Politica 28 febbraio 2014

Rimborsi ex specializzandi: restituiti a Torino altri 4 milioni ai camici bianchi

Il dottor Massimo Leporati: “Dopo tutti questi anni non ci credevo più, un risultato straordinario”

Immagine articolo

Al dottor Massimo Leporati non erano stati corrisposti i rimborsi degli anni di specializzazione. Migliaia e migliaia di euro che lo Stato italiano era obbligato a dargli in virtù di una normativa europea entrata in vigore nel nostro Paese con largo e colpevole ritardo. Il medico ha dato il via all’iter processuale per prendere quel che gli spettava di diritto nel 2002, supportato dal team di Consulcesi, la più grande associazione italiana e tra le maggiori in Europa nell’ambito della tutela dei professionisti sanitari.

Dopo quasi dodici anni di battaglie legali, il giudice gli ha dato ragione. Ma non era da solo. Insieme a lui tantissimi colleghi che si trovavano nella stessa situazione hanno ottenuto il medesimo risultato. Tutti questi hanno ricevuto, in totale, più di quattro milioni di euro, consegnati ufficialmente venerdì 24 gennaio a Torino. “Per me sabati, domeniche e capodanni non esistevano – ha spiegato il dottor Leporati, specializzato in Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica – perché per pagarmi gli studi lavoravo come cameriere. Dopo tutti questi anni cominciavo a non crederci più, ma finalmente il diritto è stato riconosciuto”.

“Non ci fermeremo finché l’ultimo medico il cui diritto sia stato leso non verrà risarcito”

La vicenda risale al 1983, quando gli Stati del vecchio continente vennero obbligati da alcune direttive europee a corrispondere un giusto compenso ai medici che frequentavano (o che lo avrebbero fatto in futuro) un corso di specializzazione. In Italia, purtroppo, queste direttive rimasero lettera morta e i medici specializzandi non ricevettero nulla di quel che era loro dovuto. Tutto questo è avvenuto fino a quando l’Italia non ha finalmente recepito le indicazioni UE. Ma da quel momento si sono aperti vari fronti processuali in cui i professionisti sanitari chiedevano allo Stato quanto gli spettava. I medici interessati sono quelli immatricolati tra gli anni 1982 e 1991 e tra il 1994 e il 2006.

È questo il momento in cui scende in campo Consulcesi, prendendo a cuore il destino di questi medici e supportandoli  al fine di ottenere i rimborsi negati:  “Come Associazione – ha dichiarato il vicepresidente Edoardo Pantano – abbiamo avuto un 2013 straordinario che ci ha fatto raggiungere la cifra record di 327 milioni di euro riconosciuti dai tribunali di tutta Italia, con cause sempre più brevi e una giurisprudenza ormai consolidata in favore dei medici. Questo 2014 inizia ancora meglio  con una nuova importante azione collettiva che partirà a breve. Non abbiamo alcuna intenzione di fermarci finché l’ultimo medico sul territorio nazionale il cui diritto sia stato leso non verrà adeguatamente risarcito“. Per informazioni sono disponibili il numero verde dell’Associazione: 800 122 777, ed il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...