Politica 17 Novembre 2016

OPINIONE | Claudio Cerasa (Il Foglio): «Sanità, le ragioni del mio Sì»

Il direttore del quotidiano: «Se vince il Sì cambia qualcosa e cambia in meglio. Se vince il No non cambia niente. Ed è complicato dire che questa sarebbe una buona notizia per il Paese»

di Claudio Cerasa

claudio-cerasaSì o no? Ho incontrato l’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e durante un lungo colloquio avuto con lui di fronte al Senato, l’ex capo dello Stato ha usato due concetti cruciali per capire in che senso il referendum costituzionale può aiutare l’Italia a essere un Paese più in salute rispetto a oggi. Napolitano ha evidenziato che il referendum di dicembre “non è pro o contro Renzi ma è a favore o contro una svolta per il complessivo progresso dell’Italia”. La riflessione numero uno è un ragionamento politico: “schierarsi per il No non significa schierarsi contro una riforma imperfetta, ma contro la possibilità che il nostro Paese entri pienamente in una fase storica importante, quella in cui finalmente portare avanti molteplici riforme necessarie e già troppo a lungo ritardate”. La riflessione numero due è invece un ragionamento più di natura economica e in questo caso Napolitano ha fatto proprie le parole del grande giurista Leopoldo Elia: “le molte strozzature che impediscono al nostro Paese di essere al passo con i tempi sono direttamente collegate all’incapacità che ha avuto il nostro sistema politico e istituzionale di autoriformarsi”. Soffermiamoci, allora, sui dettagli della riforma.

Dal punto di vista politico il No rappresenta essenzialmente il tentativo di dare una “spallata” a Renzi. Emblematica la “conversione” del coordinatore dei comitati del No del centro-destra, Renato Schifani. Prima che saltasse il patto del Nazareno, parlava così della riforma Boschi: “il superamento del bicameralismo paritario, lo snellimento e la semplificazione legislativa, tempi certi per l’approvazione delle leggi per superare finalmente l’incapacità decisionale che affligge il nostro sistema: ne sarà rafforzata e resa più efficace non solo l’azione di governo, ma anche il confronto e la dialettica parlamentare”. E non solo. “Il titolo V che regola il rapporto fra lo Stato e Regioni viene profondamente riformato, correggendo i gravi limiti della revisione costituzionale del 2001”.

Proprio la revisione del Titolo V è uno dei veri punti forti della riforma e quello che interessa da vicino la sanità. Questo perché la passata riforma del titolo V – quella del 2001 – ha creato 21 sistemi sanitari diversi, in territori con differente gettito fiscale, con differente capacità e appropriatezza di spesa, con differente organizzazione dei sistemi sanitari regionali e della loro appropriatezza nella risposta ai bisogni sanitari. E la trasformazione di un diritto costituzionalmente garantito, come quello alla salute, in una variabile impazzita troppo legata ad alcune inefficienze locali ha contribuito a determinare l’incapacità del sistema di assicurare in modo omogeneo i livelli essenziali di assistenza (con la modifica del Titolo V verrebbe meno la cosiddetta legislazione concorrente tra Stato e Regioni e si ristabilirebbe in questo modo un forse a questo punto necessario primato statale nelle decisioni di politica sanitaria). Sbaglia chi dice che il referendum del 4 dicembre sarà l’armageddon della politica italiana ma al contrario non sbaglia chi dice che con il voto sul referendum costituzionale c’è in ballo una grande possibilità: quella di eliminare non tutte ma molte delle grandi strozzature che rendono la politica debole di fronte ai piccoli e grandi veti del Paese e che impediscono all’Italia di avere un sistema istituzionale al passo con i tempi. Se vince il Sì cambia qualcosa e cambia in meglio. Se vince il No non cambia niente – ed è complicato dire che questa sarebbe una buona notizia per il Paese.

Questo intervento è tratto dalla testata Consulcesi News, n. 1, Anno 3° Ottobre 2016

Articoli correlati
Celebrazione 60 anni Anaao Assomed, Troise: «Il futuro del sindacato è in mano ai giovani e alle donne»
«Una grande storia collegata all’Art. 32 della Costituzione. Rivendichiamo più occupazione e meno precarietà: la qualità delle cure dipende dal lavoro stabile e da investimenti in termini di crescita, sicurezza e formazione». Le parole del segretario Carlo Palermo ai festeggiamenti del 60° anniversario del sindacato
Speranza riparte dalla Costituzione: «Superare l’attuale carenza di medici e infermieri»
Il neoministro alla Salute, Roberto Speranza in una lunga intervista al Corriere della Sera: «Garantire cure di qualità. Nei prossimi 5 anni ci sarà un picco dei pensionamenti che aggraverà il problema»
Referendum Lombardia e Veneto, vince il sì. Cosa cambia per la sanità?
I risultati della consultazione confermano la volontà dei cittadini delle due Regioni di maggiore autonomia e maggiori risorse, anche per la tutela della salute. Ecco che cosa succederà adesso
Referendum, l’Italia ha detto No. Quale futuro per la sanità?
A rischio Lea, Ddl Gelli, rinnovo contratti e convenzioni SSN. Con il No al Referendum si aprono nuovi scenari per la sanità. Tante le domande in attesa di risposta
Referendum e sanità: perché Sì? L’opinione di Gelli e De Vincenti
A pochi giorni dal voto continua il confronto tra le i sostenitori del Sì e quelli del No. Il Responsabile Sanità del Pd: «Addio alle differenze tra Regioni e livelli essenziali di assistenza più omogenei». Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio: «Caposaldo della Riforma è una tutela sanitaria uguale per tutti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...