Politica 18 Dicembre 2020 22:43

Natale, ok dal Consiglio dei Ministri a nuove strette. Conte: «Misure sofferte ma necessarie»

Tutta Italia in zona rossa nei giorni festivi e prefestivi tra il 24 dicembre e il 6 gennaio, zona arancione nei giorni feriali. Ecco cosa si può e non si può fare

Natale, ok dal Consiglio dei Ministri a nuove strette. Conte: «Misure sofferte ma necessarie»

Dopo giorni di indiscrezioni, polemiche e trattative, il Governo ha definito le regole da rispettare nel periodo natalizio. Il Consiglio dei Ministri in serata ha infatti dato il via libera al decreto legge che prevede la stretta alle misure anti-Covid: zona rossa in tutta Italia nei giorni festivi e prefestivi compresi tra il 24 dicembre ed il 6 gennaio, zona arancione nei giorni feriali.

Le regole per 24, 25, 26, 27, 31 dicembre e 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio

  • Vietati gli spostamenti, se non per motivi di salute, lavoro o necessità (è necessario compilare l’autocertificazione);
  • Possibile ricevere due persone non conviventi che potranno portare con sé anche figli minori di 14 anni e persone con disabilità non autosufficienti conviventi;
  • Chiusi bar, ristoranti, negozi, mostre, musei, cinema, teatri, sale scommesse, bingo, piscine e palestre;
  • Possibili le attività sportive individuali all’aperto e l’attività motoria nei pressi della propria abitazione;
  • Aperti alimentari, tabacchi, farmacie, parafarmacie e parrucchieri.

Cosa si può e non si può fare il 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio

  • Vietati gli spostamenti tra regioni e tra comuni, ma si potrà uscire dai comuni con meno di 5mila abitanti pur rimanendo all’interno di un raggio di 30 chilometri (vietato però recarsi nei capoluoghi di provincia);
  • Consentiti gli spostamenti all’interno del proprio comune, ma è vietato circolare dalle ore 22 alle 5 del mattino;
  • Bar e ristoranti chiusi (consentiti solo asporto dalle 5.00 alle 22.00 e consegne a domicilio);
  • Chiusi mostre, musei, cinema, teatri, sale scommesse, bingo, piscine e palestre;
  • Riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico;
  • Possibili le attività sportive e l’attività motoria all’aperto;
  • Aperti negozi, alimentari, tabacchi, farmacie, parafarmacie, parrucchieri e centri estetici.

La conferenza stampa di Conte

Queste, in sintesi, le misure principali previste dal decreto legge e annunciate dal premier Giuseppe Conte in conferenza stampa. «La situazione rimane difficile in tutta Europa, il virus continua a circolare dappertutto, si lascia piegare ma non si lascia sconfiggere – ha esordito il Presidente del Consiglio -. Il Comitato tecnico-scientifico ha espresso forte preoccupazione che la curva dei contagi possa subire un’impennata nel periodo natalizio. Dobbiamo quindi intervenire – ha aggiunto -. È una decisione sofferta, ma queste misure sono necessarie per poter cautelarci meglio in vista della ripresa più generale delle attività che avverrà a gennaio».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rapporto CREA Sanità, Spandonaro: «Dopo il Covid passare dalla resilienza alla flessibilità»
Presentato il 16mo Rapporto Sanità da CREA e Tor Vergata: «Pronti per la prossima pandemia? É come comprare gli spazzaneve a Roma». E sul Recovery Plan: «Sembra un piano di rifinanziamento più che un nuovo modello di SSN»
di Tommaso Caldarelli
Internet ai tempi della pandemia, un europeo su due ha cercato informazioni sulla salute
È stato anche registrato un +52% rispetto al 2019 di persone tra 16 e 74 anni che hanno effettuato telefonate o video chiamate attraverso il web
Giuseppe Conte al Colle per le dimissioni. Ora Conte Ter, unità nazionale o elezioni
Il Presidente del Consiglio ha convocato un CdM prima di recarsi da Sergio Mattarella a rimettere il mandato. Potrebbe ottenere un reincarico per verificare se esiste la possibilità di allargare la maggioranza. Forza Italia pronta per un esecutivo di unità nazionale. Il Ministro della Salute Speranza si schiera al fianco del premier
La Lombardia e l’errore di calcolo per la zona rossa. Cosa è successo?
Dalla zona rossa a quella arancione per un errore nel calcolo dell'Rt. La Lombardia riapre, ma il dibattito sulla "colpe" non si ferma. I governatori leghisti si associano a Fontana e chiedono un nuovo metodo di valutazione, Speranza bolla come polemiche inutili
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...