Politica 24 Maggio 2022 18:32

È legge la “Sanità Trasparente”, cosa cambia per imprese produttrici e professionisti della sanità

La legge disciplina la pubblicizzazione delle erogazioni delle imprese verso chi opera nella sanità in un apposito registro consultabile sul sito del Ministero della Salute

di Francesco Torre
È legge la “Sanità Trasparente”, cosa cambia per imprese produttrici e professionisti della sanità

Dopo un lungo iter durato più di tre anni è finalmente legge il provvedimento sulla sanità trasparente approvato dalla commissione Affari sociali della Camera in sede legislativa. La legge vede come primo firmatario Massimo Enrico Baroni (ex M5S, ora Alternativa) e come relatore il pentastellato Nicola Provenza.

Il provvedimento, che aveva trovato il plauso dell’ex presidente ANAC Raffaele Cantone e di Transparency International, promuove la trasparenza nel mondo della salute e introduce il registro telematico della “Sanità trasparente” (consultabile presso il sito del Ministero della Salute) dove le imprese produttrici dovranno pubblicare le erogazioni o gli accordi che comportano benefici per chi opera nella sanità. Tra gli obiettivi della legge quello di contrastare fenomeni di corruzione e potenziali conflitti di interesse. Un decreto attuativo, da emanarsi entro tre mesi, definirà la creazione del registro.

Soddisfatto il primo firmatario Massimo Enrico Baroni: «Grazie a questa legge potremo conoscere le relazioni di vantaggio dei key Opinion Leader della Sanità Italiana prevenendo il degrado dell’azione amministrativa nel settore sanitario, e puntando un faro sui trasferimenti di valore oltre che sugli accordi dell’industria col settore sanitario. Per una sanità trasparente, meritocratica ed efficiente».

Per il relatore Nicola Provenza «si tratta di un provvedimento che potrà contribuire ad aumentare la fiducia dei cittadini nella scienza e nella medicina, oltre che dare un impulso importante per rendere più indipendenti gli studi scientifici. Rappresenta uno strumento prezioso per rinsaldare l’alleanza tra i cittadini e il Sistema sanitario nazionale e per rimuovere quelle sacche di opacità che purtroppo caratterizzano anche il mondo della sanità».

La proposta di legge ricalca analoghe disposizioni introdotte in altri Stati del mondo, in particolare quelle introdotte in Francia e negli Stati Uniti, tanto da essere appellata come il “Sunshine act” italiano, sulla scorta dell’analogo provvedimento introdotto negli Stati Uniti.

Cosa prevede la legge

Nel passaggio in Senato è stato innalzato il valore minimo dell’elargizione oltre la quale si attiva l’obbligo di trasparenza. Per i singoli sanitari: quando il valore unitario della singola elargizione sia maggiore di 100 euro (anziché 50) e quando il valore complessivo annuale sia maggiore di 1.000 (anziché 500); per le organizzazioni sanitarie: quando abbiano un valore unitario maggiore di 1.000 euro (anziché 500 euro) o un valore complessivo annuo maggiore di 2.500 euro.

La comunicazione dovrà essere effettuata sempre da parte dell’impresa produttrice e dunque non risiede in capo al professionista della sanità. Tra le informazioni da comunicare, entro il 31 gennaio di ogni anno, anche partecipazioni azionarie, dei titoli obbligazionari e dei proventi derivanti da diritti di proprietà industriale o intellettuale, riferibili ai soggetti che operano nel settore della salute e alle organizzazioni sanitarie.

Il regime sanzionatorio

Previsto anche un regime sanzionatorio: per l’omissione della comunicazione di erogazioni o accordi è prevista, per l’impresa produttrice, la sanzione amministrativa pecuniaria di mille euro aumentata di venti volte l’importo dell’erogazione alla quale si riferisce l’omissione. Se l’omissione riguarda invece la titolarità di azioni, obbligazioni, diritti di proprietà industriale o intellettuale la sanzione amministrativa pecuniaria sarà di un minimo di 5mila e di un massimo di 50mila euro. In relazione all’incompletezza delle comunicazioni fornite si dà la possibilità di regolarizzare la propria posizione entro un termine di 90 giorni.

È previsto inoltre anche il wisthleblowing, ossia la possibilità di segnalare, con adeguate tutele, le condotte poste in essere in violazione del provvedimento all’esame.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
Budget di salute, cannabis, Riforma IRCCS nella settimana parlamentare. Ma il Covid torna ad allarmare la politica
Poche leggi sanitarie in Parlamento dal 27 giugno al 2 luglio: alla Camera si discute la pdl per depenalizzare la coltivazione domestica di quattro piantine di cannabis. In commissione Affari sociali continua l’esame della proposta per l’introduzione del budget di salute, misura dedicata a garantire un percorso di vita personalizzato e autosufficiente alle persone con disabilità
di Francesco Torre
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
Sanità, Parente (Iv): «Bene standard per assistenza territoriale ma servono assunzioni e formazione personale»
«Senza medici, infermieri e personale socio-sanitario e senza la formazione le nuove case di comunità sono destinate a restare delle scatole vuote» mette in guardia la presidente della commissione Igiene e Sanità del Senato
Pronta disponibilità, il limite delle 6 chiamate mensili viene sempre rispettato?
Intervista a Muzio Stornelli, dirigente infermieristico: «Problema antico ma con pandemia la situazione è peggiorata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali