Politica 30 settembre 2014

Ex specializzandi: nuovi rimborsi milionari a Trapani

Alla presenza dell’OMCeO provinciale assegni per oltre 8 milioni: fino a 90mila euro a medico

Immagine articolo

La vicenda dei rimborsi non riconosciuti ai medici ex specializzandi continua a tenere banco. Settembre è stato un mese molto importante in quest’ottica.

Non solo per le sentenze favorevoli ai camici bianchi ricorrenti e di condanna nei confronti dello Stato italiano (che tra gli anni 1982 e 2006 non ha recepito a dovere alcune direttive europee sui rimborsi agli studenti di medicina iscritti ad una scuola post-laurea): è di questi giorni infatti la notizia dell’assegnazione alla Commissione Istruzione Pubblica e Beni Culturali di Palazzo Madama del Ddl (Atto Senato n° 1548) firmato dai Senatori Pd Carlo Lucherini e Mario Morgoni, che propone un accordo transattivo per risolvere proprio questo problema.

Lo scorso 25 settembre, inoltre, a Trapani sono stati consegnati altri 8 milioni; assegni che hanno in alcuni casi raggiunto i 90mila euro ciascuno, completamente esenti dalle tasse. Protagonista di questo evento è stata Consulcesi, unica realtà in Italia, e tra le maggiori in Europa, che ha cambiato la giurisprudenza a favore dei medici. I milioni riconosciuti ad oggi dai Tribunali italiani esclusivamente ai medici tutelati da Consulcesi sono 345, 46 dei quali sono stati consegnati soltanto negli ultimi mesi. I professionisti che ne hanno beneficiato sono stati tantissimi e provenienti da ogni angolo dell’isola. Tra questi c’era anche la dottoressa Giuseppa Rita Pennisi: “Avere Consulcesi al nostro fianco ci ha aiutato a far valere i nostri diritti ma ci sono ancora migliaia di colleghi che sono in attesa di giustizia”. Presente all’evento anche l’OMCeO provinciale: “Si tratta di un risultato – ha sottolineato il vice-presidente dell’Ordine di Trapani Maurizio Terzo – che conferma come Consulcesi sia specializzata a concretizzare i diritti dei medici”.

“Siamo convinti di essere vicino all’accordo definitivo grazie ai tre Ddl all’attenzione del Parlamento – ha commentato Edoardo Pantano, Vicepresidente di Consulcesi – ma continuiamo a sostenere i nostri medici, e ricordo che avrà diritto al risarcimento solo chi avrà fatto ricorso. E noi siamo pronti a lanciare un’altra azione collettiva entro il prossimo 20 ottobre. Per le migliaia di professionisti in attesa di vedersi rimborsare ciò che è loro diritto ricevere – conclude Pantano –  sono già a disposizione oltre 350 consulenti che rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.777”.

Articoli correlati
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...