Politica 16 Settembre 2019 09:57

Governo, Magi (Omceo Roma): «Bene l’attenzione di Conte sulla sanità, ma serve lo sblocco del turnover»

Intervistato in occasione della fiducia in Senato, il presidente Omceo Roma, Antonio Magi commenta positivamente i programmi per la sanità esposti dal premier Conte e dal ministro della Salute, Roberto Speranza. Critico sull’utilizzo nei non specializzati in corsia, l’appello: «Non abbassare mai la qualità della professione»

Governo, Magi (Omceo Roma): «Bene l’attenzione di Conte sulla sanità, ma serve lo sblocco del turnover»

«C’è stata una grossa attenzione sulla sanità. Il discorso del presidente Conte è stato importante», così commenta ai microfoni di Sanità Informazione Antonio Magi, presidente dell’Omceo di Roma le parole del premier, che ha riservato al capitolo sanità una parte consistente dei suoi interventi in Parlamento, in occasione della fiducia.

Nel suo intervento dello scorso 9 settembre, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ha ribadito come «ogni euro risparmiato sui tassi ci permette di eliminare il capitolo più improduttivo della nostra spesa pubblica, per liberare risorse da reinvestire in scuola, sanità, riduzione del carico fiscale». Ancora: «Il Governo si impegnerà a difendere la sanità pubblica e universale predisponendo un piano di assunzioni straordinarie di medici e infermieri».

Un’attenzione, quella manifestata dal governo giallo-rosso, che ha permesso di incassare anche un credito di “fiducia” anche dal presidente dell’Ordine dei Medici di Roma. Magi, ha accolto con favore l’idea di «stabilire finalmente dei paletti per salvare il Servizio sanitario nazionale, sia con i finanziamenti e cosa ancora più importante di ricoprire quei posti vacanti che si sono creati con il blocco del turnover che stanno creando tanto problemi sia ai medici che lavorano, ma – rimarca il presidente Omceo Roma – soprattutto ai cittadini che hanno difficoltà ad ottenere le prestazioni di cui necessitano».

Soddisfazione pure per le prese di posizione del neo ministro della Salute, Roberto Speranza. «Sicuramente abbiamo molta ‘speranza’ di Speranza. Molto probabilmente se le cose andranno come dovranno andare, si arriverà finalmente ad ottenere quello che la sanità italiana merita. Il fatto di voler mantenere l’universalismo, specie in un momento di crisi economica, diventa veramente importante». Importante, anche la scelta di nominare per Lungotevere Ripa, un Vice ministro oltre al consueto sottosegretariato. Una squadra allargata, che conta tra i suoi componenti: il pentastellato e ex presidente della Commissione Igiene e Sanità, Pierpaolo Sileri ora Vice di Speranza e l’esponente del Partito Democratico Sandra Zampa nel ruolo di sottosegretario.

LEGGI: SALUTE, PIERPAOLO SILERI (M5S) È IL NUOVO VICE MINISTRO: ECCO LE SUE IDEE PER LA SANITÀ

Infine, il presidente Omceo Roma, Antonio Magi ricorda i provvedimenti più urgenti da cui ripartire. «Sicuramente quello di approvare e definire l’iter della legge Anti aggressioni e questo sicuramente potrà essere fatto anche in tempi brevi, perché in parte era già stato inviato. Poi c’è il discorso del superamento del turnover e del problema degli specialisti. Una cosa fondamentale che noi chiediamo al Ministero è di non abbassare mai la qualità della professione. Sono importanti le specializzazioni, non è vero che chiunque può fare la specializzazione. Se ci sono cinque anni di studio approfondito vuol dire che serve. È una proposta di qualità. Piuttosto che far entrare colleghi che non sono specialisti, magari aprire le borse e fare entrare quei colleghi che oggi non sono specialisti nelle scuole di specializzazione. Questo alzerebbe la qualità, sicuramente a tutto vantaggio dei cittadini».

Articoli correlati
La “Questione Medica”, Speranza e Fedriga all’ascolto di ordini e sindacati
L'evento Fnomceo ha visto la presenza di tutte le sigle sindacali, federazioni, Enpam e società scientifiche. Sono 20 i punti esposti da risolvere con urgenza per tornare a permettere al personale medico di amare la propria professione. La soluzione di Speranza vede un approccio straordinario verso gli specializzandi
Boom di prenotazioni e consulti online, in 1 anno più di 7 milioni di visite mediche
In un anno sono cresciute le prenotazioni di visite mediche online e i video consulti. Una ricerca di MioDottore
Si è insediato il nuovo Consiglio Superiore di Sanità
Il ministro della Salute Roberto Speranza ha accolto il nuovo Consiglio con delle foto su Facebook e un messaggio di incoraggiamento. Franco Locatelli è stato scelto come presidente
Aumentano i pazienti, diminuiscono posti letto e specialisti. Il paradosso dell’endocrinologia italiana
L’allarme dell’Associazione Medici Endocrinologi: «In 10 anni dimezzati posti letto e specialisti». AME e SDA Bocconi presentano “Il Posizionamento Strategico ed Organizzativo dell’Assistenza Endocrinologica: Stato dell’arte e proposte di sviluppo”, un’analisi dell’offerta assistenziale endocrinologica attuale e le strategie da mettere in campo per rispondere in maniera adeguata alla domanda di cura dei malati, evitando liste di attesa e migliorando l’assistenza
Magi (Omceo Roma) su no vax all’assemblea: «Ho chiesto pattuglia per le minacce ricevute»
Il presidente Omceo Roma a Sanità Informazione: «Un'occasione di confronto sprecata, 40 no vax su 46mila medici vaccinati non sono nulla ma insulti e aggressioni non sono soluzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 520.120.789 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.260.307 i decessi. Ad oggi, oltre 11,39 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...