Politica 16 Maggio 2019

Lombardia, sospeso lo stato di agitazione dei sindacati medici. Incontro in Regione fissato per il 24 maggio

«È dal mese di marzo che attendiamo una risposta da Fontana e Gallera, – spiega Danilo Mazzacane CISL Medici – fino ad allora non parteciperemo ad altri incontri. Abbiamo l’esigenza di capire l’indirizzo di Regione Lombardia e far passare ai medici il messaggio su quanto contano per le Istituzioni»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Sospeso lo stato di agitazione indetto nei giorni scorsi dalle organizzazioni sindacali della Dirigenza Medica, Veterinaria, Sanitaria, Professionale, Tecnica e Amministrativa del servizio Sanitario Regionale Lombardo. Al termine dell’incontro tenutosi due giorni fa in Prefettura dinnanzi al Viceprefetto Giuseppa Massa, nel tentativo di conciliazione delle parti, i sindacati hanno deciso di fare un passo indietro in attesa dell’incontro politico con il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana e l’assessore al Welfare Giulio Gallera, che si svolgerà il 24 maggio in regione Lombardia. 

«Abbiamo deciso di sospendere lo stato di agitazione – spiega Danilo Mazzacane CISL Medici al termine di un lungo dibattito conclusosi nella serata di martedì – in attesa di una convocazione formale. Per questo non abbiamo partecipato all’incontro di ieri pomeriggio in Regione Lombardia. È dal mese di marzo che attendiamo una risposta da Fontana e Gallera, fino ad allora non parteciperemo ad altri incontri. Abbiamo l’esigenza di capire l’indirizzo di Regione Lombardia e far passare ai medici il messaggio su quanto contano per le Istituzioni».

Una presa di posizione, smorzata nei toni dal rappresentante sindacale, che l’assessore di Regione Lombardia al Welfare, Giulio Gallera spiega con sorpresa. «Comprendo le difficoltà che i medici stanno affrontando – dichiara – ma la Regione ha sempre agito a tutela e sostegno del buon funzionamento del sistema di welfare nel suo complesso. Le motivazioni di alcune scelte sono dettate da norme nazionali che limitano la capacità di incremento del fondo per il personale sanitario e che hanno di conseguenza ridotto il numero di borse di studio per gli specializzandi. Norme contro le quali ci siamo battuti – aggiunge Gallera – fino ad avviare un percorso per il riconoscimento di una maggiore autonomia in materia sociosanitaria. Non solo – prosegue – Regione Lombardia ha intrapreso una serie di provvedimenti forti e coraggiosi per migliorare le condizioni lavorative negli ospedali e per valorizzare la professionalità dei medici. Il riferimento è l’ampliamento dell’Istituto della cosiddetta Intramoenia allargata. Abbiamo altresì condotto una battaglia epocale– ricorda Gallera – vincendola, per l’impiego autonomo degli specializzandi negli ospedali. Senza dimenticare le borse di studio finanziate direttamente da Regione Lombardia che sono quasi raddoppiate passando tra 30 a 55 e nel 2019 se ne aggiungeranno altre 20». Tutte iniziative che non sono sufficienti, secondo quando sostenuto dalle sigle sindacali dinnanzi al Prefetto.  «Certo – prosegue l’assessore al Welfare – lo scorso anno abbiamo chiesto un piccolo sacrificio a medici ed infermieri sulle risorse integrative regionali (R.A.R integrativa presente in pochissime regioni) al fine di recuperare risorse da destinare a nuove assunzioni. Quest’anno stiamo valutando di fare lo stesso con dirigenti medici a fronte di un interesse di sistema più elevato che consentirebbe di ripopolare corsie e reparti negli ospedali. Alla luce di tutte queste iniziative – conclude Gallera – la contrapposizione nei nostri confronti risulta essere ancora più incomprensibile».

Diversa la lettura del tema fatta dalle sigle sindacali che hanno preso parte all’incontro in Prefettura. Secondo ANAAO- ASSOMED, CIMO, AAROI, CGIL MEDICI, FVM, FASSID, CISL MEDICI, UIL MEDICI E FEDIRETS, infatti alla base dello stato di agitazione, per il momento rientrato, ci sarebbe:

  • una situazione compromissoria in cui versa il sistema sanitario regionale per la carenza di medici specialisti nel settore pubblico
  • ritmi di lavoro sempre più stressanti e irrispettosi delle norme sull’orario di lavoro
  • le criticità commesse da Regione nell’attuare la riforma che non ha favorito l’integrazione, ma ha peggiorato lo stato precedente
  • gli esisti negativi degli incontri tenutisi nei mesi scorsi per la definizione dei fabbisogni del personale, agli indirizzi sull’attività libero professionale e all’erogazione delle risorse aggiuntive regionali per l’anno 2019
  • la perdurante incertezza delle relazioni sindacali caratterizzata da informazioni assenti e lacunose
  • la mancata risposta alla richiesta di incontro inviata in data 25 marzo e indirizzata al Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana e all’assessore al Welfare Giulio Gallera.

«Il settore pubblico – rimarca Danilo Mazzacane nel motivare la scelta di non partecipare all’incontro odierno in Regione – ha perso appetibilità per i giovani non solo per una questione economica, ma anche di qualità del lavoro. Non bisogna dimenticare, ad esempio, gli spiacevoli fenomeni di aggressione che coinvolgono i medici e che sono sintomatici di un problema di fondo che evidenzia la necessità di riqualificare la figura professionale del medico».

 

Articoli correlati
Contratto medici, nuova bozza ARAN sul tavolo. Ma il fronte sindacale resta diviso
In attesa del via libera da parte del Mef sul nuovo Atto d’indirizzo, ripartono le trattative con l’obiettivo di chiudere entro fine luglio. Filippi (Cgil): «Possiamo ottenere grandi risultati». Quici (Cimo – Fesmed): «Testo di rinnovo del contratto volutamente provocatorio e umiliante, è dichiarazione di guerra»
Emergenza-urgenza, quella specialità che tutti evitano. Fera (Simeu e Cisl): «Riconoscere il disagio lavorativo nel contratto»
Il segretario della Società italiana Medicina di emergenza urgenza sottolinea: «È uno dei più bei lavori che ci siano perché tra i più completi però è anche uno dei più pesanti». Poi aggiunge: «Al Pronto soccorso servono medici specialisti, non può andare un medico qualsiasi»
#DestinazioneSanità in Sicilia. Tra immobilismo e mobilità, stabilizzazioni e precarietà, eccellenze e stanchezza
GUARDA IL VIDEO | Prosegue il viaggio di Sanità Informazione, in collaborazione con il sindacato dei medici CIMO, nell’Italia dei camici bianchi. La terza puntata del reportage è dedicata alla Sicilia, che raccontiamo tramite le immagini che abbiamo raccolto sull’isola e le parole di medici, sindacalisti, istituzioni e direzioni ospedaliere
Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran
Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici (Cimo-Fesmed): «Le risorse saranno date dai medici in un rapporto 5 a 1». Vergallo: (Aaroi-Emac): «Paventiamo rischio concreto di appiattimento tra le professioni»
ACN medicina fiscale, Petrone (Segretario settore Inps-Fimmg): «Puntiamo alla fidelizzazione del medico con l’Inps»
Importanti novità riguardanti i medici fiscali sono emerse dall’incontro tra i vertici dell’Istituto e i sindacati per la stipula del primo ACN per la medicina fiscale convenzionata Inps. «Siamo soddisfatti, l'Inps ha accettato tutte le richieste di tutela che chiederemo anche per quel dovrà essere in tempi brevissimi l’ACN per i Medici Convenzionati Esterni» così Alfredo Petrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...