Politica 5 Gennaio 2021 08:12

È morta Emilia De Biasi, ex Presidente Commissione Sanità. Politica in lutto

L’ex senatrice era responsabile Welfare e Salute del Pd lombardo. Si era battuta per la legge sulle nuove professioni sanitarie, sulla ricerca clinica e sulle Disposizioni anticipate di trattamento. Speranza: «Sempre a difesa SSN. Ci siamo confrontati fino a qualche giorno fa»

Un grave lutto colpisce la politica e il mondo della sanità italiano. È scomparsa nella notte all’età di 62 anni l’ex senatrice Emilia De Biasi, nella scorsa legislatura Presidente della XII Commissione Igiene e Sanità.

«Mi addolora profondamente la scomparsa così prematura di Emilia De Biasi, già Deputata, Senatrice e Presidente della XII Commissione permanente Igiene e Sanità del Senato, ruolo che ha interpretato con grande impegno a difesa del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Tema che le è sempre stato a cuore e su cui non abbiamo mai smesso di confrontarci fino a pochi giorni fa. Ci mancherà la sua passione e la sua dedizione. Sono vicino alla famiglia in questo momento così difficile» ha commentato il Ministro della Salute Roberto Speranza.

La carriera di De Biasi parte da lontano. Consigliera comunale a Milano negli anni ’90 per il Pds, è stata deputata per il Pd nella Legislatura 2006-2008 e 2008-2013, poi senatrice con le elezioni del 24 febbraio 2013 nella circoscrizione Lombardia I. De Biasi era ancora molto attiva in politica: responsabile Salute e nuovo Welfare nella segreteria regionale del Pd lombardo, membro della Direzione nazionale del Pd e della direzione milanese e lombarda, dal dicembre 2020 era presidente del Consiglio di indirizzo dell’Azienda di Servizi alla Persona ‘Golgi Redaelli’ nominata dal sindaco di Milano Giuseppe Sala.

Come Presidente della Commissione Sanità si è battuta per la legge sulle nuove professioni sanitarie, sulla ricerca clinica e sulle Disposizioni anticipate di trattamento. Nel 2016 aveva vinto il premio “Salviamo il nostro Ssn” che viene assegnato dalla Fondazione GIMBE a istituzioni o personalità che si sono distinte per la salvaguardia della sanità pubblica.

Nelle ultime interviste rilasciate per Sanità Informazione aveva parlato del tema delle assicurazioni per i medici e di quello delle donne migranti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»