Politica 26 Febbraio 2019

Professioni sanitarie, l’ex ministro della Salute Mariapia Garavaglia: «Ora la sfida è essere competitivi in Europa»

L’ex titolare della Salute è stata una dei protagonisti della legge, di cui si celebrano i 20 anni, che ha normato le professioni sanitarie: «Grazie a loro l’attività medica è più efficace. Si è compiuta una lunga evoluzione che è stata accompagnata anche da un cambiamento culturale sia dei cittadini che dei professionisti»

Immagine articolo

«Con la legge 42 del 1999 abbiamo fatto un buon lavoro di garanzia e per i professionisti è stata certamente una promozione di qualità». L’ex ministro della Salute Mariapia Garavaglia commenta a Sanità Informazione i 20 anni della legge 42 del 1999, che di fatto ha istituito le professioni sanitarie almeno così come le conosciamo oggi. Anche lei è stata tra i politici che hanno dato un contributo importante a un passaggio che in molti definiscono come una “rivoluzione culturale”: tra gli aspetti fondamentali della normativa l’abolizione dei mansionari per quelle professioni che ne erano dotate (infermieri, ostetriche, assistenti sanitarie, vigilatrici d’infanzia, tecnici di radiologia) e la piena equipollenza ai nuovi diplomi universitari dei diplomi ed attestati acquisiti con la precedente normativa dando, quindi, dignità professionale e scientifica agli operatori interessati. «La medicina non è solo la terapia farmaceutica ma è un intervento a sostegno sia della prevenzione che della cura. Perciò questa legge si inscrive nella dinamicità della sanità. Il sistema sanitario aperto a tutti è il pilastro dell’universalità: per tutti con tutte le professioni. Quindi da questo punto di vista la legge è stata un avanzamento anche della legge 833 istitutiva del SSN», commenta Garavaglia, oggi presidente del consiglio di amministrazione della Fondazione Luigi Maria Monti, a cui appartiene l’Istituto dermopatico dell’Immacolata.

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, BEATRICE LORENZIN: «ORDINE IMPORTANTE PER COMBATTERE ABUSIVISMO. MA DAL GOVERNO PASSI INDIETRO CON DEREGULATION»

Presidente, è stato difficile arrivare a questa legge? C’è voluto un lungo lavoro…

«Si, è stato faticoso. Era più facile, anche nella divulgazione pratica, ritenere che fosse l’atto medico l’atto più importante anche per la cura. Invece l’atto medico aumenta la sua possibilità proprio perché ci sono queste professioni che integrano l’attività del medico. L’infermiere, il fisioterapista, il tecnico di laboratorio che offrono le loro specialità al paziente rendono poi anche più efficace l’attività medica. Quindi la difficoltà c’è stata dal 1993, quando io ho fatto i profili, fino alla 42 del 1999 che ha allargato i profili delle professioni sanitarie, fino all’ultima legge Lorenzin del 2017, con l’istituzione degli Ordini, che ha completato un iter importantissimo sia per chi lavora ma anche per chi riceve le prestazioni».

Tra la legge del 1999 e quella istitutiva dell’Ordine sono passati tanti anni. Come mai?

«Se lei potesse analizzare il dibattito parlamentare vede che alcune professioni sembravano in conflitto tra di loro. L’ultima legge, la legge Lorenzin, aveva visto confrontarsi, con una certa durezza dialettica, gli osteopati con i fisioterapisti. A suo tempo i podologi nei confronti dei tecnici di ortopedia. Poi i tecnici odontoiatrici nei confronti degli odontoiatri. Ma nell’evoluzione delle professioni c’è stato sempre più bisogno di professionisti, quindi man mano anche quelle professioni che ritenevano di essere danneggiate hanno cambiato opinione perché diminuiscono i medici, sono pochi gli infermieri, quindi accanto ai medici le altre professioni integrano le prestazioni dando maggior qualità e avendo a disposizione una quantità maggiore di professionisti. È stata una lunga evoluzione che è stata accompagnata anche da una evoluzione culturale sia dei cittadini che dei professionisti».

Ora è stato istituito l’Ordine, adesso piano piano si stanno iscrivendo tutti i professionisti. Qual è secondo lei la sfida più importante per il futuro delle professioni sanitarie?

«La maggior continua qualificazione attraverso l’aggiornamento continuo e forse anche l’aggiunta di corsi di specializzazione avendo l’ordine o l’Albo come strumento di autodisciplina. Ora hanno a disposizione una propria capacità organizzativa e quindi senza entrare in conflitto con altri, ciascuno nel proprio ambito, avrà l’ambizione di sfidare se stessi nel miglioramento continuo anche perché siamo in Europa, abbiamo i confini aperti, per le professioni sanitarie come per altro e quindi la sfida è anche il confronto. Credo che dal confronto emergerà un sempre migliore apprezzamento dei nostri professionisti e le nostre capacità di preparazione anche accademica. C’è poi una ricerca che non è solo farmacologica, una ricerca che è organizzativa che è destinata ad ampliare le funzioni».

LEGGI ANCHE: PRIMA ASSEMBLEA NAZIONALE DI TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE E SOCIALI, SEI RICHIESTE PER UNA SANITA’ UNIVERSALISTICA E UGUALE PER TUTTI

 

Articoli correlati
Successo per il primo webinar della FNO TSRM e PSTRP sul Codice etico: 5 ore di confronto e 350 partecipanti
Il Presidente del Maxi Ordine delle Professioni sanitarie Alessandro Beux annuncia: «In autunno il testo per la consultazione pubblica»
Intramoenia e sviluppo di carriera per professioni sanitarie, Boldrini (Pd): «È il momento giusto»
Coinvolti in primis gli infermieri ma anche ostetriche e professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione, della prevenzione. «La proposta va in sinergia quella sull’infermiere di comunità che è tornata di grande attualità con l’emergenza Covid» spiega la capogruppo Pd in Commissione Sanità. «Non ci deve essere più conflittualità tra le professioni ma una collaborazione messa in pratica da tanti anni negli altri Paesi»
Tecnici ortopedici, Guidi (ANTOI): «Aziende in crisi economica: riapertura a rischio per il 30%»
Attività riconvertite per la pandemia. La presidente ANTOI: «Abbiamo prodotto mascherine e, laddove si disponeva di stampanti 3D, anche valvole per la terapia intensiva. Ora per ripartire il Sistema Sanitario Nazionale dovrebbe saldare il suo debito»
di Isabella Faggiano
Dl Rilancio, Beux (TSRM e PSTRP): «Bene fondi per sanità. Per potenziare territorio serve piano organico»
«Apprezziamo il tentativo di dare risposte alle esigenze di tutti e auspichiamo che possa tradursi rapidamente in un concreto supporto al Paese» sottolinea il Presidente del Maxi Ordine delle Professioni sanitarie Alessandro Beux
25 aprile, Perciballi (TSRM e PSTRP): «Diamo nuova effettività ai diritti sanciti nella Costituzione. Stato sia vicino a vittime pandemia»
La referente della FNO  TSRM e PSTRP  per le relazioni con la cittadinanza e la promozione dei valori dell’Ordine sottolinea: «Crediamo in uno Stato che faccia giustizia da un lato, ma che sia al contempo espressione di quella necessità di rinnovamento e di vero cambiamento che si è accesa in ogni professionista della sanità, ma anche in ogni persona di buona volontà»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco