Politica 5 Settembre 2019

Nuovo governo, Quici (CIMO-Fesmed): «Rimetta in agenda la sanità e valorizzi il ministero della Salute»

Il presidente della Federazione CIMO-Fesmed augura buon lavoro al nuovo ministro della Salute Roberto Speranza e ringrazia Giulia Grillo. Poi elenca le priorità che dovranno essere affrontate a Lungotevere Ripa

«Il nuovo ministro della Salute Roberto Speranza, a cui auguro un buon lavoro, avrà gli strumenti per operare solo se il governo rimetterà in agenda la sanità e valorizzerà il ministero di Lungotevere Ripa. E sarà il DEF a farci subito capire qual è la strada intrapresa». Così Guido Quici, presidente della Federazione CIMO-Fesmed, nel giorno in cui il nuovo esecutivo ha prestato giuramento al Quirinale.

LEGGI ANCHE: ROBERTO SPERANZA: ABOLIZIONE SUPERTICKET E ASSUNZIONI. ECCO CHI È IL NUOVO MINISTRO DELLA SALUTE

Dopo aver ringraziato il ministro uscente Giulia Grillo, «che ha lavorato con serietà e onestà», elenca i primi faldoni cui Speranza dovrà lavorare: «Autonomia differenziata, sanità integrativa e Lea. Poi si dovrebbe parlare di più di prevenzione, di cronicità e di non autosufficienza. Infine – conclude Quici – se non si investe sul personale e non si motivano i medici, è inutile parlare di sviluppi. Il Sistema Sanitario Nazionale in questi anni grigi è stato sostenuto esclusivamente dal lavoro dei professionisti della sanità. Ma considerata la loro età media, la loro stanchezza e la loro demotivazione, dubito che si potrà andare avanti così ancora per molto».

Articoli correlati
Coronavirus, Speranza: «Nostro approccio tra i più protettivi, ma serve strategia europea»
Il ministro della Salute in audizione alla Commissione Affari Sociali della Camera ha ricordato tutte le strategie messe in campo per fronteggiare l’epidemia. Per gli italiani bloccati a Wuhan si sta valutando il rimpatrio
Aggressioni e Consulta, al Ministero le prime riunioni. Speranza: «Da febbraio Ddl antiviolenza alla Camera»
Il Ministro ha convocato a Lungotevere Ripa i rappresentanti degli Ordini delle professioni sanitarie: cronicità e riforma della Formazione continua in primo piano. Sul Ddl aggressioni sottolinea: «Se tempi in Parlamento andranno per le lunghe non escludo decreto d’urgenza»
Meno Day Hospital e lungodegenze, nel 2018 gli ospedali italiani alleggeriti dalle cronicità. I dati del Rapporto SDO
Migliora l'appropriatezza e l'efficienza nell'uso delle risorse ospedaliere. Diminuita anche la remunerazione teorica delle prestazioni di ricovero ospedaliero a carico del SSN negli anni 2010-2018
Elezioni Emilia-Romagna, Bonaccini punta sulla sanità: «Riapriremo i punti nascita in montagna»
Lo scontro elettorale si sposta sui servizi sanitari regionali. Il governatore uscente annuncia una nuova politica sui punti nascita e maggiori stanziamenti per i caregiver. Critiche sono arrivate dalla candidata della Lega, Lucia Borgonzoni
Aggressioni, De Luca: «Videosorveglianza sulle ambulanze». La FIMMG torna a chiedere lo status di pubblico ufficiale
Intanto il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha convocato per giovedì 16 gennaio l'Osservatorio permanente, mentre la FNOMCeO progetta un docufilm per sensibilizzare l'utenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...