Politica 26 Maggio 2021 16:13

Misiti (M5S) lancia Ddl per rivedere l’accreditamento di eccellenza: «Stop a ingerenze politiche, coinvolgiamo società scientifiche»

Il medico e deputato M5S Carmelo Massimo Misiti: «Il mio obiettivo è ridare dignità al medico non più su una base politica ma sulla base della qualità dei servizi erogati»

Sganciare il percorso di accreditamento dell’eccellenza in ambito sanitario dai desiderata della politica per tornare a far prevalere il merito e i criteri scientifici. È il cuore del disegno di legge depositato alla Camera dei deputati da Carmelo Massimo Misiti, ortopedico e deputato del Movimento 5 Stelle.

Il problema – secondo Misiti – è capire cosa sia davvero “eccellenza” e come riconoscerla, senza essere fuorviati dal marketing ormai entrato anche nel mondo delle aziende sanitarie. Per questo propone di attribuire alle società scientifiche (soprattutto quelle nell’ambito della chirurgia) un ruolo importante di valutazione e di supervisione, sempre sulla base di criteri oggettivi.

«Il mio obiettivo è ridare dignità al medico non più su una base politica ma sulla base della qualità dei servizi erogati», spiega Misiti a Sanità Informazione. «All’articolo 1.2 del DM 70 si parla di centri di eccellenza. Ma la norma che avrebbe dovuto sancire quali fossero i requisiti non è mai stata scritta. Con questo Ddl vogliamo dare un riferimento all’eccellenza sulla base di lavori, pubblicazioni, valenze e qualità che vengono erogate dal Servizio sanitario pubblico o privato».

Cosa prevede il Disegno di legge

Oggi fra i criteri riconosciuti permangono l’accreditamento istituzionale e la certificazione ISO, criteri che garantiscono il rispetto dei requisiti legislativi nazionali e regionali ma tale certificazione, secondo Misiti, non sempre è in grado di focalizzare l’attenzione sulla componente professionale.

La proposta di legge, strutturata in sei articoli, definisce i principi generali, nonché l’ambito di applicazione riconoscendo la promozione dell’eccellenza in ambito sanitario attraverso la definizione di due percorsi: il primo con una valutazione generica delle strutture sanitarie, siano esse sia pubbliche che private, il secondo attraverso la valutazione di eccellenza per specialità clinica dei professionisti o delle equipe medico sanitarie. Poi disciplina l’accreditamento generico di eccellenza attraverso un processo di valutazione sistematico e periodico svolto da un ente terzo nazionale e da un organismo internazionale. L’articolo 3 disciplina la certificazione di eccellenza per le diverse specialità dei professionisti o delle equipe medico-sanitarie, presenti negli ospedali e nelle strutture sanitarie, siano esse sia pubbliche che private accreditate. In questo ambito giocheranno un ruolo decisivo le società scientifiche che dovranno gestire questa valutazione sulla base di indicatori e standard di riferimento accettati a livello internazionale anche in considerazione delle performance del professionista o dell’equipe in accordo con l’Istituto Superiore di Sanità. Sarà compito della società scientifica garantire standard di valutazione fondate sulla competenza, imparzialità e trasparenza. La norma prevede anche l’istituzione di un Registro nazionale dell’eccellenza Sanitaria.

La reazione delle società scientifiche

La proposta sembra trovare il placet delle società scientifiche. Favorevole si è mostrato Filippo La Torre, past president del Collegio Italiano Chirurghi e Professore di Chirurgia Generale presso l’Università La “Sapienza” di Roma. «Sull’accreditamento fino ad ora hanno giocato un ruolo soprattutto i gestori delle strutture, i direttori generali e poi i politici – spiega La Torre -. Ma un giudizio tecnico per quello che riguarda l’accreditamento lo possono dare soltanto le società scientifiche. Se noi dobbiamo dire qual è il centro urologico di eccellenza in una regione X, non è che possiamo sceglierlo perché il direttore generale ha rapporti stretti con l’assessore. Ma va scelto perché c’è dentro un primario affidabile e capace con numeri importanti di interventi e perché c’è una struttura dedicata capace di rispondere a tutte quante le esigenze. Dallo strumentario alla tecnologia, dall’assistenza post-operatoria alla diagnostica, ecc.».

«Se la scelta viene fatta da un amministratore o da un politico il rischio è che non ci sia la competenza specifica», rimarca il professore di Chirurgia, che poi specifica: «Anche le società scientifiche possono cadere in banalissimi errori non solo di valutazione ma anche di supervalutazione. Per questo servono criteri oggettivi: volumi, strutture adeguate, chirurghi capaci ed esperti».

In base al Ddl la certificazione di eccellenza dovrà comunque essere rivista con cadenza periodica: le valutazioni sono sottoposte a verifica triennale su richiesta degli ospedali e delle strutture sanitarie pubbliche e private, con decadenza automatica del riconoscimento di accreditamento generico di eccellenza sanitaria e della certificazione di eccellenza per specialità sanitaria, a seguito di mancata richiesta o di successiva valutazione negativa.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Draghi in Aula per il Consiglio europeo. E poi eutanasia, infermiere di famiglia e lauree abilitanti
Al Consiglio europeo si parlerà di pass per gli spostamenti e lotta al Covid. Iniziano in Commissione Affari Sociali le audizioni sulla proposta di istituire una Commissione d’inchiesta sulla diffusione del SARS-CoV-2. In Commissione Sanità spazio al Ddl malattie rare e quello sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari
Arriva l’estate ma i professionisti sanitari non riescono ad andare in ferie. È allarme burnout
Hanno lavorato duramente perché questa fosse un'estate serena per tutti, ma medici e professionisti sanitari non sono certi di potersi riposare. Su di loro pesano ancora le visite rimandate e la campagna vaccinale, ma si rischiano conseguenze fisiche e psicologiche a lungo termine. Come tutelarsi
Medicina, meme e “catarsi comica”. Com’è nato e in cosa consiste il fenomeno social Memedical
Intervista a Nicola Gambadoro, fondatore del gruppo Facebook che raccoglie, al momento, oltre 56mila camici bianchi iscritti
Salute mentale, lauree abilitanti e tutela delle persone sorde: la settimana in Parlamento
Palazzo Madama esaminerà due importanti decreti in scadenza, quello sulla Ripresa delle attività economiche e quello sul Fondo complementare Piano nazionale ripresa e resilienza. In Commissione Affari Sociali spazio ai Ddl su defibrillatori automatici e semiautomatici, immunodeficienze congenite e budget di salute. A Montecitorio esame del Testo unico sui ricercatori universitari
Università Bicocca di Milano: nasce la scuola di alta formazione professionale per manager della sanità
Sono 26 gli atenei coinvolti nella SPES, Alta Scuola di Sanità Pubblica a vocazione internazionale. Destinata a studenti con curriculum di eccellenza e in regola con gli esami, la scuola ha due obiettivi innovare e fare rete. Si comincia a settembre con il corso sull’emergenza sanitaria
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM