Politica 28 Giugno 2016

Ex specializzandi, Gaetti (M5S): «Se battaglia è giusta, Movimento vota con maggioranza»

Il Senatore, membro della Commissione Igiene e Sanità, spiega perché ha deciso di appoggiare l’accordo transattivo, proposto da un fronte politico trasversale: «Questo testo farà da pungolo al Governo. La questione va risolta in fretta».

«Chiudere la vicenda degli ex specializzandi è interesse di tutti, cittadini e governo. Il Disegno di legge che abbiamo presentato serve proprio a questo». Così il Senatore Luigi Gaetti, membro della Commissione Igiene e Sanità per il Movimento 5 Stelle. Insieme ad altri 20 colleghi ha firmato il Ddl 2400 che mira a chiudere una volta per tutte una vicenda che si protrae ormai da diversi decenni: quella dei camici bianchi a cui non è stato corrisposto il corretto trattamento economico per gli anni di scuola post-laurea frequentati, come invece previsto da diverse e specifiche direttive europee. Il mancato pagamento ha generato un enorme contenzioso che è già costato caro alla presidenza del Consiglio. Il rischio di esborso totale è calcolato in oltre 5 miliardi di euro. È per scongiurare un’eventualità del genere che il Senatore Gaetti (che ha spiegato come il Movimento non si tiri indietro quando si tratta di combattere battaglie giuste, anche appoggiando proposte provenienti da altri schieramenti politici) e colleghi di partiti diversi hanno deciso di intervenire. Con la volontà politica della maggioranza, sempre secondo Gaetti, la partita può essere chiusa in 60 giorni.

«Questo ultimo Ddl è stato firmato da molti parlamentari della Commissione Sanità per risolvere un problema tecnico e per fare da pungolo al Governo. Sul tavolo abbiamo messo, in maniera chiara e precisa, una proposta che può risolvere la questione in tempi brevi. È nell’interesse del Governo stesso riuscirci».

Il Movimento 5 Stelle ha di recente presentato un’interrogazione parlamentare alla Presidenza del Consiglio per chiedere conto delle uscite di Palazzo Chigi, e si è scoperto che la principale voce di spesa è proprio quella che riguarda gli ex specializzandi…

«Esattamente. C’è poi da dire che si tratta di una spesa che non solo è ingente, ma che viene anche distribuita in maniera molto disomogenea sul territorio. Ci sono, ad esempio, alcuni Tribunali che riconoscono gli interessi e altri che non lo fanno. Ci troviamo spesso di fronte a rimborsi calcolati in maniera differente, ma visto che gli specializzandi hanno fatto tutti il medesimo lavoro, appare necessario a questo punto uniformare le posizioni e chiudere la questione negli interessi di tutta la collettività. Anche perché l’aspetto del rischio economico è importante, e risolverlo è nell’interesse di tutti».

Si parla di un rischio di oltre 5 miliardi di euro. Il vostro Ddl mira a risarcire i medici con una cifra forfettaria ma certa. In questo modo il medico viene risarcito e lo Stato risparmia.

«Non solo. Nel testo è presente un articolo che secondo me è estremamente importante, ed è quello che prevede la possibilità per il medico di scegliere se far riconoscere la cifra del rimborso per una “ricostruzione” pensionistica. Va detto che molti di quelli che avevano diritto alla borsa di studio hanno cominciato la specialità all’inizio degli anni 80. Questi professionisti, me compreso, sono ormai quasi alla fine della carriera. La maggior parte di noi non ha riscattato gli anni della specialità, per cui questa cifra potrebbe essere considerata quasi una “partita di giro”, quindi data agli enti preposti, come Enpam e Inps, e fare in modo che questi soldi vengano riconosciuti nel regime pensionistico. Questo è, dal mio punto di vista, un altro valore aggiunto estremamente importante alla proposta».

Questo meccanismo di prepensionamento per i medici che hanno fatto la specializzazione potrebbe andare ad incidere anche su un altro problema del mondo sanitario, cioè la mancanza del turnover e il blocco all’ingresso di tanti giovani specializzati.

«Tutto ciò permetterebbe anche una maggiore chiarezza per quel che riguarda il futuro dei nostri giovani, perché dobbiamo ricordare che, solo per fare un esempio, nei prossimi cinque anni il 40% dei medici di base andrà in pensione. In questo modo verranno definiti meglio tutti i nuovi assetti e avremo modo di ricostruire una sanità del futuro stabilizzando quei medici che adesso hanno difficoltà di vario tipo o un lavoro precario. Potrebbe essere davvero un buon punto di partenza da tanti punti di vista».

Articoli correlati
Crisi di governo, Tuzi (M5S): «Abbiamo lavorato per migliorare la formazione medica e la sanità, chi verrà dopo porti avanti riforme»
Il deputato, relatore del ddl di riforma dell’accesso all’università, sottolinea: «Questo è un momento delicatissimo per il nostro Paese – sottolinea - Rischia di aumentare l’IVA al 25%, sono a rischio i consumi, con l’Italia che è in recessione. Sono a rischio anche i provvedimenti sul sociale, la sanità, il reddito di cittadinanza e quota 100»
Dal Ddl Vaccini alla legge antiviolenza, ecco tutti i provvedimenti a rischio in caso di elezioni
La fine anticipata della legislatura potrebbe mettere a rischio anche il finanziamento del fondo sanitario che per il 2020 era di 3,5 miliardi. Rischia lo stop anche la riforma del numero chiuso a Medicina e quella sulla sanità trasparente
Affari Sociali, un anno di Commissione con Marialucia Lorefice: «Con la Lega stessa visione sulla sanità, ma attenzione ad autonomia differenziata»
«In sanità stiamo investendo a differenza di quanto si è fatto rispetto al passato. È finito il tempo dei tagli lineari e indiscriminati» sottolinea la Presidente di Commissione in un colloquio di bilancio in esclusiva con Sanità Informazione. Poi rivendica il provvedimento sulla sanità trasparente e rilancia la sua mozione per staccare il Fondo sanitario dall’andamento del Pil: «Assegnare fondi certi, la salute è un investimento, non un costo». E dice la sua sul contratto della dirigenza medica che l’ha vista impegnata in prima persona…
Aggressioni ai medici, ddl approda in Senato. Intervista al relatore Rufa (Lega): «Testo completo, spero in rapida approvazione»
Ecco i contenuti del testo approvato approvato lo scorso 9 luglio dalla Commissione Igiene e Sanità del Senato. Gianfranco Rufa (Lega): «Si è arrivati ad un inasprimento delle pene proprio a dar ragione a quello che è un ruolo importante che il personale nelle strutture sanitarie»
Regione Campania, l’appello dei consiglieri M5S a Conte: «Adottare misure emergenziali per la sanità»
«Al presidente Conte - fanno sapere consiglieri e parlamentari M5S - abbiamo illustrato lo stato attuale della sanità regionale, alla luce anche della recente inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Napoli che ha acceso i riflettori sul controllo esercitato dalla camorra su alcuni nosocomi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone