Politica 12 Dicembre 2019

Lombardia, presentate le Regole 2020: assunzioni, rinnovamento ospedali e investimenti su liste d’attesa

Previsti due milioni per l’assistenza domiciliare integrata, tre in più per le cure palliative e novità su telemedicina. Lunedì l’esame in Giunta. Gallera (assessore Welfare): «Interventi specifici nella prevenzione, autismo e neuropsichiatria infantile»

di Federica Bosco

L’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera ha presentato alla 3° Commissione consigliare le Regole 2020 per il funzionamento del servizio sociosanitario regionale. Il provvedimento, che a grandi linee era stato annunciato a Sanità Informazione da Gallera già qualche giorno fa, sarà portato all’esame della Giunta regionale lunedì 16 dicembre. Da evidenziare, l’intenzione di «continuare ad attuare, dopo quasi 8 anni con le mani legate, il piano delle assunzioni sfruttando fino all’ultimo centesimo le possibilità finanziarie garantite dalle normative nazionali» e l’investimento di altri 200 milioni di euro per «interventi di rinnovamento strutturale e tecnologico negli ospedali e IRCCS pubblici».

LISTE D’ATTESA, INVESTIMENTO DI 30 MILIONI E SPERIMENTAZIONI DI MILANO E BRESCIA ESTESE A TUTTA LA REGIONE

«Alla luce dei risultati incoraggianti sulla riduzione delle liste d’attesa ottenuti a seguito della sperimentazione nei territori delle ATS di Milano e Brescia attraverso l’investimento di 15 milioni e l’acquisto di prestazione aggiuntive rispetto a quelle erogate l’anno precedente, abbiamo deciso di estendere le misure a tutto il territorio regionale raddoppiando la cifra. I tetti di spesa sulle assunzioni e sul budget da assegnare agli erogatori privati accreditati hanno finora impedito alle Regioni, e alla Lombardia in particolare, di intraprendere azioni più incisive», ha spiegato Gallera.

DUE MILIONI IN PIU’ PER L’ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA E TRE PER LE CURE PALLIATIVE

«Abbiamo previsto 2 milioni aggiuntivi per l’Assistenza Domiciliare Integrata – ha proseguito l’assessore – e 3 milioni in più le cure palliative domiciliari e altri 2 milioni per l’autismo. Mi preme focalizzare l’attenzione sull’istituzione della Comunità sperimentale per minori con disturbi psicopatologici e con problemi di abuso di sostanze. Sul tema delle dipendenze, punteremo molto sulla diagnosi precoce presso scuole e luoghi di aggregazione al fine di intercettare i giovani nelle prime fasi del consumo, prima che la situazione sia troppo compromessa».

PER I CRONICI PIANO DI ASSISTENZA INDIVIDUALE E 200 MILIONI PER RINNOVARE OSPEDALI E IRCCS

«Il ruolo proattivo dei medici di base in stretta connessione con le strutture ospedaliere rimane il pilastro del nostro modello per la presa in carico dei pazienti cronici – ha continuato Gallera –. Fra questi, per chi sottoscrive il Piano di Assistenza Individuale, pacchetti prestazionali per l’esecuzione nella medesima giornata delle prescrizioni previste nel singolo percorso di cura. Inoltre, il medico di medicina generale potrà registrare in formato elettronico tutte le ricette dematerializzate per i farmaci previsti, come da normativa vigente, ed il paziente potrà recarsi direttamente nella farmacia prescelta per l’acquisto dei farmaci. Novità anche nel settore della Telemedicina con possibilità di erogare prestazioni come l’ECG, l’holter o il fundus oculi negli studi delle cooperative degli MMG ed effettuare la refertazione a distanza da parte degli specialisti delle strutture accreditate».

LEGGI ANCHE: #DESTINAZIONESANITA’ | LOMBARDIA, COME TUTELARE UN’ECCELLENZA: ISTRUZIONI PER L’USO 

Articoli correlati
Lazio, Senior Italia FederAnziani: «Ecco le soluzioni per ridurre le liste d’attesa»
Telemonitoraggio, aumento ore specialisti, informatizzazione. Le proposte lanciate da Senior Italia FederAnziani che ha messo a confronto società scientifiche e organizzazioni sindacali di medici con la Regione Lazio
Clean room per snellire le liste d’attesa. Nicolò (oculista): «“Stanze pulite” e non sale operatorie per interventi a bassa complessità»
Il presidente di Macula: «La pandemia ha determinato un calo delle prestazioni per la cura delle maculopatie che va dal 40% all’80%. Interrompere le terapie potrebbe significare peggiorare il proprio stato di salute in modo irreversibile»
di Isabella Faggiano
L’Ospedale Sacco presenta il protocollo Viecca: antiaggreganti e antinfiammatori per curare trombosi da Covid
La scoperta del primario di cardiologia del Sacco, Maurizio Viecca viene adottata anche in America. «Nei pazienti dimessi importante sciogliere i trombi residui, a breve una piattaforma realizzata da Esa permetterà di monitorarli».
di Federica Bosco
Piemonte, Senior Italia FederAnziani: «Urgente riattivare ambulatori per attività specialistica e screening»
La richiesta lanciata dal Board di Senior Italia FederAnziani di supportare il servizio sanitario con intermediazione sul territorio, per una popolazione che può avere difficoltà di comprensione dei meccanismi organizzativi o dei percorsi di diagnosi e cura. Il confronto con il Presidente della Commissione Sanità Alessandro Stecco
«Nei 4 mesi di Covid bruciati tutti i risparmi prodotti dai tagli dissennati in sanità. Ora investire e assumere»
L’intervista a Benedetto Magliozzi, segretario Cisl Medici Roma Capitale/Rieti
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...