Politica 19 Febbraio 2020

Ordini professionali, in Parlamento si cerca di rinviare il limite dei due mandati. Grillo (M5S): «Idea insulsa»

Il meccanismo previsto dalla legge Lorenzin impedirebbe a quasi il 60% degli attuali presidenti degli Ordini dei Medici di ricandidarsi alla stessa carica. Un emendamento al Milleproroghe ha tentato di annullare, ai fini del computo dei mandati, quelli svolti prima dell’entrata in vigore della legge. Il testo è poi stato ritirato, ma l’ex ministro della Salute Giulia Grillo avverte: «Ci riproveranno»

Immagine articolo

Si inizia a respirare aria di elezioni, nel mondo degli Ordini delle professioni sanitarie. Il culmine si raggiungerà nei prossimi mesi, quando medici e professionisti sanitari saranno chiamati alle urne per rinnovare le cariche ordinistiche. Ma che la posta in gioco sia alta è evidente sin da ora. Una serie di movimenti registrati nelle ultime settimane suggerisce infatti che qualcosa stia già bollendo in pentola. Le prossime saranno le prime elezioni a seguire le nuove regole stabilite dalla legge Lorenzin che, tra le altre cose, ha introdotto il divieto di coprire una stessa carica ordinistica per più di due volte consecutive. Una previsione che, per rimanere nel mondo dei medici, impedirebbe a quasi il 60% degli attuali presidenti di ricandidarsi alla presidenza.

LEGGI ANCHE: LEGGE LORENZIN, OMCEO E FEDERAZIONI ORA SI ELEGGERANNO COSI… 

Ma è sull’interpretazione della norma che si è scatenato il dibattito, raccontato ai microfoni di Sanità Informazione dall’onorevole Giulia Grillo, deputata del Movimento Cinque Stelle ed ex ministro della Salute, che si è opposta con forza ad un emendamento al Milleproroghe che tentava di prorogare l’applicazione del limite dei due mandati al primo rinnovo degli organi successivo all’entrata in vigore della legge Lorenzin, specificando che «ai fini del computo del predetto limite non rilevano i mandati svolti prima di tale rinnovo». Di fatto, un semaforo verde al terzo, quarto o addirittura quinto mandato per alcuni apicali grazie all’introduzione di un ‘mandato zero’ da cui far partire il conto.

«Noi troviamo insulsa l’idea di prorogare l’entrata in vigore di questa regola – commenta la Grillo – che non è assolutamente giustificabile. Non serve ai cittadini né ai professionisti, ma solo ad alcune persone che già ricoprono queste cariche e vorrebbero continuare in eterno ad occupare la poltrona. Ebbene, lascino spazio ad altri».

«Si tratta di un principio democratico di uguaglianza di accesso alla carica elettiva – aggiunge l’Onorevole – perché è chiaro che chi ricopre la funzione di presidente per tanti anni sarà agevolato nell’elezione rispetto ad altri. Principio che è stato anche riconosciuto dalla Corte costituzionale che, con la sentenza 173 del 10 luglio 2019, si è espressa sul limite del doppio mandato previsto per gli Ordini degli Avvocati».

Nella sentenza, la Consulta stabilisce infatti che il divieto del terzo mandato consecutivo favorisce il fisiologico ricambio all’interno dell’organo, immettendo “forze fresche” nel meccanismo rappresentativo e bloccando il rischio di cristallizzazione della rappresentanza. La Corte ha inoltre stabilito che il tetto dei due mandati consecutivi vale anche per i mandati iniziati prima dell’entrata in vigore della legge.

L’emendamento è poi stato ritirato anche a seguito della presa di posizione della Grillo, ma la questione non è ancora chiusa: «Mi continuano ad arrivare messaggi, da parte di qualcuno della maggioranza ma non del Movimento Cinque Stelle, che continua a spingere in questa direzione e sta cercando di convincermi a cambiare posizione. Credo quindi che ci si voglia riprovare, ma io non cambio idea», conclude l’ex Ministro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Liste di attesa, l’ex ministro Grillo: «Mettere a bando le prestazioni». Cittadinanzattiva: «Serve piano straordinario»
Il lockdown ha messo in standby milioni di prestazioni sanitarie che ora devono essere recuperate. Per Moccia (Cittadinanzattiva) bisogna tornare al Piano nazionale «che stabilisce tempi massimi per esami e visite». Interpellanza della Grillo a Speranza: «Siano illustrate le modalità di monitoraggio dei tempi di attesa»
«Concorso MMG, no a sanatorie o escamotage in Dl Rilancio»
«Il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed il vizio in questo caso è rappresentato da ulteriori due emendamenti presentati al "Dl Rilancio" da parte degli Onorevoli Giulia Grillo/Manuel Tuzi (5stelle) e Rizzo Nervo (PD). I primi stanno tentando di ampliare la platea medici per l' accesso in graduatoria riservata, agevolata, al corso di formazione in medicina generale, nonostante il disastroso "Decreto Calabria" da loro proposto lo scorso anno, che nei numeri sulla partecipazione si è rivelato essere un "flop" da un lato e una porta di accesso agevolata agli specialisti dall'altro»
di Claudio Cappelli, Direttivo Nazionale Associazione ALS e Medico di Medicina Generale
#IoMiAllenoACasa, virale la campagna che promuove lo sport in quarantena. Il karateka Maniscalco: «Bastano 15-20 minuti per tenersi in forma»
L’iniziativa, promossa da quattro deputati del Movimento Cinque Stelle, è stata rilanciata sui social da diversi campioni come il judoka Fabio Basile e la karateka Viviana Bottaro. Il deputato M5S Felice Mariani: «Mi sto battendo in Parlamento per quella che secondo me manca in Italia, che è la cultura dello sport». Secondo l’OMS l’inattività fisica causa ogni anno un milione di decessi
«Laurea abilitante anche per Farmacia, è il momento giusto». La proposta di Melicchio (M5S) arriva alla Camera
Il deputato Alessandro Melicchio: «Farmacisti in prima linea nell’emergenza Covid-19, laurea abilitante necessaria». Poi sottolinea: «Anche i farmacisti, come i medici, svolgono tirocinio durante il corso di studi. A che serve esame di abilitazione?». E sul numero chiuso: «No ad abolizione ma rivedere test di ingresso»
Coronavirus, l’ex ministro Grillo: «Più morti in Italia e Spagna, austerity ha influito. Al Sud continuano arrivi, attenzione a riapertura»
Colloquio con l’ex ministro della Salute Giulia Grillo. Sui tamponi contesta l’OMS: «È stata incauta quando ha diramato linee guida restrittive. Corea, Giappone e Singapore non hanno seguito quelle indicazioni». Poi aggiunge: «Ospedali luogo di contagio, è mancata prevenzione strategica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)