Politica 30 Settembre 2014

Ex specializzandi: nuovi rimborsi milionari a Trapani

Alla presenza dell’OMCeO provinciale assegni per oltre 8 milioni: fino a 90mila euro a medico

Immagine articolo

La vicenda dei rimborsi non riconosciuti ai medici ex specializzandi continua a tenere banco. Settembre è stato un mese molto importante in quest’ottica.

Non solo per le sentenze favorevoli ai camici bianchi ricorrenti e di condanna nei confronti dello Stato italiano (che tra gli anni 1982 e 2006 non ha recepito a dovere alcune direttive europee sui rimborsi agli studenti di medicina iscritti ad una scuola post-laurea): è di questi giorni infatti la notizia dell’assegnazione alla Commissione Istruzione Pubblica e Beni Culturali di Palazzo Madama del Ddl (Atto Senato n° 1548) firmato dai Senatori Pd Carlo Lucherini e Mario Morgoni, che propone un accordo transattivo per risolvere proprio questo problema.

Lo scorso 25 settembre, inoltre, a Trapani sono stati consegnati altri 8 milioni; assegni che hanno in alcuni casi raggiunto i 90mila euro ciascuno, completamente esenti dalle tasse. Protagonista di questo evento è stata Consulcesi, unica realtà in Italia, e tra le maggiori in Europa, che ha cambiato la giurisprudenza a favore dei medici. I milioni riconosciuti ad oggi dai Tribunali italiani esclusivamente ai medici tutelati da Consulcesi sono 345, 46 dei quali sono stati consegnati soltanto negli ultimi mesi. I professionisti che ne hanno beneficiato sono stati tantissimi e provenienti da ogni angolo dell’isola. Tra questi c’era anche la dottoressa Giuseppa Rita Pennisi: “Avere Consulcesi al nostro fianco ci ha aiutato a far valere i nostri diritti ma ci sono ancora migliaia di colleghi che sono in attesa di giustizia”. Presente all’evento anche l’OMCeO provinciale: “Si tratta di un risultato – ha sottolineato il vice-presidente dell’Ordine di Trapani Maurizio Terzo – che conferma come Consulcesi sia specializzata a concretizzare i diritti dei medici”.

“Siamo convinti di essere vicino all’accordo definitivo grazie ai tre Ddl all’attenzione del Parlamento – ha commentato Edoardo Pantano, Vicepresidente di Consulcesi – ma continuiamo a sostenere i nostri medici, e ricordo che avrà diritto al risarcimento solo chi avrà fatto ricorso. E noi siamo pronti a lanciare un’altra azione collettiva entro il prossimo 20 ottobre. Per le migliaia di professionisti in attesa di vedersi rimborsare ciò che è loro diritto ricevere – conclude Pantano –  sono già a disposizione oltre 350 consulenti che rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.777”.

Articoli correlati
Medicina Generale, Sabatini (FIMMG): «Borse dimezzate rispetto a specializzandi. Serve equiparare»
In concomitanza con la sentenza di appello che conferma il diritto degli ex specializzandi alla giusta remunerazione, i medici di famiglia lamentano un borsa di formazione dimezzata rispetto ai colleghi specialisti
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»
L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato al risarcimento perché ha violato la giurisprudenza dell'Unione europea e dell'Italia», sottolinea l’avvocato. La materia è anche oggetto di un Master alla Luiss
Ex specializzandi, lo Stato paga altri 12 milioni di euro a 400 medici. Il Lazio è la Regione più rimborsata
Antonio Magi (Presidente OMCeO Roma): «Importante il lavoro di Consulcesi Group a tutela dei diritti dei medici ex specializzandi. In un momento particolarmente difficile per la professione conforta sapere che ci sono professionisti in grado di far rispettare le leggi e i regolamenti posti in essere in ambito Ue». Andrea Tortorella (AD Consulcesi): «Continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici con nuove soluzioni e servizi esclusivi sulla nostra rinnovata piattaforma web e con l’innovazione della tecnologia Blockchain anche gli operatori sanitari italiani potranno certificare la loro formazione»
ECM, Leoni (FNOMCeO) contro la carenza di personale: «Così non riusciamo a sopperire alla formazione»
«La formazione permanente è parte integrante di quello che è anche l’orario di lavoro del medico», spiega Giovanni Leoni vicepresidente FNOMCeO. Per questo è necessario «il ripristino dell’organico normale degli ospedali per avere uno staff adeguato per far tutte quante le funzioni a loro richieste»
Ex specializzandi, Tortorella (Consulcesi): «Con nuovo Parlamento Ue pronta la soluzione»
Le elezioni europee, tra riconferme e volti nuovi, segnano una svolta nel lungo contenzioso tra lo Stato italiano e gli ex specializzandi. Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi: «Boom di preferenze per i candidati che si sono confrontati con noi e hanno siglato un contratto bipartisan incentrato sui diritti da rivendicare per la classe medica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...