Politica 19 Febbraio 2020

Ordini professionali, in Parlamento si cerca di rinviare il limite dei due mandati. Grillo (M5S): «Idea insulsa»

Il meccanismo previsto dalla legge Lorenzin impedirebbe a quasi il 60% degli attuali presidenti degli Ordini dei Medici di ricandidarsi alla stessa carica. Un emendamento al Milleproroghe ha tentato di annullare, ai fini del computo dei mandati, quelli svolti prima dell’entrata in vigore della legge. Il testo è poi stato ritirato, ma l’ex ministro della Salute Giulia Grillo avverte: «Ci riproveranno»

Immagine articolo

Si inizia a respirare aria di elezioni, nel mondo degli Ordini delle professioni sanitarie. Il culmine si raggiungerà nei prossimi mesi, quando medici e professionisti sanitari saranno chiamati alle urne per rinnovare le cariche ordinistiche. Ma che la posta in gioco sia alta è evidente sin da ora. Una serie di movimenti registrati nelle ultime settimane suggerisce infatti che qualcosa stia già bollendo in pentola. Le prossime saranno le prime elezioni a seguire le nuove regole stabilite dalla legge Lorenzin che, tra le altre cose, ha introdotto il divieto di coprire una stessa carica ordinistica per più di due volte consecutive. Una previsione che, per rimanere nel mondo dei medici, impedirebbe a quasi il 60% degli attuali presidenti di ricandidarsi alla presidenza.

LEGGI ANCHE: LEGGE LORENZIN, OMCEO E FEDERAZIONI ORA SI ELEGGERANNO COSI… 

Ma è sull’interpretazione della norma che si è scatenato il dibattito, raccontato ai microfoni di Sanità Informazione dall’onorevole Giulia Grillo, deputata del Movimento Cinque Stelle ed ex ministro della Salute, che si è opposta con forza ad un emendamento al Milleproroghe che tentava di prorogare l’applicazione del limite dei due mandati al primo rinnovo degli organi successivo all’entrata in vigore della legge Lorenzin, specificando che «ai fini del computo del predetto limite non rilevano i mandati svolti prima di tale rinnovo». Di fatto, un semaforo verde al terzo, quarto o addirittura quinto mandato per alcuni apicali grazie all’introduzione di un ‘mandato zero’ da cui far partire il conto.

«Noi troviamo insulsa l’idea di prorogare l’entrata in vigore di questa regola – commenta la Grillo – che non è assolutamente giustificabile. Non serve ai cittadini né ai professionisti, ma solo ad alcune persone che già ricoprono queste cariche e vorrebbero continuare in eterno ad occupare la poltrona. Ebbene, lascino spazio ad altri».

«Si tratta di un principio democratico di uguaglianza di accesso alla carica elettiva – aggiunge l’Onorevole – perché è chiaro che chi ricopre la funzione di presidente per tanti anni sarà agevolato nell’elezione rispetto ad altri. Principio che è stato anche riconosciuto dalla Corte costituzionale che, con la sentenza 173 del 10 luglio 2019, si è espressa sul limite del doppio mandato previsto per gli Ordini degli Avvocati».

Nella sentenza, la Consulta stabilisce infatti che il divieto del terzo mandato consecutivo favorisce il fisiologico ricambio all’interno dell’organo, immettendo “forze fresche” nel meccanismo rappresentativo e bloccando il rischio di cristallizzazione della rappresentanza. La Corte ha inoltre stabilito che il tetto dei due mandati consecutivi vale anche per i mandati iniziati prima dell’entrata in vigore della legge.

L’emendamento è poi stato ritirato anche a seguito della presa di posizione della Grillo, ma la questione non è ancora chiusa: «Mi continuano ad arrivare messaggi, da parte di qualcuno della maggioranza ma non del Movimento Cinque Stelle, che continua a spingere in questa direzione e sta cercando di convincermi a cambiare posizione. Credo quindi che ci si voglia riprovare, ma io non cambio idea», conclude l’ex Ministro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Approvato il Contratto nazionale per la dirigenza medica: 190 euro al mese in più e aumento tutele
Il Consiglio dei Ministri ha licenziato il Contratto collettivo nazionale per il triennio 2016/2018 per dirigenza medica, veterinaria, sanitaria, e dirigenti delle professioni sanitarie. L'accordo interesserà 130 mila dirigenti. Soddisfatti sindacati e associazioni di categoria. Leggi tutti i commenti
Medici di famiglia, ex Ministro Grillo alle Regioni: «Meno borse di formazione di quelle previste»
«Dovevano essere 2000 da distribuire in tutta Italia, ma le Regioni hanno deciso incredibilmente di formarne solo 666», specifica l'ex Ministro della Salute, Giulia Grillo riferendosi alle borse di studio previste dal decreto Calabria
Napoli, al Santobono padre rompe un dito a infermiere. L’ex ministro Grillo: «Approvare legge, non aspettiamo il morto»
L’aggressore è il genitore di una bambina giunta al Pronto soccorso con un attacco di asma, un codice verde. La direttrice del nosocomio: «Chiederò un tavolo in Prefettura al fine di contenere questo fenomeno»
Ministero della Salute, parla Salvini: «Dov’è la competenza di Speranza?»
Caustico il leader della Lega. Più dialogante Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «Speranza persona valida, ma sono le politiche sulla sanità a preoccuparci...». Parla anche la senatrice Fregolent
Lorenzin: «Da Speranza mi aspetto approccio politico al Ministero della Salute»
Poi l'attacco a Grillo: «I modelli utilizzati fino ad oggi non hanno funzionato». L'intervista all'ex ministro Beatrice Lorenzin di Radio Cusano Campus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...