Politica 9 Luglio 2019

Maratona Patto per la Salute, Giulia Grillo: «Servono risorse e serve usarle meglio»

In corso la “Maratona” per arrivare a chiudere il Patto della Salute. Sul tavolo temi quali l’autonomia regionale e il reperimento delle risorse. «Non nego che recuperare risorse per la sanità sarebbe importante – ha spiegato il ministro della Salute, Giulia Grillo – ma vediamo anche come organizzare meglio quelle che abbiamo»

Immagine articolo

Tre minuti ad associazione di categoria per esporre il proprio punto di vista, una sala gremita ma con qualche defezione e al tavolo il ministro della Salute, Giulia Grillo che assiste per le prime due ore, sostituita poi dal sottosegretario Armando Bartolazzi. Parte così il primo di tre giorni di “Maratona” per arrivare a chiudere il Patto della Salute, l’accordo programmatico e finanziario per il triennio 2019/2021.

LEGGI: MEDICI DI FAMIGLIA, FIMMG PROCLAMA STATO DI AGITAZIONE. IL SEGRETARIO SCOTTI: «DEFISCALIZZAZIONI E ‘MICROTEAM’, ASPETTIAMO RISPOSTE SU ACN»

Per il ministro della Salute, Giulia Grillo la maratona è un momento di «confronto su quei temi che sono strettamente del Patto. Qualcuno potrebbe sembrare che va fuori tema, ma in realtà così non è perché in ogni caso ci sono sempre argomenti importanti in queste occasioni di confronto pubblico». L’idea di una tre giorni di mini-interventi non è piaciuta ad alcuni tra gli auditi, soprattutto per il ridotto tempo a disposizione. «È un modello inedito, che a noi piace», ha invece precisato Giulia Grillo, poiché è «molto più utile confrontarsi tutti insieme che non aprire un tavolo con ogni singolo attore».

Tra i temi emersi nel dibattito anche l’autonomia regionale. «Il concetto è che bisogna far andare avanti chi vuole andare avanti e prendere per i capelli chi rimane indietro, per far andare avanti anche lui. Chi è proattivo deve poter andare avanti e chi non lo è va aiutato dallo Stato», ha spiegato il ministro Grillo, nel giorno in cui è stato convocato il vertice di Governo sull’autonomia regionale differenziata a Palazzo Chigi. Per quanto riguarda la Sanità, «la riforma ha già le sue fondamenta nella concorrenza della materia sanitaria a livello costituzionale. Già le Regioni hanno una fortissima autonomia. Quello che dobbiamo fare – ha spiegato il ministro – è dare alle Regioni a cui serve quell’autonomia che, in alcuni casi, è necessaria per tenere in piedi i servizi. E, d’altra parte, cercare di smuovere una serie di blocchi burocratici, che hanno frenato il paese per anni».

Rimane il nodo finanziamenti. «Molte delle idee esposte sono interessanti – ha continuato – come gli infermieri di famiglia. Ma è un tema di risorse. Ci stiamo impegnando a mantenere quelle stanziate nella precedente legge di bilancio». Serve anche fare risparmio. Per esempio, ha sottolineato il ministro, «oggi si è parlato della possibilità di utilizzare i fondi sanitari integrativi per le prestazioni non incluse nei livelli essenziali di assistenza. Ci sono diversi percorsi da seguire, certamente le risorse non sono infinite, quindi dobbiamo cercare di capire come finanziare l’esistente facendo un po’ di risparmio».

Articoli correlati
Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»
«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio», commenta la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all'indomani della ufficializzazione della crisi di governo
Crisi di governo, la preoccupazione di Anelli (FNOMCeO): «Ddl aggressioni sarà rallentato nonostante nostre sollecitazioni»
Il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri traccia un bilancio dell’operato del ministro Grillo: «Con lei siamo riusciti a mettere a fuoco molte delle problematiche che avevamo sollecitato. Ora se ci sarà un cambio al dicastero dovremmo ricominciare da capo»
«Ho cercato di mettere le cose a posto nella sanità pubblica», l’addio del ministro Grillo dopo le dimissioni del Governo
«Mi auguro che il mio progetto dell’ostetrica di comunità venga realizzato comunque da chi verrà come anche il ddl anti violenza a difesa degli operatori sanitari»
Salute, Ministro Grillo dimissionario: svolgerà solo l’ordinaria amministrazione
Con le dimissioni presentate al Quirinale dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, anche il resto del Governo è dimissionario. Tra loro anche il titolare del dicastero Salute, Giulia Grillo. Il Governo e tutti i ministri rimangono comunque in carica fino all’insediamento di un nuovo Governo. Questo accadrà anche in caso di elezioni. L’attività del governo […]
Crisi di governo: la diretta di Sanità Informazione
Giuseppe Conte in Senato annuncia le dimissioni: «Alla fine di questo dibattito mi recherò dal Presidente della Repubblica per dimettermi». Attesa del mondo della sanità per l'esito della crisi: ecco i provvedimenti che rischiano di saltare. Dimissionario anche il Ministro della Salute Giulia Grillo. I commenti dei Senatori della Commissione Sanità e della Commissione Affari Sociali: Binetti, Boldrini, Tiramani...
di Cesare Buquicchio, Giovanni Cedrone, Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone