Politica 16 Maggio 2019

Lombardia, sospeso lo stato di agitazione dei sindacati medici. Incontro in Regione fissato per il 24 maggio

«È dal mese di marzo che attendiamo una risposta da Fontana e Gallera, – spiega Danilo Mazzacane CISL Medici – fino ad allora non parteciperemo ad altri incontri. Abbiamo l’esigenza di capire l’indirizzo di Regione Lombardia e far passare ai medici il messaggio su quanto contano per le Istituzioni»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Sospeso lo stato di agitazione indetto nei giorni scorsi dalle organizzazioni sindacali della Dirigenza Medica, Veterinaria, Sanitaria, Professionale, Tecnica e Amministrativa del servizio Sanitario Regionale Lombardo. Al termine dell’incontro tenutosi due giorni fa in Prefettura dinnanzi al Viceprefetto Giuseppa Massa, nel tentativo di conciliazione delle parti, i sindacati hanno deciso di fare un passo indietro in attesa dell’incontro politico con il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana e l’assessore al Welfare Giulio Gallera, che si svolgerà il 24 maggio in regione Lombardia. 

«Abbiamo deciso di sospendere lo stato di agitazione – spiega Danilo Mazzacane CISL Medici al termine di un lungo dibattito conclusosi nella serata di martedì – in attesa di una convocazione formale. Per questo non abbiamo partecipato all’incontro di ieri pomeriggio in Regione Lombardia. È dal mese di marzo che attendiamo una risposta da Fontana e Gallera, fino ad allora non parteciperemo ad altri incontri. Abbiamo l’esigenza di capire l’indirizzo di Regione Lombardia e far passare ai medici il messaggio su quanto contano per le Istituzioni».

Una presa di posizione, smorzata nei toni dal rappresentante sindacale, che l’assessore di Regione Lombardia al Welfare, Giulio Gallera spiega con sorpresa. «Comprendo le difficoltà che i medici stanno affrontando – dichiara – ma la Regione ha sempre agito a tutela e sostegno del buon funzionamento del sistema di welfare nel suo complesso. Le motivazioni di alcune scelte sono dettate da norme nazionali che limitano la capacità di incremento del fondo per il personale sanitario e che hanno di conseguenza ridotto il numero di borse di studio per gli specializzandi. Norme contro le quali ci siamo battuti – aggiunge Gallera – fino ad avviare un percorso per il riconoscimento di una maggiore autonomia in materia sociosanitaria. Non solo – prosegue – Regione Lombardia ha intrapreso una serie di provvedimenti forti e coraggiosi per migliorare le condizioni lavorative negli ospedali e per valorizzare la professionalità dei medici. Il riferimento è l’ampliamento dell’Istituto della cosiddetta Intramoenia allargata. Abbiamo altresì condotto una battaglia epocale– ricorda Gallera – vincendola, per l’impiego autonomo degli specializzandi negli ospedali. Senza dimenticare le borse di studio finanziate direttamente da Regione Lombardia che sono quasi raddoppiate passando tra 30 a 55 e nel 2019 se ne aggiungeranno altre 20». Tutte iniziative che non sono sufficienti, secondo quando sostenuto dalle sigle sindacali dinnanzi al Prefetto.  «Certo – prosegue l’assessore al Welfare – lo scorso anno abbiamo chiesto un piccolo sacrificio a medici ed infermieri sulle risorse integrative regionali (R.A.R integrativa presente in pochissime regioni) al fine di recuperare risorse da destinare a nuove assunzioni. Quest’anno stiamo valutando di fare lo stesso con dirigenti medici a fronte di un interesse di sistema più elevato che consentirebbe di ripopolare corsie e reparti negli ospedali. Alla luce di tutte queste iniziative – conclude Gallera – la contrapposizione nei nostri confronti risulta essere ancora più incomprensibile».

Diversa la lettura del tema fatta dalle sigle sindacali che hanno preso parte all’incontro in Prefettura. Secondo ANAAO- ASSOMED, CIMO, AAROI, CGIL MEDICI, FVM, FASSID, CISL MEDICI, UIL MEDICI E FEDIRETS, infatti alla base dello stato di agitazione, per il momento rientrato, ci sarebbe:

  • una situazione compromissoria in cui versa il sistema sanitario regionale per la carenza di medici specialisti nel settore pubblico
  • ritmi di lavoro sempre più stressanti e irrispettosi delle norme sull’orario di lavoro
  • le criticità commesse da Regione nell’attuare la riforma che non ha favorito l’integrazione, ma ha peggiorato lo stato precedente
  • gli esisti negativi degli incontri tenutisi nei mesi scorsi per la definizione dei fabbisogni del personale, agli indirizzi sull’attività libero professionale e all’erogazione delle risorse aggiuntive regionali per l’anno 2019
  • la perdurante incertezza delle relazioni sindacali caratterizzata da informazioni assenti e lacunose
  • la mancata risposta alla richiesta di incontro inviata in data 25 marzo e indirizzata al Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana e all’assessore al Welfare Giulio Gallera.

«Il settore pubblico – rimarca Danilo Mazzacane nel motivare la scelta di non partecipare all’incontro odierno in Regione – ha perso appetibilità per i giovani non solo per una questione economica, ma anche di qualità del lavoro. Non bisogna dimenticare, ad esempio, gli spiacevoli fenomeni di aggressione che coinvolgono i medici e che sono sintomatici di un problema di fondo che evidenzia la necessità di riqualificare la figura professionale del medico».

 

Articoli correlati
#DestinazioneSanità | Emilia-Romagna, un’eccellenza sulle spalle dei (pochi) medici: «Qualità destinata ad abbassarsi»
GUARDA IL VIDEO | La prima tappa del reportage di Sanità Informazione, in collaborazione con CIMO, è l’Emilia-Romagna. Un racconto delle contraddizioni di una delle sanità regionali migliori d’Italia attraverso le voci dei medici, tra storie di eccellenza, carenza di personale, turni massacranti e la latenza del rinnovo del contratto
Carenza medici, in Lombardia sindacati proclamano agitazione. Mazzacane (Cisl medici): «Aspettiamo convocazione dal 25 marzo»
«Il problema fondamentale è che i medici sono abbandonati e non esiste un sistema di relazione sindacale», spiega Danilo Mazzacane, segretario Cisl medici Lombardia che aggiunge: «La riforma regionale così come è stata pensata presenta delle evidenti criticità, regione investa nella sanità pubblica»
di Federica Bosco
Carenza medici, la Toscana apre ai neolaureati nei pronto soccorso. Scoppia la polemica
«Stiamo assistendo alla nascita di una Sanità low cost» ha commentato Carlo Palermo, segretario Anaao Assomed. Duro anche il presidente FNOMCeO Filippo Anelli: «Le misure-tampone sono contro ogni logica». Ad intervenire anche il sindacato degli infermieri Nursid
Contratto medici, Quici (CIMO-FESMED): «Corte Costituzionale ci dà ragione. Ora Regioni trovino risorse»
«Gli oneri derivanti dalla contrattazione collettiva sono determinati a carico dei bilanci delle Regioni» si legge nella sentenza della Consulta. «Se non escono queste risorse noi andiamo avanti lo stesso», sottolinea il Presidente Guido Quici
di Diana Romersi e Giulia Cavalcanti
Sanità pubblica, l’allarme di Costantino Troise (Anaao): «Detrazioni fiscali per fondi integrativi tolgono risorse a Servizio nazionale»
Un difficile rapporto quello che intercorre tra il servizio pubblico e la sanità privata. Per Troise «c’è bisogno di una spinta gentile a sostenere quei fondi che in qualche modo sostengono politiche della salute che incidono sui comportamenti di prevenzione e che quindi abbiano un riscontro sociale di benessere apprezzabile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...