Politica 13 Maggio 2019

Europee, la ricetta dell’italo-albanese Geri Ballo (Pd): «Sanità diventi tema europeo. Mio impegno per incentivare formazione continua»

Candidata per il partito di Nicola Zingaretti al sud, è arrivata in Italia a 11 anni. A Sanità informazione annuncia il suo impegno anche nel settore della salute: «Cittadini del sud hanno diritto ad una sanità di altà qualità, basta viaggi della speranza al nord»

Europee, la ricetta dell’italo-albanese Geri Ballo (Pd): «Sanità diventi tema europeo. Mio impegno per incentivare formazione continua»

La sua è una storia particolare. Quella di una bambina arrivata dall’Albania in Italia ad 11 anni per ricongiungersi con la madre. E che ora, da cittadina italiana e dopo essere stata anche console presso l’ambasciata albanese a Roma, tenta l’approdo al Parlamento europeo nelle fila del Partito Democratico, candidata nella circoscrizione sud. Geri Ballo, 34 anni, da anni è impegnata tra le minoranze etniche nelle comunità Arbëreshe dell’Italia meridionale, interi paesi abitati dai discendenti degli albanesi che dopo la conquista turca dei Balcani, tra il XV e il XVIII secolo, si sono stabiliti nell’Italia meridionale per sfuggire alla dominazione ottomana. Anche per il suo attivismo sui temi dell’integrazione, qualcuno l’ha ribattezzata “l’anti Salvini”. A Sanità Informazione Ballo annuncia il suo impegno anche sui temi della sanità, sempre più centrali nel dibattito europeo e sempre più importanti per le regioni del sud, dove troppo persone sono ancora costrette a trasferirsi al nord per vedere garantito il diritto alla salute sancito dalla Costituzione. «È fondamentale avere medici formati. Noi siamo per la formazione continua in tutti i campi e ancor di più in quello sanitario, in quello dei medici perché ne va della salute di tutti noi – sottolinea Ballo – L’Europa non può lasciare un tema fondamentale come la sanità agli Stati nazionali: tutti devono avere un accesso a una sanità di alta qualità».

Lei è candidata alle Europee nella circoscrizione Sud per il Pd. Quali sono i motivi della sua candidatura?

«Ho scelto di candidarmi perché porto una esperienza di vita, professionale. Ho lavorato molti anni al sud, ho fatto progetti con i giovani, di sviluppo, progetti per territori dove la mancanza di possibilità sono un grande problema. Naturalmente porto anche la mia esperienza di italo-albanese. Sono nata in Albania e cresciuta in Italia e passo dopo passo sono diventata cittadina di questo paese per cui sento fortissimamente la responsabilità di essere cittadina italiana e cittadina europea. L’Europa di oggi è una realtà che è stata costruita lungo i decenni da persone che hanno avuto sogni, visioni e hanno lavorato con sacrifici e dedizione. E oggi siamo in un momento spartiacque, in cui tutti noi dobbiamo essere chiamati a prendere in carico il destino dell’Europa».

LEGGI ANCHE: LA SANITA’ NELLE EUROPEE 2019. DALLA LEGA AL PD: ECCO I CAMICI BIANCHI, OPERATORI SANITARI E TUTTI I TEMI LEGATI ALLA SALUTE CHE PUNTANO A BRUXELLES

Una delle comunità che sarà chiamata a rappresentare è quella degli Arbereshe, cioè degli albanesi d’Italia. Sente la responsabilità di questa rappresentanza?

«Sento la responsabilità e sento il grande valore di questa rappresentanza. Ho lavorato con le comunità Arbëreshe, ho lavorato con gli italo-albanese, con le diaspore, con i nuovi italiani per i progetti di inclusione, progetti in cui i diritti fossero al primo posto e per questo mi riconosco nel progetto del Partito democratico per l’Europa perché mette al centro la persona, i diritti, l’inclusione».

A proposito di diritti, la sanità è un tema che sta entrando sempre di più nel dibattito europeo. Uno dei temi è quello della formazione, i pazienti sempre di più vogliono medici formati. Cosa si sente di dire su questo?

«È fondamentale avere medici formati. Noi siamo per la formazione continua in tutti i campi e ancor di più in quello sanitario, in quello dei medici perché ne va della salute di tutti noi. È sicuramente un tema europeo. Perché è un tema che tocca i diritti sociali, tocca la possibilità di avere una sanità eccellente anche nei territori più svantaggiati dell’Europa. Senza una formazione continua questo non si può avere. È un tema fondamentale perla Ue. L’Europa non può lasciare un tema fondamentale come la sanità agli Stati nazionali, soprattutto per le regioni più svantaggiate economicamente. Tutti devono avere un accesso a una sanità di alta qualità».

Sappiamo che nelle regioni del sud tanti cittadini sono costretti ad andare al nord o addirittura all’estero per curarsi. È un problema molto sentito…

«È una cosa che non deve accadere. Vedo e mi confronti su questi temi tutti i giorni. Sono tutti molto insoddisfatti di questa situazione. Non può essere così».

Articoli correlati
Salute, Regimenti (Lega): «Programma EU4Health sia inizio di nuova politica sanitaria europea»
«L’impegno della Lega è finalizzato proprio a cambiare un’Europa ancora troppo lontana dai cittadini e dalle loro esigenze» spiega l'eurodeputata Luisa Regimenti
Anziani, De Poli (Udc): «Sì a una lista ‘priority’ per over 65 in sanità»
«Oggi in tempo di pandemia, è urgente creare una corsia preferenziale per i cittadini over 65 in sanità.  Analogamente a quanto accade già nei supermercati, si dia la precedenza agli anziani» spiega il senatore UDC
“Protocollo domiciliare uniforme” per uscire da emergenza. Siclari (FI): «Riaprire ospedali chiusi o depotenziati»
Nel corso della conferenza “Covid: come uscire dall’emergenza” Giovanni Carnovale, Presidente del forum medico Nuovo Rinascimento, ha chiesto lo stop alla regionalizzazione della sanità: «La sanità non può essere gestita da venti protocolli diversi, da venti task force diverse». Tra gli ospiti anche Ranieri Guerra (OMS) e Annamaria Parente (Presidente Commissione Sanità)
LEA 2010-2018, Gimbe: «Il 25% delle spese per la sanità non ha prodotto servizi per i cittadini»
L’analisi Gimbe documenta una percentuale cumulativa degli adempimenti delle regioni ai LEA del 75% con una forbice molto ampia: in testa alla classifica 11 regioni tutte del centro-nord, ad eccezione della Basilicata
Calabria, la Caporetto della sanità. I sindaci in piazza: «I nostri cittadini vogliono essere curati come nel resto d’Italia»
Un centinaio di sindaci si sono radunati in piazza Monte Citorio per chiedere al governo di risolvere il problema della sanità calabrese. Conte riceve i primi cittadini di Catanzaro, Reggio Calabria, Cosenza, Crotone e Vibo Valentia e assicura: «Lavoreremo per superare fase emergenziale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 dicembre, sono 63.894.184 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.480.709 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli