Politica 8 Gennaio 2019

Responsabilità medica, parla Amedeo Bianco: «Ora anche strutture coinvolte su tema sicurezza. Ma servono ultimi decreti attuativi»

L’ex Senatore, presidente Fnomceo e relatore della Legge 24 insieme a Federico Gelli, sottolinea: «I medici hanno capito che è stato fatto uno sforzo importante. Ma non abbiamo mai celebrato questa legge come la panacea di tutti i mali, alcuni problemi esistono ancora, bisognerà lavorarci molto»

Immagine articolo

È stata una legge molto attesa dalla categoria, la 24 del 2017 che ha regolato il rischio professionale in sanità. Ma, a più di un anno dall’entrata in vigore, mancano ancora alcuni decreti attuativi che nei fatti rischiano di menomarne la funzionalità. Un rischio che hanno ben presente i relatori di quella legge, l’ex responsabile sanità del Pd Federico Gelli e l’ex senatore Amedeo Bianco, da sempre in prima linea su questo tema. Fra gli obiettivi della legge quello di ridurre il contenzioso, civile e penale, avente ad oggetto la responsabilità medica e al tempo stesso garantire un più efficace sistema risarcitorio nei confronti del paziente. «Manca il decreto che definisce i requisiti minimi delle polizze assicurative che sappiamo essere un tema delicatissimo – sottolinea Bianco, che Sanità Informazione ha incontrato a un evento della SIMEDET, Società Italiana Medicina Diagnostica e Terapeutica Siamo oltre il termine previsto dalla legge che era un termine prescrittivo e non ordinatorio. Un passaggio importante anche dal punto di vista pratico perché definisce le tariffe, le modalità di copertura, l’individuazione delle fasce di rischio».

LEGGI ANCHE: IL MINISTRO GRILLO INCONTRA I RAPPRESENTANTI DEL PATTO DELLE SOCIETA’ SCIENTIFICHE: IMPEGNO PER ACCREDITAMENTO, LINEE GUIDA E DECRETO ASSICURAZIONI

Senatore, è passato un po’ di tempo dalla promulgazione di una legge che ha provato a rivoluzionare questo ambito…

«Com’è noto ha portato molti cambiamenti. Certamente alcuni di questi cambiamenti devono entrare nella pratica corrente attraverso l’emanazione di decreti. Tutta la parte che riguarda il grande tema delle linee guida, dei soggetti accreditatori e accreditanti, delle procedure e delle modalità che riguardano le linee guida è una parte che è stata impostata e che adesso deve cominciare a funzionare. Mancano alcuni decreti importanti, manca il decreto che definisce i requisiti minimi delle polizze assicurative che sappiamo essere un tema delicatissimo. Siamo oltre il termine previsto dalla legge che era un termine prescrittivo e non ordinatorio. Un passaggio importante anche dal punto di vista pratico perché definisce le tariffe, le modalità di copertura, l’individuazione delle fasce di rischio. Sono aspetti di fatto molto sensibili per le aziende sanitarie».

LEGGI ANCHE: LEGGE GELLI: IDENTIKIT DEL MEDICO A RISCHIO CONTENZIOSO. ORTOPEDICI  E GINECOLOGI NEL MIRINO, I PIU’ PRUDENTI SONO MASCHI E DEL NORD

I medici come hanno accolto questa rivoluzione?

«Come può immaginare ho girato molto, sia in fase pre-emanazione, sia in fase post. Ho cercato di spiegare le direttrici sulle quali si era mossa questa azione riformatrice e devo dire che i medici hanno certamente compreso lo sforzo di innovazione, lo sforzo di riallocare gli aspetti connessi alla responsabilità per eventi indesiderati nelle cure sanitarie, spostarli il più possibile per quanto legittimamente dalla responsabilità del singolo alla responsabilità del sistema che è quello effettivamente più chiamato in causa, facendo diventare tutto il tema della sicurezza un tema cui non solo si devono far carico i singoli professionisti, ma anche e soprattutto la struttura. Hanno capito lo sforzo di intervenire sia nella disciplina penale che nella disciplina civilistica della responsabilità: più chiara, più netta quella civile, ancora controversa la responsabilità penale. Sappiamo essere una materia molto molto combattuta dal punto di vista della dottrina giuridica, dal punto di vista dell’esercizio del diritto, cioè della magistratura e perfino dal punto di vista costituzionale laddove naturalmente il principio di uguaglianza è un principio che sovrasta tutti gli sforzi di disegnare profili di responsabilità penale un po’ differenti. In buona sostanza credo che i medici abbiano capito che è stato fatto uno sforzo importante. Noi stessi non abbiamo mai celebrato questa legge come la panacea di tutti i mali, alcuni problemi esistono ancora, bisognerà lavorarci molto, come molto dipende dai decreti attuativi. Hanno capito questo sforzo, credo anche che l’abbiano apprezzato sapendo che, su questa strada che è stata aperta, bisogna ancora camminare».

Articoli correlati
Un libro mette sotto la lente di ingrandimento la responsabilità degli operatori sanitari
Vito Tenore, consigliere della Corte dei Conti lombarda e autore dello studio sulla responsabilità disciplinare, civile, penale e amministrativo contabile del personale sanitario: «La legge Gelli tutela medici e pazienti, ma bisogna elaborare le linee guida»
di Federica Bosco
Linee guida, l’Italia ne ha tre e l’Inghilterra 315. Fondazione Italia in Salute: «Siamo a disposizione delle società scientifiche»
Il monito di Fidelia Cascini, responsabile del programma di ricerca della Fondazione: «Nell’interesse di medici e pazienti, è necessario rendere facilmente consultabile tutta la migliore evidenza scientifica disponibile»
Legge 24/2017, Gelli: «In caso di contenzioso, magistrato tutela professionista formato e preparato»
Al convegno promosso dalla Fondazione Italia in Salute, il Presidente Gelli ha precisato: «Linee guida e buone pratiche sono parametri di riferimento ai quali deve essere comparata la condotta del medico. Il professionista deve dimostrare di aver fatto un percorso formativo adeguato alla professione che svolge»
Fondazione Italia in Salute, per l’anniversario focus su linee guida. Gelli: «Fonte d’ispirazione per medici»
A un anno dalla nascita della Fondazione, tante le attività di ricerca portate avanti. Ricciardi (Comitato scientifico): «Il Paese necessita l’elaborazione delle linee guida; di fatto, la pratica clinica oggi è purtroppo molto eterogenea non solo tra regioni ma anche all’interno delle stesse aziende sanitarie locali»
Manovra 2020, Lorenzin (PD): «Grande soddisfazione. Lavorare per incremento borse e sblocco turnover»
«Con il Patto per la salute si avrà una nuova stagione di programmazione sanitaria. I due miliardi di quest’anno e quelli del prossimo anno segnano un aumento e un rifinanziamento del fondo. A questo si aggiungono le 1200 borse di specializzazione in più e l’aumento del contratto». Così la deputata PD a margine di un evento della Fondazione Italia in Salute al Senato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...