Politica 8 Gennaio 2019

Responsabilità medica, parla Amedeo Bianco: «Ora anche strutture coinvolte su tema sicurezza. Ma servono ultimi decreti attuativi»

L’ex Senatore, presidente Fnomceo e relatore della Legge 24 insieme a Federico Gelli, sottolinea: «I medici hanno capito che è stato fatto uno sforzo importante. Ma non abbiamo mai celebrato questa legge come la panacea di tutti i mali, alcuni problemi esistono ancora, bisognerà lavorarci molto»

Immagine articolo

È stata una legge molto attesa dalla categoria, la 24 del 2017 che ha regolato il rischio professionale in sanità. Ma, a più di un anno dall’entrata in vigore, mancano ancora alcuni decreti attuativi che nei fatti rischiano di menomarne la funzionalità. Un rischio che hanno ben presente i relatori di quella legge, l’ex responsabile sanità del Pd Federico Gelli e l’ex senatore Amedeo Bianco, da sempre in prima linea su questo tema. Fra gli obiettivi della legge quello di ridurre il contenzioso, civile e penale, avente ad oggetto la responsabilità medica e al tempo stesso garantire un più efficace sistema risarcitorio nei confronti del paziente. «Manca il decreto che definisce i requisiti minimi delle polizze assicurative che sappiamo essere un tema delicatissimo – sottolinea Bianco, che Sanità Informazione ha incontrato a un evento della SIMEDET, Società Italiana Medicina Diagnostica e Terapeutica Siamo oltre il termine previsto dalla legge che era un termine prescrittivo e non ordinatorio. Un passaggio importante anche dal punto di vista pratico perché definisce le tariffe, le modalità di copertura, l’individuazione delle fasce di rischio».

LEGGI ANCHE: IL MINISTRO GRILLO INCONTRA I RAPPRESENTANTI DEL PATTO DELLE SOCIETA’ SCIENTIFICHE: IMPEGNO PER ACCREDITAMENTO, LINEE GUIDA E DECRETO ASSICURAZIONI

Senatore, è passato un po’ di tempo dalla promulgazione di una legge che ha provato a rivoluzionare questo ambito…

«Com’è noto ha portato molti cambiamenti. Certamente alcuni di questi cambiamenti devono entrare nella pratica corrente attraverso l’emanazione di decreti. Tutta la parte che riguarda il grande tema delle linee guida, dei soggetti accreditatori e accreditanti, delle procedure e delle modalità che riguardano le linee guida è una parte che è stata impostata e che adesso deve cominciare a funzionare. Mancano alcuni decreti importanti, manca il decreto che definisce i requisiti minimi delle polizze assicurative che sappiamo essere un tema delicatissimo. Siamo oltre il termine previsto dalla legge che era un termine prescrittivo e non ordinatorio. Un passaggio importante anche dal punto di vista pratico perché definisce le tariffe, le modalità di copertura, l’individuazione delle fasce di rischio. Sono aspetti di fatto molto sensibili per le aziende sanitarie».

LEGGI ANCHE: LEGGE GELLI: IDENTIKIT DEL MEDICO A RISCHIO CONTENZIOSO. ORTOPEDICI  E GINECOLOGI NEL MIRINO, I PIU’ PRUDENTI SONO MASCHI E DEL NORD

I medici come hanno accolto questa rivoluzione?

«Come può immaginare ho girato molto, sia in fase pre-emanazione, sia in fase post. Ho cercato di spiegare le direttrici sulle quali si era mossa questa azione riformatrice e devo dire che i medici hanno certamente compreso lo sforzo di innovazione, lo sforzo di riallocare gli aspetti connessi alla responsabilità per eventi indesiderati nelle cure sanitarie, spostarli il più possibile per quanto legittimamente dalla responsabilità del singolo alla responsabilità del sistema che è quello effettivamente più chiamato in causa, facendo diventare tutto il tema della sicurezza un tema cui non solo si devono far carico i singoli professionisti, ma anche e soprattutto la struttura. Hanno capito lo sforzo di intervenire sia nella disciplina penale che nella disciplina civilistica della responsabilità: più chiara, più netta quella civile, ancora controversa la responsabilità penale. Sappiamo essere una materia molto molto combattuta dal punto di vista della dottrina giuridica, dal punto di vista dell’esercizio del diritto, cioè della magistratura e perfino dal punto di vista costituzionale laddove naturalmente il principio di uguaglianza è un principio che sovrasta tutti gli sforzi di disegnare profili di responsabilità penale un po’ differenti. In buona sostanza credo che i medici abbiano capito che è stato fatto uno sforzo importante. Noi stessi non abbiamo mai celebrato questa legge come la panacea di tutti i mali, alcuni problemi esistono ancora, bisognerà lavorarci molto, come molto dipende dai decreti attuativi. Hanno capito questo sforzo, credo anche che l’abbiano apprezzato sapendo che, su questa strada che è stata aperta, bisogna ancora camminare».

Articoli correlati
Medici sotto processo, Maggiorotti (Amami): «Impatto psicologico devastante. Ma forse il civile è anche peggio…»
Il presidente dell’Associazione per i medici accusati di malpractice ingiustamente: «La polizza assicurativa di un chirurgo costa circa 12-15mila euro l’anno, ma se negli ultimi 10 anni ha ricevuto una richiesta di risarcimento, a prescindere dall’esito, la cifra può raddoppiare o, peggio, il medico può avere difficoltà a trovare una copertura assicurativa, e deve quindi smettere di lavorare»
Terapisti occupazionali, Michele Senatore (Aito): «Aiutiamo la persona a riacquistare dignità e autonomia nel proprio contesto di vita»
I professionisti inclusi nella legge Lorenzin ma esclusi dalla Gelli-Bianco. il presidente Aito, Associazione Italiana Terapisti Occupazionali: «Vorremmo avere la possibilità di essere riammessi. L’attuale esclusione impedisce alla nostra Associazione di stilare le linee guida che definiscono le competenze del terapista occupazionale»
di Isabella Faggiano
FNOPO e TSRM PSTRP presentano accordo con il CSM su albi periti e consulenti tecnici
Il prossimo 12 marzo la Federazione degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO) e la Federazione degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione (FNO TSRM PSTRP) firmeranno l’Accordo con il Consiglio Superiore della Magistratura e il Consiglio Nazionale Forense per l’armonizzazione dei criteri e delle procedure di formazione […]
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
Spot risarcimento danni, Tortorella (Consulcesi): «Comunicazione ingannevole e scorretta, presenteremo denuncia a Procura di Roma»
Il Presidente del network che opera nel settore della sanità, , intervistato dall'Ansa, condanna il messaggio pubblicitario di Obiettivo Risarcimento con protagonista Enrica Bonaccorti: «Pubblicità causa grave danno d’immagine per gli operatori del Sistema sanitario nazionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone