Politica 20 Maggio 2019

ECM, la proposta di Stefano De Lillo: «Arrivare ad un libretto della formazione per i medici»

Sull’Educazione Continua in Medicina Stefano De Lillo, ex presidente facente funzioni Agenas, non ha dubbi: «È assolutamente importante. Io personalmente inserirei delle premialità a livello di carriera»

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Immagine articolo

Un libretto, anche informatico, per registrare l’aggiornamento professionale dei medici. È la proposta del medico e senatore Stefano De Lillo, ex presidente facente funzioni Agenas, intervenuto durante il convegno di presentazione dei “10 punti per una sanità europea”, il programma di Forza Italia in vista delle elezioni del prossimo 26 maggio.

La proposta di un libretto che certifichi l’avvenuta formazione è una delle tante presentate in queste ultime settimane da più parti per far fronte al mancato aggiornamento professionale dei camici bianchi. Il problema è salito alle cronache dopo il “caso Aosta”, la sentenza della Commissione Albo Odontoiatri di Aosta che per la prima volta ha sanzionato un medico non in regola con il percorso formativo. Un caso finito anche davanti alle telecamere del noto programma televisivo Striscia la Notizia.

Senatore, sono dieci i punti per la sanità in europea che ha presentato il presidente Tajani. Tra questi dieci punti quali sono quelli che lei giudica più importanti?

«10 proposte per migliorare una sanità che già è un’eccellenza nel mondo, la sanità italiana è un’eccellenza mondiale. Temiamo che i soldi del bilancio nazionale siano destinati e persi in interventi assistenzialistici e che tolgano risorse alla nostra sanità, al fondo sanitario nazionale, alla stabilizzazione dei medici, all’assunzione di nuovi medici, ai piani di prevenzione, ai pronto soccorso, questa è una nostra grande preoccupazione. Un’altra preoccupazione è quella che l’inserimento di anticipi pensionistici come Quota 100, non programmate, possano sguarnire i nostri ospedali di personale medico che spesso già è molto carente. Molti medici di medicina generale stanno andando in pensione, c’è il blocco del turn over in tante regioni, come la Regione Lazio dal 2008. Temiamo che i nostri ospedali possano perdere quote numericamente importanti di personale medico».

LEGGI: ECM, LAVALLE (OMCEO BARI): «MEDICI OBBLIGATI MORALMENTE A FORMARSI PER RAPPORTO CON PAZIENTI»

Tra le proposte ci sono anche gli investimenti per la formazione. Recentemente c’è stata una sentenza che ha visto la prima sanzione in Italia per un medico che non ha adempiuto alla formazione continua, come valuta questo caso?

«La formazione continua è assolutamente importante. Io personalmente inserirei delle premialità a livello concorsuale, a livello di carriera, per quei medici che seguono un aggiornamento. Ed è importante arrivare anche ad un libretto, anche informatico, della formazione di un medico così che chiunque possa scegliere il proprio medico in base alla formazione che ha svolto, così da diventare sempre più specifica»

Articoli correlati
ECM, Leoni (FNOMCeO) contro la carenza di personale: «Così non riusciamo a sopperire alla formazione»
«La formazione permanente è parte integrante di quello che è anche l’orario di lavoro del medico», spiega Giovanni Leoni vicepresidente FNOMCeO. Per questo è necessario «il ripristino dell’organico normale degli ospedali per avere uno staff adeguato per far tutte quante le funzioni a loro richieste»
La blockchain a Striscia La Notizia, Marco Camisani Calzolari spiega agli italiani la tecnologia del futuro (anche per la salute…)
VIDEO | Dalla formazione medica alla patient satisfaction, l’esperto digitale di Canale 5 illustra i nuovi campi di applicazione della ormai celebre tecnologia della “catena a blocchi”. A Tirana l'evento Consulcesi con Marco Camisani Calzolari proprio su blockchain e formazione medica. E il 5 giugno a Milano appuntamento su blockchain e sanità all’Ordine dei Medici
Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi
Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo al leader della Lega Matteo Salvini
Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici
Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui principali temi del mondo medico emerse nel confronto promosso da Consulcesi. Diverse le proposte ma i candidati sembrano uniti nella battaglia sui diritti negati ai medici ex specializzandi
ECM, nominata la nuova Commissione Nazionale per la Formazione Continua
Ad intervenire sull'argomento anche il Ministro della Salute, Giulia Grillo, ribadendo il suo impegno sul tema formazione: «Rappresenta un obiettivo della nostra legislatura e del mio mandato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti