Politica 28 Febbraio 2014

Rimborsi ex specializzandi: restituiti a Torino altri 4 milioni ai camici bianchi

Il dottor Massimo Leporati: “Dopo tutti questi anni non ci credevo più, un risultato straordinario”

Immagine articolo

Al dottor Massimo Leporati non erano stati corrisposti i rimborsi degli anni di specializzazione. Migliaia e migliaia di euro che lo Stato italiano era obbligato a dargli in virtù di una normativa europea entrata in vigore nel nostro Paese con largo e colpevole ritardo. Il medico ha dato il via all’iter processuale per prendere quel che gli spettava di diritto nel 2002, supportato dal team di Consulcesi, la più grande associazione italiana e tra le maggiori in Europa nell’ambito della tutela dei professionisti sanitari.

Dopo quasi dodici anni di battaglie legali, il giudice gli ha dato ragione. Ma non era da solo. Insieme a lui tantissimi colleghi che si trovavano nella stessa situazione hanno ottenuto il medesimo risultato. Tutti questi hanno ricevuto, in totale, più di quattro milioni di euro, consegnati ufficialmente venerdì 24 gennaio a Torino. “Per me sabati, domeniche e capodanni non esistevano – ha spiegato il dottor Leporati, specializzato in Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica – perché per pagarmi gli studi lavoravo come cameriere. Dopo tutti questi anni cominciavo a non crederci più, ma finalmente il diritto è stato riconosciuto”.

“Non ci fermeremo finché l’ultimo medico il cui diritto sia stato leso non verrà risarcito”

La vicenda risale al 1983, quando gli Stati del vecchio continente vennero obbligati da alcune direttive europee a corrispondere un giusto compenso ai medici che frequentavano (o che lo avrebbero fatto in futuro) un corso di specializzazione. In Italia, purtroppo, queste direttive rimasero lettera morta e i medici specializzandi non ricevettero nulla di quel che era loro dovuto. Tutto questo è avvenuto fino a quando l’Italia non ha finalmente recepito le indicazioni UE. Ma da quel momento si sono aperti vari fronti processuali in cui i professionisti sanitari chiedevano allo Stato quanto gli spettava. I medici interessati sono quelli immatricolati tra gli anni 1982 e 1991 e tra il 1994 e il 2006.

È questo il momento in cui scende in campo Consulcesi, prendendo a cuore il destino di questi medici e supportandoli  al fine di ottenere i rimborsi negati:  “Come Associazione – ha dichiarato il vicepresidente Edoardo Pantano – abbiamo avuto un 2013 straordinario che ci ha fatto raggiungere la cifra record di 327 milioni di euro riconosciuti dai tribunali di tutta Italia, con cause sempre più brevi e una giurisprudenza ormai consolidata in favore dei medici. Questo 2014 inizia ancora meglio  con una nuova importante azione collettiva che partirà a breve. Non abbiamo alcuna intenzione di fermarci finché l’ultimo medico sul territorio nazionale il cui diritto sia stato leso non verrà adeguatamente risarcito“. Per informazioni sono disponibili il numero verde dell’Associazione: 800 122 777, ed il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Ex specializzandi, Foad Aodi(Amsi): «Resa giustizia a tanti medici che lottano per i loro diritti»
«Perché i medici – spiega il presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), Foad Aodi - tante volte ultimamente vedono i loro diritti e anche la loro professione a rischio, tra aggressioni e denunce»
Medicina Generale, Sabatini (FIMMG): «Borse dimezzate rispetto a specializzandi. Serve equiparare»
In concomitanza con la sentenza di appello che conferma il diritto degli ex specializzandi alla giusta remunerazione, i medici di famiglia lamentano un borsa di formazione dimezzata rispetto ai colleghi specialisti
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»
L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato al risarcimento perché ha violato la giurisprudenza dell'Unione europea e dell'Italia», sottolinea l’avvocato. La materia è anche oggetto di un Master alla Luiss
Ex specializzandi, lo Stato paga altri 12 milioni di euro a 400 medici. Il Lazio è la Regione più rimborsata
Antonio Magi (Presidente OMCeO Roma): «Importante il lavoro di Consulcesi Group a tutela dei diritti dei medici ex specializzandi. In un momento particolarmente difficile per la professione conforta sapere che ci sono professionisti in grado di far rispettare le leggi e i regolamenti posti in essere in ambito Ue». Andrea Tortorella (AD Consulcesi): «Continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici con nuove soluzioni e servizi esclusivi sulla nostra rinnovata piattaforma web e con l’innovazione della tecnologia Blockchain anche gli operatori sanitari italiani potranno certificare la loro formazione»
ECM, Leoni (FNOMCeO) contro la carenza di personale: «Così non riusciamo a sopperire alla formazione»
«La formazione permanente è parte integrante di quello che è anche l’orario di lavoro del medico», spiega Giovanni Leoni vicepresidente FNOMCeO. Per questo è necessario «il ripristino dell’organico normale degli ospedali per avere uno staff adeguato per far tutte quante le funzioni a loro richieste»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano