Politica 3 Gennaio 2022 14:35

Parlamento chiuso, ma occhi puntati sull’elezione del Capo dello Stato. In CdM ipotesi introduzione obbligo vaccinale

Settimana di chiusura per Camera e Senato, ma sottotraccia si lavora per un accordo per il prossimo presidente della Repubblica: Draghi in pole, tra i nomi in ballo anche Pera, Amato e Casini. Dal 10 gennaio Decreto contenimento Covid e Super Green Pass a Palazzo Madama

di Francesco Torre
Parlamento chiuso, ma occhi puntati sull’elezione del Capo dello Stato. In CdM ipotesi introduzione obbligo vaccinale

La prima settimana dell’anno il Parlamento chiude i battenti. Deputati e senatori ricaricano le energie in vista dell’appuntamento più importante di tutto il 2022, l’elezione del prossimo presidente della Repubblica: il presidente della Camera Roberto Fico convocherà i grandi elettori il 4 gennaio, le prime votazioni sono previste alla fine del mese.

Molto incerta la corsa, su cui pesa anche la recrudescenza dei contagi che potrebbe tenere lontani dall’Aula numerosi grandi elettori: in pole c’è l’attuale premier Mario Draghi, che traslocherebbe da Palazzo Chigi al Colle più alto. Potrebbero ricevere consensi bipartisan anche Giuliano Amato, giudice costituzionale e due volte presidente del Consiglio, Marcello Pera, ex presidente del Senato, e Pierferdinando Casini, ex presidente della Camera. In pole anche l’ex premier Silvio Berlusconi, che potrebbe compattare la coalizione di centrodestra. Sullo sfondo anche l’ipotesi della prima donna al Quirinale: si fanno i nomi di Marta Cartabia, ministra della Giustizia, Maria Elisabetta Alberti Casellati, presidente del Senato e Rosy Bindi, già ministra della Salute.

In settimana appuntamento cruciale è il Consiglio dei Ministri di mercoledì 5 gennaio: sul tavolo c’è l’estensione del super Green pass ai luoghi di lavoro o addirittura l’introduzione dell’obbligo vaccinale, su cui però pesa il parere negativo della Lega e di parte del MoVimento 5 stelle.

Camera e Senato torneranno a riunirsi a partire da lunedì 10 gennaio: sul tavolo numerosi provvedimenti sulla sanità, a partire dal Decreto Super Green Pass e dal decreto Contenimento Covid, entrambi assegnati alla Commissione Affari costituzionali di Palazzo Madama. Da convertire anche il Decreto Milleproroghe.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Obbligo vaccinale, primo via libera alla Camera. Dalla validità del Green pass alla quarantena a scuola, tutte le novità del decreto
Il provvedimento ora atteso al Senato per il via libera definitivo. Spaccatura nella maggioranza, la Lega si è astenuta. Tra le novità l’estensione del Green pass rafforzato per accedere agli uffici postali, bancari e finanziari, alle attività commerciali. Test antigenici gratuiti nelle scuole fino al 28 febbraio
di Francesco Torre
Tamponi nelle parafarmacie, indennità, consenso informato. Così i partiti vogliono cambiare il decreto sull’obbligo vaccinale
Centinaia gli emendamenti presentati al DL 1 del 2022 che introduce l’obbligo vaccinale per gli over 50. Coraggio Italia chiede di estendere l’obbligo agli over 18. Mentre il M5S chiede tamponi calmierati in base al reddito. Richiesta bipartisan per consentire anche a chi ha il Green pass base di fruire dei trasporti marittimi
di Francesco Torre
Terapia intensiva neonatale allo stremo a Napoli. Peperoni (SUMAI): «Ora obbligo vaccinale per donne incinte»
L'Ospedale Federico II è l’unico sul territorio destinato a partorienti e neonati Covid. «Sovraffollamento e rischio focolai, la Regione individui altri presìdi»
Dalla Lega al Pd, l’obbligo vaccinale convince le forze politiche. Fuori dal coro Fdi: «Misura inefficace»
Tutte le forze di maggioranza approvano la misura varata il 5 gennaio dal CdM. Secondo Paola Boldrini (Pd) misura necessaria «per la collettività e per dare sollievo ai professionisti sanitari ormai al collasso». Tiramani (Lega) rivela: «Io minacciato dai no vax». Per il M5S «bisogna agire presto per evitare che gli ospedali siano di nuovo paralizzati dall'emergenza»
Il Consiglio di Stato apre le porte all’obbligo della terza dose per i professionisti sanitari?
Secondo Federico Gelli l’obbligo di inoculazione della dose “booster” anche per gli operatori sanitari sarebbe, alla luce di questa sentenza, «doveroso». Ma è davvero così? Cosa dice la sentenza? Lo abbiamo chiesto all’avv. Andrea Marziale, specializzato in Diritto del Lavoro e Sanitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...