Politica 12 Gennaio 2017

Emilia De Biasi: «Ora nuovo intervento normativo sulle assicurazioni mediche sullo stile Rc Auto»

«Sanata la stortura che prevedeva fino a 20mila euro di premio assicurativo per un giovane medico». Ai nostri microfoni il Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato: «Molte imprese decidono di non assicurare né camici bianchi né ospedali per paura e la non credibilità del sistema. Sull’Atteso nuovo intervento normativo sullo stile della Rc Auto»

Cosa cambia, con l’approvazione del Ddl n°2224, nel settore delle assicurazioni mediche? Emilia Grazia De Biasi, Presidente della Commissione “Igiene e Sanità” del Senato, ai nostri microfoni spiega che «con la legge, quando sarà approvata alla Camera, e spero entro breve, l’assicurazione sarà in capo alla struttura e non più al singolo operatore sanitario». Si tratta di un cambio di paradigma importante che vuole superare «il timore e la non credibilità del sistema» che «ha portato le imprese assicuratrici a scegliere, spesso, di non assicurare determinate situazioni». Magari considerate meno affidabili (come giovani medici e specializzazioni ad alto rischio.

Presidente De Biasi, quali sono le conseguenze sull’aspetto assicurativo del Ddl n°2224?

«Abbiamo visto tutti cos’è successo negli anni scorsi. Spesso le strutture si sono viste costrette ad andare in autoassicurazione, con problemi veramente giganteschi. Certo, è necessario anche rivedere il mercato assicurativo, ma penso che la sede più opportuna sia quella della legge sulla concorrenza o comunque un testo che si occupa specificatamente del sistema assicurativo. Servono dunque le tabelle, i risarcimenti, e tanti altri aspetti tecnici, un po’ come succede per l’Rc Auto. Tutto ciò, ovviamente, va fatto in un’altra sede, e non nell’ambito del discorso di una legge sulla responsabilità professionale sulla sanità».

Per quanto riguarda invece un medico che non opera in una struttura ma è un libero professionista, anche lì c’è il rischio che le compagnie, vista la novità legislativa, facciano difficoltà a concedere le assicurazioni?»

«No, credo che anzi saranno incentivate. Il singolo medico avrà più possibilità di quante ne ha oggi. È vero che, in questo caso, si tratta di un libero professionista, ma è altrettanto vero che esercita comunque in una struttura. Certo, non è pensabile che si cambi completamente la situazione. Siamo arrivati ad un punto di equilibrio importante sia per le strutture pubbliche che per quelle private».

Articoli correlati
Decreto Calabria, la protesta della sanità privata regionale: «A rischio servizi e posti di lavoro»
Critico anche il senatore Giovanni Pittella: «Non credo sinceramente che questo tipo di problemi si risolvono attraverso i commissariamenti»
Disforia di genere, tritptorelina sicura anche fuori dalle indicazioni. La conferma dell’Aifa
Sandra Petraglia, direttore Ricerca e Sperimentazione Clinica Aifa: «Confermata alla data odierna il profilo beneficio/rischio favorevole emerso già nelle varie fasi precedenti di valutazione»
Dai vaccini alle aggressioni ai medici, Sileri annuncia l’agenda della Commissione Sanità in Senato
Sileri (M5S): «Negli ultimi mesi abbiamo visto molti medici e molto personale sanitario aggredito a partire dalle ambulanze e dai pronto soccorso. Serve risposta immediata»
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
Ex specializzandi, a Roma il primo convegno nazionale dedicato al diritto al risarcimento e alla prescrizione
Il 18 settembre alle ore 9.30, presso il Senato della Repubblica – Sala Capitolare del Chiostro di Santa Maria sopra Minerva a Roma – si terrà il primo convegno nazionale dedicato alla formazione medica specialistica organizzato da Sanità Informazione.  La conferenza stampa di presentazione all’evento verterà sul “Diritto al risarcimento e prescrizione: limiti ed opportunità nel diritto comunitario […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...