Politica 20 Maggio 2019

Lombardia, dal Governo 672 mln per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Riorganizzazione Pronto soccorso e più medici, aspettando l’autonomia»   

Il presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia, Emanuele Monti, spiega come saranno utilizzate le risorse stabilite con l’intesa governo-regioni: «Un collegamento più vicino alle persone, all’ospedale-territorio, la presa in carico della cronicità, quel 30% dei pazienti che assorbono il 70/80% delle risorse economiche». Sulla carenza di medici: «Autonomia differenziata potrebbe aiutarci»

di Federica Bosco

Buone notizie per la Sanità Lombarda. L’intesa Governo-Regioni ha prodotto un nuovo finanziamento di 672 milioni di euro che permetterà nei prossimi anni la realizzazione di due grandi strutture, i nuovi ospedali San Paolo-San Carlo e Busto Gallarate. Oltre a queste risorse, Regione Lombardia punterà sull’informatizzazione e sulla cura delle cronicità dando concretezza alla legge 23 del 2015. «Siamo in un momento di messa a terra di questa riforma che chiederà alcuni anni – commenta Emanuele Monti (Lega), Presidente della commissione Sanità di Regione Lombardia – ma devo dire che in tutti gli incontri che stiamo avendo con interlocutori nazionali e soprattutto internazionali, ci dicono quanto è importante ed innovativa questa legge 23 approvata nel 2015».

Presidente, quali sono le novità della legge 23 del 2015 che troveranno applicazione a partire dal 2019?  

«Innanzitutto, un collegamento più vicino alle persone, all’ospedale-territorio, la presa in carico della cronicità, quel trenta per cento dei pazienti che assorbono il 70/80 percento delle risorse economiche della gestione sanitaria della Regione, quindi una vera riforma che rimette in gioco il paradigma tra domanda e offerta sanitaria, tra erogazione sanitaria e i bisogni reali della popolazione. Un vero cambiamento che si sta concretizzando con una importante delibera sul Pronto Soccorso, come luogo per acuti, e oltre alle sinergie che stiamo costruendo mettendo in rete tutto il sistema sanitario lombardo per le patologie croniche».

LEGGI ANCHE: LOMBARDIA, SOSPESO LO STATO DI AGITAZIONE DEI SINDACATI MEDICI. INCONTRO IN REGIONE FISSATO PER IL 24 MAGGIO

Regione Lombardia è un’eccellenza in ambito sanitario, eppure ci sono alcuni problemi: tema attuale è quello della carenza dei medici sia di famiglia che specialistici, come si può ovviare a questo problema?

«Bisogna dire che è un problema autoindotto di quel governo che decise di tagliare sulle Regioni più efficienti, come la Lombardia, per ridurre i debiti di quelle meno efficienti del nostro Stato.  Oggi chiediamo a gran voce la possibilità di spendere soldi che abbiamo, di utilizzare le nostre risorse per assumere medici e personale necessario per mettere in moto la riforma della legge 23. Tante iniziative sono state comunque fatte: come le borse di studio per gli specializzandi, che abbiamo introdotto con i nostri soldi e utilizzando le nostre risorse, la scuola di Medicina generale che quest’anno supera le 400 unità, triplicando i posti previsti in passato, penso a tanti interventi concreti come quello, vincendo il ricorso in Corte Costituzionale, di avere i medici specializzandi l’ultimo anno già pronti a collaborare in corsia in particolare in pronto soccorso».

Con l’autonomia differenziata, cosa potrebbe cambiare da un punto di vista della sanità?

«Sarebbe un grande aiuto ed una boccata di ossigeno per riuscire a crescere. Sicuramente il tema del budget, passando da una logica di contingentamento di risorse a una di spesa più vicina ai bisogni effettivi, partendo da quello del personale, permetterebbe di avere una programmazione differente, potendo organizzare meglio l’uscita dalle scuole universitarie e quindi gestire le scuole di specialità che oggi sono appannaggio dello Stato, potendo programmare meglio le professioni sanitarie che abbiamo bisogno nel presente e che avremo bisogno nel futuro.  Questo non vuol dire togliere agli altri, ma dare la possibilità a chi funziona di funzionare meglio ed evitare così la fuga dei camici bianchi all’estero».

Recentemente Regione Lombardia ha firmato un accordo con Fimmg per i medici di famiglia. Che ruolo possono giocare nella presa in carico delle cronicità?

«È un ruolo fondamentale, noi l’abbiamo inserito in un quadro strategico di riferimento, la condivisione di un patto di cura siglato da medico e paziente e questo dovrà portare anche a livello amministrativo ad una semplicità nel prenotare gli esami, nell’appropriatezza della cura, anche farmacologica. Il medico di base è al centro di questo modello, abbiamo già fatto 30 mila patti di cura con i cittadini, ne dobbiamo fare molti altri, siamo nella giusta direzione con i medici insieme a noi che riacquistano il loro ruolo di professionisti, mentre il lato burocratico viene demandato al personale di segreteria che li assiste, con la possibilità di fare prestazioni ambulatoriali anche semplici come ECG che già il medico di base oggi può erogare al cittadino, rendendo il sistema più semplice».

Articoli correlati
Coronavirus, sale a 30 il numero dei medici morti. Scotti (Fimmg): «17 erano medici di famiglia. Il tempo sta finendo»
«Ogni giorno mi chiedo se potevo fare, pensare o agire qualcosa di più. Voglio sperare che questa stessa condizione riguardi tutti quelli che hanno più di me responsabilità direzionali e di governance e che soprattutto valutino se ognuno di loro ha fatto tutto quello che poteva per tutti gli attori della nostra sanità perché, se non fosse così, saremmo di fronte ad una strage di Stato»
Coronavirus a Napoli, risolto il caso dei giovani anestesisti. Contratto firmato dopo il clamore mediatico
Soddisfazione da parte del dg Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva: «Ha prevalso il buon senso, siamo tutti dalla stessa parte contro un nemico comune». Lo specializzando: «Le nostre richieste di tutela sono state ascoltate»
Coronavirus, interrogazione di Bonfrisco (Lega): «Accordo con Cina mette a rischio dati sanitari»
L’europarlamentare della Lega a Strasburgo Anna Bonfrisco ha chiesto alla Commissione Ue di chiedere al premier Giuseppe Conte di riferire sulla “via della Seta sanitaria”  
Specializzanda in prima linea tra i malati di Coronavirus: «Ho deciso di separarmi dalla famiglia»
Turni massacranti e rischio contagio, ma Laura (nome di fantasia) ha scelto di essere in una delle tre terapie intensive dedicate al Covid-19 dell'ospedale Niguarda di Milano: «Scelta ragionata e consapevole. La situazione è complicata, indispensabile isolamento sociale»
di Federica Bosco
Coronavirus, Manai (Pd): «Per evitare collasso SSN aumentare al massimo borse di specializzazione»
Il responsabile della formazione medica del Pd ringrazia governo e operatori sanitari per il lavoro svolto nell’emergenza e chiede una corretta programmazione: «Abbiamo bisogno di più specialisti, abbiamo bisogno di più investimenti sulla sanità pubblica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 marzo, sono 665.616 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 30.857 i decessi e 141.746 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...