Politica 16 settembre 2014

Ex specializzandi, sentenze favorevoli che arrivano già in primo grado

Giustizia sprint: accelerata milionaria sui rimborsi

Immagine articolo

Sentenze favorevoli che arrivano già in primo grado, tempi sempre più rapidi e una giurisprudenza ormai completamente favorevole al medico che fa ricorso.

Stiamo parlando dei camici bianchi che hanno frequentato una scuola post-laurea senza ricevere la relativa borsa di studio prevista da alcune direttive europee, e che oggi intraprendono il percorso giudiziario per vedersi finalmente riconosciuto quanto spetta loro di diritto.

I medici interessati sono quelli che si sono immatricolati ad una scuola di specializzazione tra gli anni accademici 1982-1991 e 1994-2006: i primi non hanno ricevuto alcun compenso, mentre ai secondi sono state corrisposte borse di studio prive di rivalutazione periodica, coperture previdenziali e assicurative e differenze contributive.

Il numero di professionisti che ricorrono contro questa ingiustizia e di quelli che riescono ad ottenere un rimborso per l’inadempienza dello Stato italiano è in costante aumento. Sarà che finalmente si vede la luce in fondo al tunnel grazie ai due Disegni di legge presentati in Parlamento negli scorsi mesi – a cui se n’è appena aggiunto un terzo, ora in fase di assegnazione alla commissione competente, firmato dall’esponente del principale partito di governo, il senatore Carlo Lucherini – che mirano a risolvere la questione tramite un accordo transattivo che tutela sia i medici – che avranno precedentemente fatto ricorso – sia le casse dello Stato. Fatto sta che i professionisti un tempo privati di un loro legittimo diritto hanno capito che ottenere giustizia è sempre più facile, probabile e veloce.

E c’è anche chi si sbilancia annunciando la consegna di oltre 25 milioni nei prossimi sessanta giorni ai medici che hanno fatto ricorso e hanno vinto la loro battaglia.

Per tutte le informazioni sono a disposizione oltre 350 consulenti che rispondono gratuitamente al numero verde dedicato 800.122.777 e il sito www.consulcesi.it.

Articoli correlati
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...