Politica 9 Luglio 2019 11:33

Maratona Patto per la Salute, Giulia Grillo: «Servono risorse e serve usarle meglio»

In corso la “Maratona” per arrivare a chiudere il Patto della Salute. Sul tavolo temi quali l’autonomia regionale e il reperimento delle risorse. «Non nego che recuperare risorse per la sanità sarebbe importante – ha spiegato il ministro della Salute, Giulia Grillo – ma vediamo anche come organizzare meglio quelle che abbiamo»

Maratona Patto per la Salute, Giulia Grillo: «Servono risorse e serve usarle meglio»

Tre minuti ad associazione di categoria per esporre il proprio punto di vista, una sala gremita ma con qualche defezione e al tavolo il ministro della Salute, Giulia Grillo che assiste per le prime due ore, sostituita poi dal sottosegretario Armando Bartolazzi. Parte così il primo di tre giorni di “Maratona” per arrivare a chiudere il Patto della Salute, l’accordo programmatico e finanziario per il triennio 2019/2021.

LEGGI: MEDICI DI FAMIGLIA, FIMMG PROCLAMA STATO DI AGITAZIONE. IL SEGRETARIO SCOTTI: «DEFISCALIZZAZIONI E ‘MICROTEAM’, ASPETTIAMO RISPOSTE SU ACN»

Per il ministro della Salute, Giulia Grillo la maratona è un momento di «confronto su quei temi che sono strettamente del Patto. Qualcuno potrebbe sembrare che va fuori tema, ma in realtà così non è perché in ogni caso ci sono sempre argomenti importanti in queste occasioni di confronto pubblico». L’idea di una tre giorni di mini-interventi non è piaciuta ad alcuni tra gli auditi, soprattutto per il ridotto tempo a disposizione. «È un modello inedito, che a noi piace», ha invece precisato Giulia Grillo, poiché è «molto più utile confrontarsi tutti insieme che non aprire un tavolo con ogni singolo attore».

Tra i temi emersi nel dibattito anche l’autonomia regionale. «Il concetto è che bisogna far andare avanti chi vuole andare avanti e prendere per i capelli chi rimane indietro, per far andare avanti anche lui. Chi è proattivo deve poter andare avanti e chi non lo è va aiutato dallo Stato», ha spiegato il ministro Grillo, nel giorno in cui è stato convocato il vertice di Governo sull’autonomia regionale differenziata a Palazzo Chigi. Per quanto riguarda la Sanità, «la riforma ha già le sue fondamenta nella concorrenza della materia sanitaria a livello costituzionale. Già le Regioni hanno una fortissima autonomia. Quello che dobbiamo fare – ha spiegato il ministro – è dare alle Regioni a cui serve quell’autonomia che, in alcuni casi, è necessaria per tenere in piedi i servizi. E, d’altra parte, cercare di smuovere una serie di blocchi burocratici, che hanno frenato il paese per anni».

Rimane il nodo finanziamenti. «Molte delle idee esposte sono interessanti – ha continuato – come gli infermieri di famiglia. Ma è un tema di risorse. Ci stiamo impegnando a mantenere quelle stanziate nella precedente legge di bilancio». Serve anche fare risparmio. Per esempio, ha sottolineato il ministro, «oggi si è parlato della possibilità di utilizzare i fondi sanitari integrativi per le prestazioni non incluse nei livelli essenziali di assistenza. Ci sono diversi percorsi da seguire, certamente le risorse non sono infinite, quindi dobbiamo cercare di capire come finanziare l’esistente facendo un po’ di risparmio».

Articoli correlati
Violenza su operatori sanitari, casi in aumento. Protocolli con forze di polizia e Osservatorio, la legge resta zoppa
Approvata otto mesi fa, la Legge 113 del 2020 fatica ancora a trovare applicazione. Il Presidente FNOMCeO Filippo Anelli: «La legge funziona bene se Ordini e istituzioni intervengono». L’ex Ministro Grillo apre a una modifica: «Bisogna prendere spunto da quello che accade ogni giorno, ad esempio nei Pronto soccorso». Nessuno Tocchi Ippocrate: «No vax fomentano paure»
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
Enpam, bilancio 2020: utili a 1,2 miliardi nonostante la pandemia
«Un risultato che non esito a definire straordinario – commenta il presidente dell’Enpam Alberto Oliveti – soprattutto se si considera che è stato ottenuto in un anno di assoluta emergenza a causa della pandemia da Covid-19»
Enpam, per il 2021 previsto attivo da 470 milioni. Nuovi aiuti Covid-19
«Per tutelare gli iscritti in difficoltà a causa dell’emergenza Covid con misure straordinarie – ha spiegato il presidente Enpam Alberto Oliveti – è stata necessaria una variazione al bilancio di previsione 2020 e un incremento delle risorse stanziate. Tuttavia, anche quest’anno abbiamo mantenuto un saldo positivo: proporremo nuovi interventi per il Covid-19»
Liste di attesa, l’ex ministro Grillo: «Mettere a bando le prestazioni». Cittadinanzattiva: «Serve piano straordinario»
Il lockdown ha messo in standby milioni di prestazioni sanitarie che ora devono essere recuperate. Per Moccia (Cittadinanzattiva) bisogna tornare al Piano nazionale «che stabilisce tempi massimi per esami e visite». Interpellanza della Grillo a Speranza: «Siano illustrate le modalità di monitoraggio dei tempi di attesa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 ottobre, sono 244.073.373 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.954.951 i decessi. Ad oggi, oltre 6,83 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?