Politica 12 Dicembre 2019

Lombardia, presentate le Regole 2020: assunzioni, rinnovamento ospedali e investimenti su liste d’attesa

Previsti due milioni per l’assistenza domiciliare integrata, tre in più per le cure palliative e novità su telemedicina. Lunedì l’esame in Giunta. Gallera (assessore Welfare): «Interventi specifici nella prevenzione, autismo e neuropsichiatria infantile»

di Federica Bosco

L’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera ha presentato alla 3° Commissione consigliare le Regole 2020 per il funzionamento del servizio sociosanitario regionale. Il provvedimento, che a grandi linee era stato annunciato a Sanità Informazione da Gallera già qualche giorno fa, sarà portato all’esame della Giunta regionale lunedì 16 dicembre. Da evidenziare, l’intenzione di «continuare ad attuare, dopo quasi 8 anni con le mani legate, il piano delle assunzioni sfruttando fino all’ultimo centesimo le possibilità finanziarie garantite dalle normative nazionali» e l’investimento di altri 200 milioni di euro per «interventi di rinnovamento strutturale e tecnologico negli ospedali e IRCCS pubblici».

LISTE D’ATTESA, INVESTIMENTO DI 30 MILIONI E SPERIMENTAZIONI DI MILANO E BRESCIA ESTESE A TUTTA LA REGIONE

«Alla luce dei risultati incoraggianti sulla riduzione delle liste d’attesa ottenuti a seguito della sperimentazione nei territori delle ATS di Milano e Brescia attraverso l’investimento di 15 milioni e l’acquisto di prestazione aggiuntive rispetto a quelle erogate l’anno precedente, abbiamo deciso di estendere le misure a tutto il territorio regionale raddoppiando la cifra. I tetti di spesa sulle assunzioni e sul budget da assegnare agli erogatori privati accreditati hanno finora impedito alle Regioni, e alla Lombardia in particolare, di intraprendere azioni più incisive», ha spiegato Gallera.

DUE MILIONI IN PIU’ PER L’ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA E TRE PER LE CURE PALLIATIVE

«Abbiamo previsto 2 milioni aggiuntivi per l’Assistenza Domiciliare Integrata – ha proseguito l’assessore – e 3 milioni in più le cure palliative domiciliari e altri 2 milioni per l’autismo. Mi preme focalizzare l’attenzione sull’istituzione della Comunità sperimentale per minori con disturbi psicopatologici e con problemi di abuso di sostanze. Sul tema delle dipendenze, punteremo molto sulla diagnosi precoce presso scuole e luoghi di aggregazione al fine di intercettare i giovani nelle prime fasi del consumo, prima che la situazione sia troppo compromessa».

PER I CRONICI PIANO DI ASSISTENZA INDIVIDUALE E 200 MILIONI PER RINNOVARE OSPEDALI E IRCCS

«Il ruolo proattivo dei medici di base in stretta connessione con le strutture ospedaliere rimane il pilastro del nostro modello per la presa in carico dei pazienti cronici – ha continuato Gallera –. Fra questi, per chi sottoscrive il Piano di Assistenza Individuale, pacchetti prestazionali per l’esecuzione nella medesima giornata delle prescrizioni previste nel singolo percorso di cura. Inoltre, il medico di medicina generale potrà registrare in formato elettronico tutte le ricette dematerializzate per i farmaci previsti, come da normativa vigente, ed il paziente potrà recarsi direttamente nella farmacia prescelta per l’acquisto dei farmaci. Novità anche nel settore della Telemedicina con possibilità di erogare prestazioni come l’ECG, l’holter o il fundus oculi negli studi delle cooperative degli MMG ed effettuare la refertazione a distanza da parte degli specialisti delle strutture accreditate».

LEGGI ANCHE: #DESTINAZIONESANITA’ | LOMBARDIA, COME TUTELARE UN’ECCELLENZA: ISTRUZIONI PER L’USO 

Articoli correlati
Coronavirus, Regione Lombardia stanzia 50 milioni per sconfiggere il Covid-19
Sono 50 i milioni stanziati da Regione Lombardia per far fronte all’emergenza Coronavirus. A darne notizia l’assessore al welfare Giulio Gallera che ha spiegato nel dettaglio l’operatività: «Negli ultimi giorni sono stati aggiunti 103 nuovi posti letto alla terapia intensiva esistente, 70 nel sistema pubblico e 40 nel privato, mentre altri 50 posti saranno pronti […]
Coronavirus, quinta vittima e in aumento i casi accertati in Italia. Scuole e università chiuse al Nord
Chiuso per Coronavirus il Nord Italia. Migliaia i tamponi effettuati, Borrelli: «Per questo numeri elevati, in Paesi Ue attenzione minore»
Covid-19, all’ospedale di Codogno contagiate 5 persone tra medici e infermieri
Chiusi uffici, scuole e negozi in dieci comuni del lodigiano e a Vo' Euganeo. Zaia: «Svuoteremo l'ospedale di Schiavonia dove erano ricoverati i due casi confermati in Veneto». Anelli: «Proteggere i medici». Speranza: «L'Italia è pronta»
«Pagare per chiamare l’ambulanza? Assurdo». Le reazioni dei romani ai costi della sanità made in USA
VIDEO | 30mila dollari per un parto, 2500 per un braccio rotto, fino a 200mila dollari per un ciclo di chemioterapia. Sono alcuni esempi di quanto possa arrivare a costare la sanità negli Stati Uniti. Ma gli italiani si rendono conto della fortuna di avere un sistema sanitario pubblico e universale? Vediamo cosa ci hanno detto…
Autismo, la storia di Matteo. «Testardi ma fortunati. Ora va a scuola come tutti i bambini»
«La prima parola di Matteo? Né mamma né papà, ma ‘acqua’. Per noi è stata una conquista enorme» racconta mamma Elena che si è affidata all’Anffas di Ostia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...