Politica 25 Marzo 2021 15:24

Riforma OSS, arriva il Ddl di Paola Boldrini che punta su uniformità della formazione e registri regionali

Il Disegno di legge definisce il profilo professionale collocandolo in ambito «sanitario, socio-sanitario, sociale e di vita quotidiana». Inoltre punta alla creazione di un Osservatorio nazionale e riconosce l’OSS come «professione usurante»

Riordinare la professione dell’operatore socio-sanitario uniformando la formazione e creando registri regionali per prevenire l’abusivismo. È l’obiettivo del Disegno di legge presentato dalla senatrice Paola Boldrini (Pd) in Senato, il secondo dopo quello della collega Cinque Stelle Barbara Guidolin.

In realtà sono anni che le associazioni di categoria, MIGEP in testa, chiedono una riforma organica del settore. Con la Legge Lorenzin gli OSS sono stati inseriti nell’area socio-sanitaria ma a questo passaggio non è seguito un reale cambiamento. Il Ddl presentato dalla Boldrini prova a conferire quella dignità professionale che gli OSS chiedono da tempo.

Il profilo professionale dell’OSS

Innanzitutto, individua il profilo professionale dell’operatore socio-sanitario come «colui che, in possesso del diploma di qualifica professionale, conseguito al termine di specifica formazione professionale, svolge attività indirizzate a soddisfare i bisogni primari della persona e a favorire il benessere e l’autonomia delle persone assistite, in ambito sanitario, socio-sanitario, sociale e di vita quotidiana».

Il Ddl prevede la revisione dei vigenti accordi tra lo Stato e le regioni riguardanti la professione degli operatori socio-sanitari, prevedendo il suo riordino nel rispetto di alcuni criteri: uniformare la formazione sia in termini di contenuti teorici e pratici (tirocinio, stage) che di monte ore, attribuendone la titolarità al Servizio sanitario nazionale; uniformare il titolo di studio e i contenuti; definire in modo puntuale competenze, attività, ambiti operativi e responsabilità, nonché modalità di inserimento nei differenti contesti operativi; definire criteri cogenti per l’accreditamento degli enti formatori, direttori di corso, docenti tutor, nonché per le sedi di tirocinio; definire le modalità di mantenimento delle competenze (formazione continua); definire l’attivazione obbligatoria di un registro regionale degli operatori socio-sanitari per tutelare il cittadino e prevenire l’abusivismo.

Gli ambiti operativi e la qualifica di ‘professione usurante’

Nel Ddl si parla degli ambiti operativi (area della prevenzione, della cura, della riabilitazione e della palliazione), dell’integrazione multiprofessionale della propria attività con quella degli altri operatori sanitari, socio-sanitari e sociali. Viene riconosciuto che l’attività dell’operatore socio-sanitario è lavoro usurante e rientra nelle categorie che hanno diritto al trattamento pensionistico anticipato.

Formazione e Osservatorio nazionale

Per la formazione si prevedono corsi con durata non inferiore a 1.400 ore in un arco temporale non inferiore a dodici mesi e non superiore a diciotto e un tirocinio da espletare nelle strutture e servizi in cui è previsto l’impiego di operatori socio-sanitari, in particolare nelle aziende e negli enti del servizio sanitario regionale e del sociale, del privato sanitario o socio-sanitario, autorizzato e accreditato, e in ambito scolastico per le pertinenti attività socio-sanitarie sotto la supervisione di un tutor.

Nel Ddl vengono definite in modo chiaro le competenze dell’OSS che sono di natura socio-sanitaria, tecnica, relazionale ed educativa, e sono finalizzate a favorire il benessere e l’autonomia delle persone assistite con problemi di salute acuti o cronici, disabilità, disturbi mentali, dipendenza patologica, disagio sociale ed emarginazione, in tutte le fasi della vita, anche in fase terminale. Attività che vanno dall’aiuto alla persona assistita all’igiene e all’alimentazione fino a realizzare attività fisica.

Infine la legge prevede la creazione di un Osservatorio nazionale del profilo professionale di operatore socio-sanitario per la verifica e il monitoraggio dell’attuazione della legge medesima.

Il plauso della Fials

Il Ddl ha già raccolto il plauso del sindacato Fials che ha annunciato che lo sosterrà nell’iter legislativo. «L’operatore socio-sanitario ha una sua dignità di ruolo e professione, e come tale deve essere valorizzato all’interno dell’equipe – spiega il segretario Giuseppe Carbone -. Questo Ddl risponde bene alla sfida di adeguarne il profilo in rapporto al mutato quadro epidemiologico e demografico del Paese e ai nuovi bisogni di salute del cittadino».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cybersecurity, Boldrini (Pd): «Coinvolgere il ministero Salute, dati sanitari sono i più sensibili»
«La cybersicurezza è strategica e riguarda sempre di più da vicino anche la salute dei cittadini, come purtroppo sta dimostrando l’attacco degli hacker alla piattaforma sanitaria della Regione Lazio. Abbiamo appena approvato la legge che istituisce l’Agenzia nazionale per la cybersicurezza e che prevede un comitato interministeriale per la sicurezza informatica. Ciò significa che nei […]
OSS, Guidolin (M5S): «Bene impegno del ministro Orlando, ora inquadrarli tra i lavori gravosi»
«Esprimo soddisfazione per le parole del ministro del Lavoro sulla vicenda degli operatori socio-sanitari. Il Pd e M5S hanno condotto insieme una battaglia a tutela della categoria riuscendo ad ottenere l’inserimento nel ruolo socio-sanitario per questa platea di professionisti. Ora, però, serve un ulteriore sforzo ed inquadrare il lavoro degli Oss nella cornice dei lavori […]
Dl Sostegni bis, Boldrini (Pd): «Importanti emendamenti su sostegno psicologico e servizi neuropsichiatria infantile»
«Nel decreto Sostegni bis che il Senato sta per approvare in via definitiva, come Pd siamo riusciti a ottenere importanti interventi di miglioramento per la sanità, che valgono svariati milioni di euro. Un buon inizio». Lo ha detto in Aula la senatrice del Pd Paola Boldrini, vicepresidente della Commissione Sanità. «Abbiamo lavorato molto – spiega […]
Dl Sostegni Bis, riconosciuto ruolo sociosanitario di OSS, assistenti sociali e sociologi
Minghetti (Migep): «Buona soluzione, speriamo nell'approvazione del Senato». Giuliano (Ugl): «Ora si dia loro il giusto riconoscimento retributivo»
Carnevali (Pd): «Riconosciuto il diritto al corretto nome dell’inquadramento di assistenti sociali, sociologi ed OSS»
«La Camera dei deputati in sede di conversione del decreto “Sostegni bis” ha approvato l’emendamento, a mia prima firma, che riconosce finalmente il giusto inquadramento normativo agli assistenti sociali, sociologi ed operatori sociosanitari dipendenti del SSN istituendo, così, il ruolo sociosanitario ed affrancandoli dalla vetusta e inidonea collocazione nel ruolo tecnico, in cui erano confinati […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano