Politica 23 Giugno 2021 12:17

Sanità lombarda, per il consigliere regionale Mammì (M5S) serve una legge speciale per Milano

Le proposte del segretario della commissione sanità: «Formazione universitaria sul territorio per gli aspiranti MMG e Municipi punti di riferimento anche per la sanità territoriale, così come già accade per i servizi assistenziali»

di Federica Bosco
Sanità lombarda, per il consigliere regionale Mammì (M5S) serve una legge speciale per Milano

Non convince la bozza di riforma della sanità lombarda approvata in giunta e presentata in commissione. Dopo aver ascoltato tutti gli stakeholders (sindacati, medici di medicina generale, infermieri, tecnici di radiologia), il consigliere regionale Gregorio Mammì, segretario della terza commissione in quota Movimento Cinque Stelle, ha preparato alcune proposte correttive che nei prossimi giorni saranno sottoposte all’assessore al Welfare Letizia Moratti.

«In particolare sotto la lente d’ingrandimento della commissione sono finiti i presìdi territoriali che, come sono stati pensati (un distretto ogni 100 mila abitanti, una casa della salute ogni 50 mila abitanti e un ospedale di comunità ogni ASST) non rispondono alle esigenze di una città come Milano – dichiara Mammì ai nostri microfoni –. Se alcune categorie ascoltate in commissione immaginano il proprio futuro nelle case di comunità, ad esempio infermieri e tecnici di radiologia, altri, come i medici di medicina generale, non si riconoscono nel nuovo modello di sanità territoriale».

«Manca il ricambio generazionale dei MMG»

Proprio il tema dei medici di medicina generale sembra essere prioritario, dal momento che a Milano e in molte città di provincia esiste un rischio concreto di rimanere a corto di camici bianchi a causa di un fattore generazionale che lo stesso Mammì spiega nel dettaglio: «Questa situazione è figlia dell’industrializzazione degli anni ‘70 e ‘80 quando sono nati quartieri ad alta densità di popolazione che hanno portato sul territorio medici di medicina generale, che oggi sono in età da pensione, ma senza preparare un adeguato ricambio. Così quartieri come Giambellino a partire dal prossimo mese di luglio rischiano di rimanere scoperti con gravi disagi per i residenti. Il nostro impegno va nella direzione di prevedere l’assegnazione automatica di un medico di medicina generale di prossimità per i cronici e gli anziani».

Formazione specialistica sul territorio

Per far fronte a questa criticità è anche allo studio una proposta per la formazione dei medici di medicina generale portata avanti da Mammì. «La riforma del sistema dovrebbe prevedere una formazione specialistica universitaria anche per i medici di medicina generale ma sul territorio, utilizzando gli ospedali di comunità e le case della salute».

Ruolo attivo per i Municipi

«Se i numeri dicono che Milano ha tutte le carte in regola per avere strutture intermedie secondo il PNRR, è altrettanto vero che una metropoli così vasta ha peculiarità e caratteristiche tali per cui il rischio di creare sovrapposizioni e spreco di risorse è molto alto». Un fattore questo che per l’esponente pentastellato è superabile con una legge speciale per Milano. «Avere un dipartimento ogni 100 mila abitanti o una casa della salute ogni 50 mila in una realtà come questa ad alta densità abitativa e con più ospedali di eccellenza è assurdo. Molto meglio calibrare i dipartimenti sui municipi e far sì che questi ultimi vengano riconosciuti come punti di riferimento anche per la sanità territoriale, così come già accade per i servizi assistenziali».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Carenza medici di famiglia in Lombardia, l’allarme dei sindaci
Nei prossimi anni saranno più di 4000 i medici di medicina generale che andranno in pensione in Lombardia. Le proposte dei sindaci di Pieve Emanuele, Bareggio e Buccinasco
di Federica Bosco
Regione Lombardia disegna la sanità territoriale del futuro: cosa prevede la riforma
Dopo l’approvazione in Giunta, oggi in Commissione Sanità presentate dalla vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti le linee di sviluppo che prevedono un potenziamento della rete territoriale, della telemedicina e un approccio One Health per la promozione della salute globale
di Federica Bosco
Sud e sviluppo sostenibile, Colao (cattedra Unesco): «Preoccupante la riduzione degli screening di prevenzione oncologica»
All'evento promosso dalla Cattedra Unesco della Federico II di Napoli la prof. Colao: «Quest’anno ha portato una riduzione dell’aspettativa di vita che è più drammatica al Nord e un po’ più limitata al Sud, ma perché il Sud aveva già una riduzione dell'aspettativa di vita»
Tamponi salivari: da oggi nelle scuole in Lombardia
Viaggio nel laboratorio di microbiologia dell’Università di Milano con la professoressa Elisa Borghi: «Il dispositivo a forma di tubo contiene all’interno una spugna attaccata ad un bastoncino che va succhiata come un lecca-lecca. In laboratorio viene processato in 24 ore»
di Federica Bosco
Rsa, fuga di infermieri verso le Aziende Ospedaliere. Degani (Uneba Lombardia): «Necessario creare nuove figure»
Il presidente di UNEBA Lombardia: «Stato e Regioni devono prevedere una programmazione tale da poter aumentare il numero di infermieri formati o di istituire operatori sociosanitari specializzati, figure para infermieristiche e para sanitarie che possano aiutare le fragilità e le cronicità»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.335.925 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.224.492 i decessi. Ad oggi, oltre 4.11 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva