Politica 2 Aprile 2021 15:28

Minacce a Speranza, quattro indagati. La solidarietà dal mondo sanitario

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha ricevuto minacce molto gravi dallo scorso ottobre. Sono quattro i cittadini indagati dai 35 ai 55 anni, ora perquisiti dai Nas

Minacce a Speranza, quattro indagati. La solidarietà dal mondo sanitario

E-mail contenenti gravi minacce inviate al ministro della Salute Roberto Speranza: sono quattro i cittadini italiani indagati per minaccia aggravata dopo l’indagine dei carabinieri dei Nas. Le minacce sono state perpetrate tra ottobre 2020 e gennaio 2021. Le indagini della Procura di Roma hanno incaricato i militari del Nas di Torino, Cagliari, Varese ed Enna a dare esecuzione a quattro decreti di perquisizione locale e personale verso le persone identificate.

Le minacce a Speranza

I quattro indagati sono italiani, di età compresa tra i 35 e i 55 anni e alcuni con precedenti di polizia analoghi al reato che viene ora contestato, celati dietro indirizzi e-mail gestiti da server ubicati in Paesi extra-europei. Le minacce, di estrema gravità, sono tutte legate ai provvedimenti adottati per l’emergenza Covid-19. «Invece che il lockdown ti ammazziamo la famiglia, tu vuoi affamare l’Italia, noi prima o poi ammazziamo la tua famiglia e poi ti spelliamo vivo», «la pagherete cara per tutto il terrore che state facendo», «vi pentirete di essere nati» sono solo alcune delle parole rivolte al Ministro.

Nel corso delle perquisizioni sono stati sequestrati i dispositivi elettronici in uso agli indagati, sui quali verranno avviati i relativi approfondimenti e accertamenti tecnici volti anche a rilevare eventuali collegamenti con altre persone o gruppi.

Solidarietà da Fnomceo

«Siamo vicini al Ministro della Salute Roberto Speranza, per le gravissime minacce ricevute». È arrivata immediatamente la solidarietà della Fnomceo, la Federazione degli Ordini dei Medici, e del presidente Filippo Anelli. «Più volte, a seguito di aggressioni ai colleghi, abbiamo dovuto ricordare ai cittadini che il nemico è la malattia, non il medico. Allo stesso modo oggi diciamo che il nemico è il Covid, non coloro che stanno facendo di tutto per farci uscire dalla pandemia – continua Anelli -. Il bersaglio della, pur comprensibile, frustrazione dei cittadini non possono, non devono essere le istituzioni; né, tantomeno, le persone che le rappresentano. Persone che, come il Ministro Speranza, stanno, da oltre un anno, profondendo tutto il loro impegno per studiare misure adeguate a contenere il contagio ma nel contempo proporzionate alle legittime esigenze dei cittadini»

«La prossimità delle istituzioni ai cittadini, che si è moltiplicata con le nuove modalità di comunicazione, con l’uso di internet e dei social, ha dato la possibilità, giusta e foriera di democrazia, ad ogni cittadino di esprimere le proprie opinioni, sia di assenso sia di dissenso, e di essere ascoltato. Ma ciò non deve diventare pretesto per una violenza tanto più facile, perché a portata di click, e tanto più subdola, perché compiuta nascosti da uno schermo – conclude -. Siamo tutti insieme in questa pandemia, dobbiamo essere tutti solidali per uscirne. Al ministro Roberto Speranza va il nostro sostegno e la nostra fiducia: siamo certi che il suo impegno per la nostra salute continuerà con forza, se possibile, ancora maggiore».

Consulcesi: «Atto gravissimo, solidarietà al Ministro»

«Esprimiamo tutta la nostra solidarietà al Ministro della Salute Roberto Speranza per i gravissimi attacchi ricevuti in un momento politico molto delicato di gestione della pandemia da Covid-19.
Complimenti anche ai Carabinieri del Nas coordinati dalla Procura di Roma che sono riusciti a dare seguito alle indagini telematiche non semplice, grazie all’utilizzo di sofisticate tecniche investigative che hanno portato a 4 indagati per minaccia aggravata». Questo il commento di Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi, il network di formazione e assistenza medico-sanitaria. «Auguriamo al Ministro Speranza di continuare con serenità e coraggio il percorso svolto fin qui che ci porterà verso il ritorno ad una nuova vita, più forti di prima».

Beux (Fno Tsrm-Pstrp): «Inaccettabile»

Anche Alessandro Beux, a nome della FNO TSRM-PSTRP di cui è presidente, è intervenuto sulla questione. «Le minacce al Ministro della Salute, Roberto Speranza, sono gravissime, di una violenza inaudita, da stigmatizzare e perseguire con tutta la determinazione di cui le Istituzioni democratiche sono capaci. Un Paese democratico non può accettare questi episodi. La violenza è sempre sbagliata, va sempre denunciata e la si deve sempre contrastare».

Anaao-Assomed: «Scelte difficili sostenute senza se e senza ma»

«Nel Paese si sta creando un clima di odio, che va combattuto con forza e le scelte difficili e coraggiose fatte dal Governo vanno sostenute senza se e senza ma» è stato il messaggio di Anaao-Assomed. «Non si può parlare di riaperture quando i reparti ospedalieri e le terapie intensive sono sotto elevatissima pressione e i morti sono 500 al giorno».

Scotti (Fimmg): «Episodi non devono restare impuniti»

«Minacce gravissime e ignobili». Non usa mezzi termini il segretario generale di FIMMG, Silvestro Scotti, nel commentare le e-mail intimidatorie inviate al ministro della salute Roberto Speranza.

«A nome mio e dell’intera categoria che rappresento – aggiunge Scotti – sento forte il bisogno di esprimere solidarietà e vicinanza al ministro, che nonostante tutto non ha mai permesso a niente e a nessuno di distrarlo dal delicatissimo lavoro portato avanti nella lotta al Covid. Come medici, purtroppo, conosciamo bene l’ansia e il dolore che segue queste aggressioni. Episodi come questi non devono restare impuniti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La “Questione Medica”, Speranza e Fedriga all’ascolto di ordini e sindacati
L'evento Fnomceo ha visto la presenza di tutte le sigle sindacali, federazioni, Enpam e società scientifiche. Sono 20 i punti esposti da risolvere con urgenza per tornare a permettere al personale medico di amare la propria professione. La soluzione di Speranza vede un approccio straordinario verso gli specializzandi
Si è insediato il nuovo Consiglio Superiore di Sanità
Il ministro della Salute Roberto Speranza ha accolto il nuovo Consiglio con delle foto su Facebook e un messaggio di incoraggiamento. Franco Locatelli è stato scelto come presidente
Medici minacciati per esenzioni vaccino. Magi ai colleghi: «Riferite ad OMCeO, attivato protocollo d’intesa con Ordine avvocati»
Il presidente dell'Ordine dei Medici di Roma ribadisce che situazioni come queste proliferano per l'assenza di un obbligo vaccinale generale: «La confusione non aiuta nessuno, semplificare è la chiave per mantenere il Paese aperto»
Congresso FNOPI, Speranza: «Gli infermieri fulcro di case e ospedali di comunità»
A Roma l’ultima tappa del 2021 del secondo Congresso FNOPI. La presidente Mangiacavalli sugli obiettivi della sanità del futuro: «Integrazione multiprofessionale, recupero di prestazioni e interventi “persi” in pandemia, aumento del personale infermieristico»
Cittadini (Aiop): «Al SSN serve una nuova programmazione sanitaria, valorizzare ruolo componente privata»
Incontro sul PNRR per fare il punto sui fondi europei e sulle politiche nazionali dedicate alla salute. Nel corso dei lavori è stata presentata una ricerca dell’Università Bocconi sul “ruolo della componente di diritto privato del SSN per l'implementazione di Next Generation EU
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...