Politica 28 Febbraio 2014 15:14

Rimborsi ex specializzandi: restituiti a Torino altri 4 milioni ai camici bianchi

Il dottor Massimo Leporati: “Dopo tutti questi anni non ci credevo più, un risultato straordinario”

Rimborsi ex specializzandi: restituiti a Torino altri 4 milioni ai camici bianchi

Al dottor Massimo Leporati non erano stati corrisposti i rimborsi degli anni di specializzazione. Migliaia e migliaia di euro che lo Stato italiano era obbligato a dargli in virtù di una normativa europea entrata in vigore nel nostro Paese con largo e colpevole ritardo. Il medico ha dato il via all’iter processuale per prendere quel che gli spettava di diritto nel 2002, supportato dal team di Consulcesi, la più grande associazione italiana e tra le maggiori in Europa nell’ambito della tutela dei professionisti sanitari.

Dopo quasi dodici anni di battaglie legali, il giudice gli ha dato ragione. Ma non era da solo. Insieme a lui tantissimi colleghi che si trovavano nella stessa situazione hanno ottenuto il medesimo risultato. Tutti questi hanno ricevuto, in totale, più di quattro milioni di euro, consegnati ufficialmente venerdì 24 gennaio a Torino. “Per me sabati, domeniche e capodanni non esistevano – ha spiegato il dottor Leporati, specializzato in Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica – perché per pagarmi gli studi lavoravo come cameriere. Dopo tutti questi anni cominciavo a non crederci più, ma finalmente il diritto è stato riconosciuto”.

“Non ci fermeremo finché l’ultimo medico il cui diritto sia stato leso non verrà risarcito”

La vicenda risale al 1983, quando gli Stati del vecchio continente vennero obbligati da alcune direttive europee a corrispondere un giusto compenso ai medici che frequentavano (o che lo avrebbero fatto in futuro) un corso di specializzazione. In Italia, purtroppo, queste direttive rimasero lettera morta e i medici specializzandi non ricevettero nulla di quel che era loro dovuto. Tutto questo è avvenuto fino a quando l’Italia non ha finalmente recepito le indicazioni UE. Ma da quel momento si sono aperti vari fronti processuali in cui i professionisti sanitari chiedevano allo Stato quanto gli spettava. I medici interessati sono quelli immatricolati tra gli anni 1982 e 1991 e tra il 1994 e il 2006.

È questo il momento in cui scende in campo Consulcesi, prendendo a cuore il destino di questi medici e supportandoli  al fine di ottenere i rimborsi negati:  “Come Associazione – ha dichiarato il vicepresidente Edoardo Pantano – abbiamo avuto un 2013 straordinario che ci ha fatto raggiungere la cifra record di 327 milioni di euro riconosciuti dai tribunali di tutta Italia, con cause sempre più brevi e una giurisprudenza ormai consolidata in favore dei medici. Questo 2014 inizia ancora meglio  con una nuova importante azione collettiva che partirà a breve. Non abbiamo alcuna intenzione di fermarci finché l’ultimo medico sul territorio nazionale il cui diritto sia stato leso non verrà adeguatamente risarcito“. Per informazioni sono disponibili il numero verde dell’Associazione: 800 122 777, ed il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Azione collettiva medici ex specializzandi: in 3 giorni altri 4 milioni a 164 medici
Il presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «In attesa dell'accordo transattivo, continueremo a lottare in tribunale per sanare questa grave ingiustizia»
Ex specializzandi, Consulcesi: «Con transazione risparmio di oltre 78 milioni per i costi delle cause»
Rappresentanti dei medici e politici fanno fronte comune per chiudere la vertenza. Richiamo anche da Bruxelles. Il Vicepresidente del Parlamento Ue, Castaldo: «Recovery fund e presupposti per trovare soluzione». Il senatore di maggioranza Pagano in pressing sul governo e pronto a nuovo Ddl. Forte appello a immediata risoluzione anche da Anelli (FNOMCeO), Oliveti (Enpam) e Magi (OMCeO Roma)
Azione collettiva medici ex specializzandi. Stato condannato a pagare altri 7 milioni di euro
Il Tribunale di Roma (Sentenza n. 951/2021) accoglie il nuovo ricorso di Consulcesi: riconosciuto il diritto negato ad altri 259 medici per la violazione delle direttive Ue. Massimo Tortorella (presidente Consulcesi): «La pandemia non frena la giustizia. Andremo avanti finché ogni medico non riceverà ciò che gli spetta».
Dal Recovery Plan alle malattie rare, la crisi di governo mette in bilico alcune riforme chiave per la sanità
Il ritorno alle urne, per quanto improbabile, resta sullo sfondo di una crisi di governo dall’esito imprevedibile. Rischiano di saltare riforme chiave della sanità: dalla medicina territoriale all'infermiere di comunità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM