Politica 5 Settembre 2019

Governo, al Miur arriva Fioramonti. Ecco le sue idee su numero chiuso e scuole di specializzazione

Il professore di Politica economica, M5S, si è occupato del tema dei centri di specializzazione: «Serve una collaborazione diversa anche con le regioni e fare in modo che gli ospedali e le università siano un tutt’uno»

Il neoministro della Pubblica Istruzione e dell’Università del Governo Conte bis, Lorenzo Fioramonti, non è una novità assoluta in questo esecutivo. Nel precedente governo era già viceministro a Viale Trastevere e, in quella posizione, aveva avuto modo di occuparsi del mondo universitario e della riforma delle scuole di specializzazioni. Intanto gioca d’attacco e oggi, su Repubblica, già annuncia che o «ci sarà un miliardo per l’università entro Natale» o si dimette.

Fioramonti è professore ordinario di Politica economica presso l’Università di Pretoria (Sudafrica) e anche direttore del Centro per lo studio dell’innovazione Governance (GovInn) dello stesso ateneo. È un cervello di ‘ritorno’: durante la sua carriera accademica ha scritto articoli di economia pubblicati sui più autorevoli quotidiani di tutto il mondo, dal New York Times al Guardian, passando per Die Presse, Harvard Business Review e Foreign Policy. È uno dei sostenitori, sulla scia del premio nobel Joseph Stiglitz, della necessità di ridimensionare l’importanza del Pil come indicatore del benessere di una nazione.

A Sanità Informazione aveva parlato di recente del piano per ristrutturare il mondo delle scuole di specializzazione, un tema molto sentito dal mondo medico perché l’imbuto formativo è anche frutto dei pochi posti a disposizione in queste strutture. Un problema che ha contribuito alla fuga dei giovani medici italiani:  in 10 anni ben 10mila camici bianchi hanno scelto di andare all’estero, una media di mille all’anno. E aveva sposato i progetti che puntano a superare il ‘numero chiuso‘ per l’accesso universitario con un semestre o un anno di accesso libero e poi una selezione basata sul merito senza perdere i crediti formativi acquisiti. «Un accesso più libero e integrato con percorso flessibile» lo aveva definito. Tra le altre iniziative di Fioramonti anche il progetto per il riconoscimento dei titoli dei rifugiati attraverso l’utilizzo della tecnologia blockchain. 

LEGGI ANCHE: SPECIALIZZAZIONE, LA RICETTA DI FIORAMONTI (MIUR): «PIU’ FONDI PER FERMARE ‘IMBUTO FORMATIVO’»

SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE

Secondo Fioramonti è necessario, innanzitutto, riformare il sistema delle borse di studio: «La condizione fondamentale è mettere più soldi e fare in modo che ci sia il prima possibile un 80-90% di copertura, idealmente anche il 100% di copertura cosicché coloro che sono meritevoli e già laureati abbiano la possibilità di accedere al corso di specializzazione», aveva dichiarato a Sanità Informazione. «Gli investimenti in ricerca hanno otto volte i ritorni degli altri investimenti, sono superiori a qualunque altra forma di investimento. Poi bisogna creare delle condizioni di maggiore trasparenza e merito all’interno delle nostre strutture ospedaliere, formative, universitarie».

LEGGI ANCHE: RIFORMA NUMERO CHIUSO, FIORAMONTI (MIUR): «MEDICINA SIA SBOCCO FINALE DI UN PERCORSO INTEGRATO»

Fondamentale, per Fioramonti, lavorare per far rientrare i cervelli in fuga: «L’Italia deve diventare più attrattiva per chi è fuori e in grado anche di beneficiare di una mobilità circolare. È importante che gli italiani che vanno fuori per qualche anno poi rientrino, così come è importante che arrivino più stranieri». Fioramonti aveva poi sottolineato la necessità di un maggiore coordinamento tra strutture per migliorare il percorso di specializzazione medica: «È necessario un efficientamento delle strutture che già esistono, serve una collaborazione diversa anche con le regioni e fare in modo che gli ospedali e le università siano un tutt’uno perché anche qui esiste un problema: la gestione di questo rapporto tra azienda ospedaliera e università non è sempre efficiente come dovrebbe essere».

Articoli correlati
Emergenza Covid, mancano 56mila medici. Consulcesi: «Colpa dell’errata programmazione a partire dai test di Medicina»
Il presidente Massimo Tortorella: «Il problema della carenza cronica di operatori sanitari va affrontato a monte, cioè a partire dal sistema di selezione degli aspiranti professionisti sanitari»
Lauree abilitanti, Tuzi (M5S): «Al lavoro per ridurre al minimo fase transitoria»
La normativa approvata dal Consiglio dei Ministri prevede una radicale semplificazione dell’accesso all'esercizio delle professioni con lo svolgimento del necessario tirocinio pratico-valutativo nei corsi di laurea
La via crucis dei candidati alla Facoltà di Medicina. La storia di Roberto: 7 test di ingresso in 4 mesi
Tantissimi giovani si iscrivono a più Università per avere maggiori chance di sconfiggere il numero chiuso. Cosa significa, al giorno d’oggi, provare a diventare medico? Su Sanità Informazione una storia che ne racchiude migliaia
Covid-19, Misiti (M5S): «C’è emergenza ma non dimentichiamo i malati con altre patologie virali»
«C’è un’emergenza sanitaria che è il Covid 19, è vero, ma occorre non dimenticare che esistono anche patologie infettive per le quali è fondamentale un’assistenza adeguata con dei reparti dedicati. Senza minimizzare in alcun modo la necessità di garantire dei percorsi e delle strutture per l’esclusivo soccorso a chi viene colpito dal Covid 19, è […]
Numero chiuso e ricorsi, come muoversi dopo la pubblicazione delle graduatorie?
Abbiamo posto all’avvocato Marco Tortorella (che da anni cura i ricorsi dei candidati che ritengono di essere stati ingiustamente esclusi dall’ingresso in facoltà) 8 domande. Ecco le sue risposte
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...