Politica 19 Dicembre 2019 11:45

Fragilità, Durigon (Lega): «Più welfare aziendale per aiutare SSN a essere più efficiente»

L’ex Sottosegretario al Lavoro contesta la manovra finanziaria: «Su sanità e sociale poco o niente e sul Terzo settore sono da valutare gli effetti dell’aumento dell’Ires»

Incentivare il welfare aziendale per aiutare le persone con disabilità. La proposta è del deputato della Lega ed ex sottosegretario al Lavoro del primo Governo Conte Claudio Durigon, sindacalista di lungo corso nelle fila dell’Ugl che ne ha parlato a margine dei premi PreSa – Prevenzione e Salute. Durigon contesta la manovra finanziaria 2020 appena approvata dal Senato anche in ambito sociale e sanità («c’è poco o niente») mentre sottolinea come il terzo settore potrebbe essere penalizzato dalle norme sull’Ires.

Onorevole si parla di disabilità, fragilità e ruolo della previdenza sociale. Al di là dei sussidi, cosa può fare la previdenza sociale?

«Dagli studi che abbiamo si evince che essere precoci nelle diagnosi può essere determinante in modo da poter dare risposte: non si tratta solo di equilibrare i costi ma anche di essere efficienti. Ascoltando la testimonianza di alcune persone con disabilità mi sono emozionato e ho pensato, vedendo la loro forza, che il fragile sono io. Queste cose ti fanno capire quanto la vita è importante. Come legislatore possiamo dare di più per aiutare a fare i test precoci. Faccio l’esempio del lavoro: non c’è solo la previdenza ma un elemento fondamentale sono anche le politiche di welfare. Mi riferisco al welfare aziendale. Bisogna incentivare quello che è il welfare aziendale sul sanitario in modo da dare supporto a quello che è il sistema sanitario pubblico. Offrire efficienza per ridurre al minimo questi disagi».

LEGGI ANCHE: CRONICITÀ, SETTE PAZIENTI SU DIECI BOCCIANO PRESA IN CARICO E ACCESSO ALLE CURE. AURILIO (PRESA): «OFFRIRE SERVIZI MIRATI OLTRE A TUTELE ECONOMICHE»

Manovra 2020, sul sociale e sanità cos’è che non vi convince?

«Sul sociale e sanità c’è poco. Non ho visto una visione. Sul terzo settore rimane tutto come prima, sull’Ires vorrei vedere anche se ci sono effetti sul terzo Settore. Detto questo, siamo davvero in una fase negativa per l’economia italiana e le ricadute di tutte queste tasse che vengono messe si faranno sentire. Poi c’è un po’ un gioco: dicono ‘le abbiamo tolte, le abbiamo messe, le abbiamo spostate’. In realtà stanno togliendo soldi dalle tasche degli italiani».

L’abolizione del superticket è solo dal primo settembre 2020. Una scelta che potrebbe portare dei problemi a chi verrà dopo…

«Un problema che vorrei avere volentieri, sapremmo come risolverlo».

Articoli correlati
Formazione ECM, sanità territoriale e intesa pubblico-privato. La ricetta di D’Amato per non sprecare il PNRR
Sanità Informazione ha chiesto all’assessore alla Sanità del Lazio D'Amato cosa ci ha insegnato la pandemia e come utilizzare al meglio i fondi in arrivo dall’Europa
Costo energia, tetto di spesa e contratti: i nodi della sanità privata. Cittadini (AIOP): «Pandemia non ha insegnato nulla»
La presidente dell’Associazione italiana ospedalità privata chiede di rivedere il tetto che blocca al 2011 la spesa per il privato accreditato. E poi si dice preoccupata per la diminuzione della spesa sanitaria sul PIL: «Con il PNRR costruiamo le Case di comunità ma poi come le gestiremo con una spesa sanitaria inferiore a quella pre-pandemia?»
di Francesco Torre
PNRR, il modello della nuova sanità digitale non convince. L’esperta: «Lacune su sicurezza e competenze»
Per Sarah Ungaro, avvocato e vicepresidente ANORC professioni, le linee guida per la telemedicina e assistenza domiciliare sono confuse e prive di riferimenti precisi su responsabilità, protezione dei dati e formazione del personale. «Se non in linea con l’Europa si rischia uno spreco di fondi»
Sanità del futuro, Speranza ai dg: «Management ruolo chiave, PNRR occasione per rafforzare SSN»
Direttori generali a confronto nel webinar a Roma per discutere la sanità di domani. Tanese (Asl Roma 1): «Il mondo della sanità ha bisogno di un management competente, responsabile e capace di gestire i cambiamenti». Frittelli (Federsanità): «Siamo alla vigilia di una grande rivoluzione del SSN»
Dal PNRR nuove tecnologie per la sanità. Ma gli italiani non sanno usarle e l’Italia è troppo poco connessa
Analfabetismo digitale e connessione scadente, Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici): «Gli anziani sono tra coloro che avrebbero più bisogno dei servizi di telemedicina, ma non sanno usarli. E la maggior parte di loro vive in zone d’Italia dove si fa fatica pure a fare una telefonata, figuriamoci scambiare dati ad alta risoluzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...