Politica 18 luglio 2017

OMCeO, nuovi vertici per il triennio 2018-2020: al via i rinnovi

Estate calda per il rinnovo della professione medica. Proprio mentre il Ddl Lorenzin sbarca alla Camera, gli ordini procedono nella convocazione delle assemblee elettorali

Estate caldissima per il rinnovo della professione medica. Proprio mentre è in discussione il Ddl Lorenzin sul riordino degli ordini professionali, gli OMCeO di tutta Italia hanno cominciato a procedere alla convocazione delle assemblee elettorali per il rinnovo dei vertici nel triennio 2018-2020. Fino ad ora, ad aver già diramato le convocazioni ai propri iscritti per procedere alle votazioni sono stati gli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Palermo, Enna, Catania, Bari e Piacenza (l’elenco è visibile sul sito della FNOMCeO, a questa pagina). Solo quest’ultimo ha convocato i camici bianchi iscritti a prendere parte alle votazioni in autunno (da sabato 14 ottobre a lunedì 16), mentre tutti gli altri hanno già cominciato a votare, o si apprestano a farlo nei prossimi giorni, con notevole anticipo sulla tabella di marcia che vuole i vertici degli ordini rinnovati o confermati entro la fine dell’anno. Nello specifico, L’Assemblea elettorale degli iscritti all’Albo dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Palermo è convocata, in seconda convocazione, nei giorni 22, 23 e 24 luglio 2017; quella dell’OMCeO di Catania, anche questa in seconda convocazione, è stata convocata tra il 15 e il 17 luglio; le votazioni per il rinnovo delle cariche di Enna, in prima convocazione, si terranno presso la sede dell’Ordine tra i giorni 28 e 30 luglio; quella di Bari, infine, è stata convocata ad inizio settembre, tra il 2 e il 4.

Nel frattempo, prosegue in Commisione Affari Sociali della Camera il dibattito sul Ddl Lorenzin. Tra le principali novità del testo – introdotte dagli emendamenti approvati nelle sedute del 24 maggio e del 1 giugno – ci sono diversi cambiamenti relativi proprio ai rinnovi degli ordini professionali in sanità. Tra i più importanti ci sono l’introduzione di un limite ai mandati per chi ricopre ruoli apicali e limitazione a due incarichi consecutivi nello stesso ruolo, ai quali ne può seguire soltanto un ultimo. Cambiano inoltre alcuni meccanismi di votazione per il rinnovo degli organismi ordinistici e viene prevista anche l’istituzione di seggi nelle strutture ospedaliere.

Tornando alle elezioni dei vertici degli Ordini per il triennio 2018-2020, una piccola polemica è scoppiata nei confronti di quegli OMCeO che hanno convocato i propri iscritti al di fuori del periodo indicato dal Ministero della Salute: SIGM e Associazione Italiana Medici (attraverso il Presidente Walter Mazzucco), oltre che il Movimento 5 Stelle (con i Senatori Catalfo, Taverna, Giarrusso, Bertorotta e Santangelo) che ha presentato un’interrogazione proprio su questo tema, hanno chiesto chiarimenti sulle convocazioni degli Ordini di Catania e Palermo (ai quali si sono aggiunti anche Enna e Bari). Lo scorso giugno, il Ministero della Salute aveva inviato alla FNOMCeO – e alle altre federazioni degli ordini professionali sanitarie – una circolare in cui indicava il «periodo temporale compreso tra il 15 settembre e il 30 novembre 2017» quello entro il quale procedere con le elezioni. Lo scopo era quello di evitare che le ferie estive potessero «ostacolare il raggiungimento del quorum richiesto per la validità delle elezioni», fissato al 10%.

Articoli correlati
Aaa cercansi medici italiani. Storie di procacciatori e di camici bianchi in fuga dal SSN
Si aggirano negli ospedali del Nord Italia e promettono soldi, carriera e una vita più semplice al di là delle Alpi. Sono dei veri e propri talent scout e portano all’estero i professionisti più ricercati, contribuendo ad aggravare la carenza di specialisti che sta svuotando le corsie delle nostre strutture. Giovanni Leoni (FNOMCeO): «Così perdiamo qualità intellettuale importante per l’evoluzione della classe medica»
Sicurezza delle cure, la FNOMCeO lancia gli Sportelli del cittadino dove confrontarsi con medici e avvocati
Nell’ambito dell’incontro con il Consiglio nazionale forense, concordato anche un tavolo di confronto sulla ‘pubblicità etica’ in sanità
Medici sotto attacco, 35mila nuove cause all’anno. FNOMCeO e Regioni chiedono legge per regolamentare spot contro Ssn
Libero pubblica i numeri drammatici dell’ «attacco conclamato alla categoria» e promuove la petizione lanciata da Consulcesi per istituire il Tribunale della Salute. Tra i sottoscrittori anche il Senatore Sileri (pres. 12° commissione): «Tornare a un rapporto sano tra i cittadini e la sanità, il clima di sfiducia non fa bene a nessuno»
Spot risarcimento danni, Fnomceo e sindacati chiedono intervento della Grillo. E la Rai sospende la messa in onda
La questione approda in Parlamento: M5S chiede ritiro della pubblicità. Filippo Anelli scrive a Vigilanza Rai: «Stato tuteli SSN». Magi (OMCeO) Roma: «Messaggio che scredita sanità». E intanto partono le denunce...
FNOMCeO, “Obiettivo dignità”: i medici lanciano petizione online contro gli spot che sollecitano risarcimenti danni in ambito sanitario
Una petizione online per chiedere al Ministro della Salute, Giulia Grillo, di sollecitare «l’adozione di strumenti di controllo preventivo, al fine di evitare che messaggi distorti, veicolati su canali pubblici, arrechino danno al Servizio Sanitario nazionale, che, nonostante tutte le difficoltà, assicura elevati livelli certificati di tutela della salute e di assistenza ai cittadini» È […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...