Politica 17 Novembre 2016 11:17

OPINIONE | Claudio Cerasa (Il Foglio): «Sanità, le ragioni del mio Sì»

Il direttore del quotidiano: «Se vince il Sì cambia qualcosa e cambia in meglio. Se vince il No non cambia niente. Ed è complicato dire che questa sarebbe una buona notizia per il Paese»

di Claudio Cerasa

claudio-cerasaSì o no? Ho incontrato l’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e durante un lungo colloquio avuto con lui di fronte al Senato, l’ex capo dello Stato ha usato due concetti cruciali per capire in che senso il referendum costituzionale può aiutare l’Italia a essere un Paese più in salute rispetto a oggi. Napolitano ha evidenziato che il referendum di dicembre “non è pro o contro Renzi ma è a favore o contro una svolta per il complessivo progresso dell’Italia”. La riflessione numero uno è un ragionamento politico: “schierarsi per il No non significa schierarsi contro una riforma imperfetta, ma contro la possibilità che il nostro Paese entri pienamente in una fase storica importante, quella in cui finalmente portare avanti molteplici riforme necessarie e già troppo a lungo ritardate”. La riflessione numero due è invece un ragionamento più di natura economica e in questo caso Napolitano ha fatto proprie le parole del grande giurista Leopoldo Elia: “le molte strozzature che impediscono al nostro Paese di essere al passo con i tempi sono direttamente collegate all’incapacità che ha avuto il nostro sistema politico e istituzionale di autoriformarsi”. Soffermiamoci, allora, sui dettagli della riforma.

Dal punto di vista politico il No rappresenta essenzialmente il tentativo di dare una “spallata” a Renzi. Emblematica la “conversione” del coordinatore dei comitati del No del centro-destra, Renato Schifani. Prima che saltasse il patto del Nazareno, parlava così della riforma Boschi: “il superamento del bicameralismo paritario, lo snellimento e la semplificazione legislativa, tempi certi per l’approvazione delle leggi per superare finalmente l’incapacità decisionale che affligge il nostro sistema: ne sarà rafforzata e resa più efficace non solo l’azione di governo, ma anche il confronto e la dialettica parlamentare”. E non solo. “Il titolo V che regola il rapporto fra lo Stato e Regioni viene profondamente riformato, correggendo i gravi limiti della revisione costituzionale del 2001”.

Proprio la revisione del Titolo V è uno dei veri punti forti della riforma e quello che interessa da vicino la sanità. Questo perché la passata riforma del titolo V – quella del 2001 – ha creato 21 sistemi sanitari diversi, in territori con differente gettito fiscale, con differente capacità e appropriatezza di spesa, con differente organizzazione dei sistemi sanitari regionali e della loro appropriatezza nella risposta ai bisogni sanitari. E la trasformazione di un diritto costituzionalmente garantito, come quello alla salute, in una variabile impazzita troppo legata ad alcune inefficienze locali ha contribuito a determinare l’incapacità del sistema di assicurare in modo omogeneo i livelli essenziali di assistenza (con la modifica del Titolo V verrebbe meno la cosiddetta legislazione concorrente tra Stato e Regioni e si ristabilirebbe in questo modo un forse a questo punto necessario primato statale nelle decisioni di politica sanitaria). Sbaglia chi dice che il referendum del 4 dicembre sarà l’armageddon della politica italiana ma al contrario non sbaglia chi dice che con il voto sul referendum costituzionale c’è in ballo una grande possibilità: quella di eliminare non tutte ma molte delle grandi strozzature che rendono la politica debole di fronte ai piccoli e grandi veti del Paese e che impediscono all’Italia di avere un sistema istituzionale al passo con i tempi. Se vince il Sì cambia qualcosa e cambia in meglio. Se vince il No non cambia niente – ed è complicato dire che questa sarebbe una buona notizia per il Paese.

Questo intervento è tratto dalla testata Consulcesi News, n. 1, Anno 3° Ottobre 2016

Articoli correlati
Cannabis, nessun referendum. Molinaro (Cnr), «Cambio norme non influisce su consumo abituale»
La Corte Costituzionae ha dichiarato inammissibile il referendum per depenalizzare la coltivazione della cannabis a uso personale. Sabrina Molinaro del Cnr esprime i suoi dubbi sugli effetti di norme più liberali sui consumatori abituali
La Corte Costituzionale giudica “inammissibile” il referendum sull’eutanasia. Cappato: «Testo Fine vita è passo indietro»
«L'unico passaggio davvero utile che la legge avrebbe potuto prevedere allo scopo di impedire il prolungarsi indeterminato delle sofferenze del malato» spiega Filomena Gallo, segretario nazionale dell'Associazione Luca Coscioni
La tutela dell’ambiente entra in Costituzione, Anelli (Fnomceo): «Rivoluzione che medici accolgono con favore»
La Camera ha approvato in via definitiva la proposta di legge costituzionale che modifica due articoli della Carta, il 9 ed il 41. Il testo è passato con 468 voti a favore, un contrario e sei astenuti
Eutanasia, Bologna (Coraggio Italia): «Armonizzare testo con legge sulle cure palliative»
Il medico e deputato di Coraggio Italia Fabiola Bologna non nasconde le sue perplessità sulla legge in discussione alla Camera: «Come medico ho seguito tanti pazienti con patologie gravi e gravissime che mi hanno chiesto di vivere anche con la loro malattia in modo dignitoso»
di Francesco Torre
Eutanasia, raggiunte le 500mila firme per il referendum. Speranza chiede alle Asl di applicare la sentenza della Consulta
L’ultimo appello pro eutanasia del cantautore Amedeo Grisi, affetto da Sla. Intanto prosegue l’iter del Ddl all’esame delle commissioni Affari sociali e Giustizia della Camera. Insorge il mondo cattolico, Mons. Paglia: «Una nuova forma di eugenetica»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale