Politica 13 maggio 2014

Numero chiuso e specializzazioni, soluzioni a confronto per uscire dall’impasse

Il ministro Giannini guarda al sistema francese mentre Anaao propone un registro per la programmazione

Immagine articolo

L’ accesso alle facoltà di Medicina e, successivamente, alle scuole di specializzazione è una partita che si gioca su due fronti: da un lato c’è l’esigenza di regolare con criterio il flusso di aspiranti medici affinché questi, una volta concluso il percorso di studi, possano agevolmente essere inseriti nel mondo del lavoro; dall’altro, invece, c’è la necessità di ottimizzare i parametri di accesso e di selezione.

In prima linea il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini che strizza l’occhio ad una soluzione già in uso dai cugini d’Oltralpe. In Francia, infatti, la selezione non viene operata in partenza, ma dal secondo anno in poi: solo gli studenti che superano il primo anno di corso con risultati soddisfacenti possono continuare il percorso di studi in Medicina. L’abolizione dei test è un’idea che lascia perplesso il senatore Amedeo Bianco, presidente FNOMCeO, per il quale “bisogna evitare un rimedio peggiore del male: come potrebbero le Università italiane accogliere un simile bacino d’utenza? E soprattutto, su quali basi si effettuerebbe la selezione?”

Una quadratura del cerchio è necessaria anche per risolvere il problema dell’accesso alle scuole di specializzazione: quest’anno, ad esempio, a fronte dei 10mila studenti in entrata a Medicina, in uscita c’è posto soltanto per 3500 specializzandi.  In sostanza, oltre due terzi dei medici italiani si troverebbe inoccupato e, stando alle statistiche, con buone probabilità andrebbe ad aumentare le già corpose fila dei giovani camici bianchi nostrani emigrati all’estero. Sul tema è forte la presa di posizione di Anaao Assomed, il sindacato dei medici ospedalieri che, tramite una petizione su change.org, chiede l’istituzione di un registro nazionale e pubblico di tutti i medici specialisti con l’obiettivo di una corretta programmazione del numero chiuso e dei contratti di formazione specialistica. Per il consigliere Anaao Domenico Montemurro, infatti, il nodo “non è nella selezione, ma nel sapere di quante e quali forze dispone il sistema salute, quanti escono e quanti, di conseguenza, dovrebbero entrare”.

Proposte sensate, ognuna con relativi pro e contro, nel tentativo di domare una diatriba che ogni anno, a ridosso delle inevitabili polemiche e irregolarità denunciate ai test d’ammissione, infiamma gli animi, istituzionali e non.

Articoli correlati
Test Medicina, si avvicina l’abolizione del numero chiuso. In Commissione Cultura alla Camera parte l’iter della legge
Il relatore sarà il deputato e medico Cinque Stelle Manuel Tuzi. Tutte le proposte prevedono l’abolizione della legge 264 del 1999. Tiramani (Lega) e D’Uva (M5S) propongono un meccanismo di selezione dopo il primo anno di studi
Protesta medici, Magliozzi (Cisl): «Preoccupati da completa assenza di istituzioni. Cittadini inconsapevoli di rischi SSN»
«Il Servizio Sanitario Nazionale pubblico e universale come lo conosciamo oggi rischia il collasso», spiega il segretario generale di Cisl Medici di Roma Capitale e Rieti, che interviene sulla riforma del test di ingresso a Medicina: «Il numero chiuso è fallito. Va riprogrammato accesso a Facoltà»
Formazione medici, il progetto Fnomceo: serve unico percorso verso specializzazione. E una programmazione efficace
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici sottolinea: «Bisogna abbattere l’imbuto formativo, quel collo di bottiglia tra il numero di laureati e i posti per la formazione post lauream»
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...