Politica 20 Maggio 2019

ECM, la proposta di Stefano De Lillo: «Arrivare ad un libretto della formazione per i medici»

Sull’Educazione Continua in Medicina Stefano De Lillo, ex presidente facente funzioni Agenas, non ha dubbi: «È assolutamente importante. Io personalmente inserirei delle premialità a livello di carriera»

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Immagine articolo

Un libretto, anche informatico, per registrare l’aggiornamento professionale dei medici. È la proposta del medico e senatore Stefano De Lillo, ex presidente facente funzioni Agenas, intervenuto durante il convegno di presentazione dei “10 punti per una sanità europea”, il programma di Forza Italia in vista delle elezioni del prossimo 26 maggio.

La proposta di un libretto che certifichi l’avvenuta formazione è una delle tante presentate in queste ultime settimane da più parti per far fronte al mancato aggiornamento professionale dei camici bianchi. Il problema è salito alle cronache dopo il “caso Aosta”, la sentenza della Commissione Albo Odontoiatri di Aosta che per la prima volta ha sanzionato un medico non in regola con il percorso formativo. Un caso finito anche davanti alle telecamere del noto programma televisivo Striscia la Notizia.

Senatore, sono dieci i punti per la sanità in europea che ha presentato il presidente Tajani. Tra questi dieci punti quali sono quelli che lei giudica più importanti?

«10 proposte per migliorare una sanità che già è un’eccellenza nel mondo, la sanità italiana è un’eccellenza mondiale. Temiamo che i soldi del bilancio nazionale siano destinati e persi in interventi assistenzialistici e che tolgano risorse alla nostra sanità, al fondo sanitario nazionale, alla stabilizzazione dei medici, all’assunzione di nuovi medici, ai piani di prevenzione, ai pronto soccorso, questa è una nostra grande preoccupazione. Un’altra preoccupazione è quella che l’inserimento di anticipi pensionistici come Quota 100, non programmate, possano sguarnire i nostri ospedali di personale medico che spesso già è molto carente. Molti medici di medicina generale stanno andando in pensione, c’è il blocco del turn over in tante regioni, come la Regione Lazio dal 2008. Temiamo che i nostri ospedali possano perdere quote numericamente importanti di personale medico».

LEGGI: ECM, LAVALLE (OMCEO BARI): «MEDICI OBBLIGATI MORALMENTE A FORMARSI PER RAPPORTO CON PAZIENTI»

Tra le proposte ci sono anche gli investimenti per la formazione. Recentemente c’è stata una sentenza che ha visto la prima sanzione in Italia per un medico che non ha adempiuto alla formazione continua, come valuta questo caso?

«La formazione continua è assolutamente importante. Io personalmente inserirei delle premialità a livello concorsuale, a livello di carriera, per quei medici che seguono un aggiornamento. Ed è importante arrivare anche ad un libretto, anche informatico, della formazione di un medico così che chiunque possa scegliere il proprio medico in base alla formazione che ha svolto, così da diventare sempre più specifica»

Articoli correlati
Numero Chiuso, Gasparri (Forza Italia): «Sistema dei quiz va rivisto, serve verifica sul campo»
Il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, oltre a proporre un meccanismo che riformi l’accesso all’università, chiede di intervenire sull’imbuto formativo: «In questo momento il bisogno di sanità è crescente. bisogna far coincidere domanda e offerta dei percorsi formativi. Dobbiamo ascoltare i giovani»
Nel Lazio 81 asintomatici positivi su 42mila test sierologici. De Lillo: «12mila persone potrebbero non sapere di essere contagiose»
Il medico di famiglia, già presidente facente funzioni di Agenas, commenta i dati della Regione: «Numeri di ricoverati tra i più alti d’Italia e percentuale di guariti più bassa. Servono più tamponi»
Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere lo spoil system per premiare il merito. Il futuro passa per la telemedicina»
La spaventosa estensione dell’epidemia che il nostro Paese ha vissuto e vive in questi mesi ha messo sotto accusa il Sistema sanitario nazionale e regionale, senza distinzioni di sorta. Anche coloro che non hanno avuto remore a piegarsi ai diktat di chi impoveriva il sistema sanitario di mezzi e risorse, oggi ha dovuto ammettere che, […]
di Maria Rizzotti, Vice Presidente Gruppo Forza Italia-Berlusconi Presidente-UDC al Senato
Medicina, Striscia la Notizia smaschera i furbetti del testo. Ora rischio maxi-ricorso: «Può mandare in tilt il Numero Chiuso»
Lo studio: idoneo ai test il 48% dei partecipanti con una media del 25% di rinunce e cambi di Facoltà, resta ancora un esercito di oltre 18mila potenziali ricorrenti. Consulcesi: «Il Consiglio di Stato ad ottobre ha confermato le nostre tesi mentre l’attuale sistema di selezione confermava tutte le sue falle. Il servizio di Striscia accende i riflettori su un sistema inadeguato, subito da riformare. C’è tempo fino al 22 novembre per esercitare il diritto allo studio»
ECM, Leoni (FNOMCeO) contro la carenza di personale: «Così non riusciamo a sopperire alla formazione»
«La formazione permanente è parte integrante di quello che è anche l’orario di lavoro del medico», spiega Giovanni Leoni vicepresidente FNOMCeO. Per questo è necessario «il ripristino dell’organico normale degli ospedali per avere uno staff adeguato per far tutte quante le funzioni a loro richieste»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare