Politica 9 Luglio 2019

Maratona Patto per la Salute, Giulia Grillo: «Servono risorse e serve usarle meglio»

In corso la “Maratona” per arrivare a chiudere il Patto della Salute. Sul tavolo temi quali l’autonomia regionale e il reperimento delle risorse. «Non nego che recuperare risorse per la sanità sarebbe importante – ha spiegato il ministro della Salute, Giulia Grillo – ma vediamo anche come organizzare meglio quelle che abbiamo»

Immagine articolo

Tre minuti ad associazione di categoria per esporre il proprio punto di vista, una sala gremita ma con qualche defezione e al tavolo il ministro della Salute, Giulia Grillo che assiste per le prime due ore, sostituita poi dal sottosegretario Armando Bartolazzi. Parte così il primo di tre giorni di “Maratona” per arrivare a chiudere il Patto della Salute, l’accordo programmatico e finanziario per il triennio 2019/2021.

LEGGI: MEDICI DI FAMIGLIA, FIMMG PROCLAMA STATO DI AGITAZIONE. IL SEGRETARIO SCOTTI: «DEFISCALIZZAZIONI E ‘MICROTEAM’, ASPETTIAMO RISPOSTE SU ACN»

Per il ministro della Salute, Giulia Grillo la maratona è un momento di «confronto su quei temi che sono strettamente del Patto. Qualcuno potrebbe sembrare che va fuori tema, ma in realtà così non è perché in ogni caso ci sono sempre argomenti importanti in queste occasioni di confronto pubblico». L’idea di una tre giorni di mini-interventi non è piaciuta ad alcuni tra gli auditi, soprattutto per il ridotto tempo a disposizione. «È un modello inedito, che a noi piace», ha invece precisato Giulia Grillo, poiché è «molto più utile confrontarsi tutti insieme che non aprire un tavolo con ogni singolo attore».

Tra i temi emersi nel dibattito anche l’autonomia regionale. «Il concetto è che bisogna far andare avanti chi vuole andare avanti e prendere per i capelli chi rimane indietro, per far andare avanti anche lui. Chi è proattivo deve poter andare avanti e chi non lo è va aiutato dallo Stato», ha spiegato il ministro Grillo, nel giorno in cui è stato convocato il vertice di Governo sull’autonomia regionale differenziata a Palazzo Chigi. Per quanto riguarda la Sanità, «la riforma ha già le sue fondamenta nella concorrenza della materia sanitaria a livello costituzionale. Già le Regioni hanno una fortissima autonomia. Quello che dobbiamo fare – ha spiegato il ministro – è dare alle Regioni a cui serve quell’autonomia che, in alcuni casi, è necessaria per tenere in piedi i servizi. E, d’altra parte, cercare di smuovere una serie di blocchi burocratici, che hanno frenato il paese per anni».

Rimane il nodo finanziamenti. «Molte delle idee esposte sono interessanti – ha continuato – come gli infermieri di famiglia. Ma è un tema di risorse. Ci stiamo impegnando a mantenere quelle stanziate nella precedente legge di bilancio». Serve anche fare risparmio. Per esempio, ha sottolineato il ministro, «oggi si è parlato della possibilità di utilizzare i fondi sanitari integrativi per le prestazioni non incluse nei livelli essenziali di assistenza. Ci sono diversi percorsi da seguire, certamente le risorse non sono infinite, quindi dobbiamo cercare di capire come finanziare l’esistente facendo un po’ di risparmio».

Articoli correlati
Patto per la salute, assistenti sociali soddisfatti. Gazzi (Cnoas): «Dignità e cura insieme. Centrale integrazione socio-sanitaria»
Il presidente del Consiglio dell’Ordine degli Assistenti sociali: «Bene il Patto per la Salute, da gennaio lavoreremo affinchè non resti sulla carta»
Patto per la Salute, raggiunta l’intesa. Accordo sul ‘care giver’ familiare e specializzandi in corsia
La Conferenza delle Regioni ha dato il via libera, unanime, al documento di programmazione 2019-2021 che attende ora soltanto il passaggio formale della Conferenza Stato-Regioni
Le Sardine (in camice bianco) scendono in piazza: «Basta odio medico-paziente. Subito nuovo patto per la salute»
A Piazza San Giovanni centinaia di cappelli e magliette: «Basta alle aggressioni e alle campagne denigratorie». L’europarlamentare Bartolo: «Fare il necessario per recuperare fiducia pazienti con ascolto e formazione». Il fondatore Santori: «Il populismo che sminuisce le competenze non ci ha fatto bene»
Celebrazione 60 anni Anaao Assomed, Troise: «Il futuro del sindacato è in mano ai giovani e alle donne»
«Una grande storia collegata all’Art. 32 della Costituzione. Rivendichiamo più occupazione e meno precarietà: la qualità delle cure dipende dal lavoro stabile e da investimenti in termini di crescita, sicurezza e formazione». Le parole del segretario Carlo Palermo ai festeggiamenti del 60° anniversario del sindacato
Regioni contro spoil system in Agenas. E slitta la firma del Patto per la Salute
I governatori di centrodestra contestano la volontà da parte del ministro Speranza di rimuovere il Dg di Agenas Francesco Bevere. Rilievi anche sulle norme per le assunzioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...