità territoriale».

«Manca il ricambio generazionale dei MMG»

Proprio il tema dei medici di medicina generale sembra essere prioritario, dal momento che a Milano e in molte città di provincia esiste un rischio concreto di rimanere a corto di camici bianchi a causa di un fattore generazionale che lo stesso Mammì spiega nel dettaglio: «Questa situazione è figlia dell’industrializzazione degli anni ‘70 e ‘80 quando sono nati quartieri ad alta densità di popolazione che hanno portato sul territorio medici di medicina generale, che oggi sono in età da pensione, ma senza preparare un adeguato ricambio. Così quartieri come Giambellino a partire dal prossimo mese di luglio rischiano di rimanere scoperti con gravi disagi per i residenti. Il nostro impegno va nella direzione di prevedere l’assegnazione automatica di un medico di medicina generale di prossimità per i cronici e gli anziani».

Formazione specialistica sul territorio

Per far fronte a questa criticità è anche allo studio una proposta per la formazione dei medici di medicina generale portata avanti da Mammì. «La riforma del sistema dovrebbe prevedere una formazione specialistica universitaria anche per i medici di medicina generale ma sul territorio, utilizzando gli ospedali di comunità e le case della salute».

Ruolo attivo per i Municipi

«Se i numeri dicono che Milano ha tutte le carte in regola per avere strutture intermedie secondo il PNRR, è altrettanto vero che una metropoli così vasta ha peculiarità e caratteristiche tali per cui il rischio di creare sovrapposizioni e spreco di risorse è molto alto». Un fattore questo che per l’esponente pentastellato è superabile con una legge speciale per Milano. «Avere un dipartimento ogni 100 mila abitanti o una casa della salute ogni 50 mila in una realtà come questa ad alta densità abitativa e con più ospedali di eccellenza è assurdo. Molto meglio calibrare i dipartimenti sui municipi e far sì che questi ultimi vengano riconosciuti come punti di riferimento anche per la sanità territoriale, così come già accade per i servizi assistenziali».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Arturo è in Italia. La nuova variante è stata individuata a Pavia
Abbiamo la prima prova che a nuova «sorella» di Omicron, Arturo, si trova in Italia. «E' stata identificata dall'équipe di Fausto Baldanti, direttore dell'Unità di microbiologia e virologia dell'Irccs San Matteo di Pavia», annuncia ufficialmente l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Guido Bertolaso
Rendere il territorio a misura di paziente cronico, la sfida di Sicop e Sumai. Magi: «Lavoro in équipe cruciale»
Al convegno dal titolo "Le nuove sfide del territorio nell'endemia post-Covid" anche il segretario FIMMG Silvestro Scotti, il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri e il Sottosegretario alla Salute Marcello Gemmato che spiega: «Il nuovo modello organizzativo dove coinvolgere gli specialisti ambulatoriali interni, i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta, le farmacie pubbliche e private convenzionate»
Sanità, Laboratorio Lombardia: a Milano per la prima volta confronto tra tutti i soggetti della filiera
L’appuntamento, dal titolo "Sanità Futura: quali prospettive per lo sviluppo del sistema lombardo?", è stata anche l’occasione per individuare le prossime iniziative in grado di supportare la messa a terra della riforma regionale del 2021 e del dm 77 sulla riorganizzazione della medicina territoriale
Sanità territoriale, Boldrini (Pd): «Case di Comunità argine ad affollamento Ps ma serve più personale»
La senatrice dem, capogruppo in commissione Sanità, vede decadere alcuni disegni di legge a sua prima firma come quello per l’introduzione dello psicologo delle cure primarie e il diritto all’oblio per i malati oncologici
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...