Politica 29 Maggio 2020 14:02

Dl Rilancio, M5S punta a stabilizzare precari sanità. Nesci: «Obiettivo è fare direttamente contratti a tempo indeterminato»

Presentato un emendamento al Dl Rilancio che prevede anche per il settore della sanità che il requisito dei tre anni per accedere alla stabilizzazione debba essere posseduto al 31 dicembre 2020. La deputata Dalila Nesci: «Questione atavica, c’è stata anche procedura di infrazione europea su questi temi. Ora proviamo a sanare vulnus». E assicura: «Il Governo è d’accordo»

Estendere la platea di chi può accedere alla stabilizzazione in sanità. È questo l’obiettivo di un emendamento al Dl Rilancio presentato dal Movimento Cinque Stelle che vuole offrire una speranza ai tanti lavoratori del settore (medici, infermieri, professionisti, operatori socio-sanitari) che in questi mesi di emergenza Covid-19 hanno operato contro il virus con professionalità e dedizione pur essendo da sempre l’anello debole del sistema, in perenne attesa del rinnovo del contratto.

L’emendamento è semplice: prevede che anche nel settore della sanità il requisito dei 3 anni per accedere alla stabilizzazione debba essere posseduto al 31 dicembre 2020. Inoltre si prevede lo spostamento a questa data del termine per la maturazione del requisito dei 3 anni per accedere alle procedure concorsuali riservate.

«Questo emendamento è un atto dovuto – spiega a Sanità Informazione la deputata M5S Dalila Nesci – in quanto era necessario che anche il personale sanitario avesse la possibilità, come tutti gli altri lavoratori della Pubblica amministrazione, di maturare i 36 mesi di lavoro entro il 31 dicembre 2020, cosa che specifica l’emendamento, offrendogli la possibilità entro la stessa data di partecipare anche alle procedure concorsuali interne. L’obiettivo è stabilizzare il più grande numero di precari. Anche in questi decreti emergenziali si è spinto molto su queste assunzioni a tempo determinato ma ciò non significa che questi lavoratori non debbano aspirare a una stabilizzazione».

LEGGI ANCHE: COVID-19, GIULIANO (UGL): «SCUDO PENALE E STOP PRECARIATO, E’ GIUNTA L’ORA DI RINGRAZIARE MEDICI E PROFESSIONISTI SANITARI»

In effetti nei Decreti emergenziali varati per rafforzare le risorse umane del Sistema sanitario per la lotta al Covid-19 è un fiorire di contratti a tempo determinato, di lavoro autonomo o in libera professione. Il rischio concreto è che, finita l’emergenza, a questi professionisti si dica ‘arrivederci e grazie’.

«Questo emendamento – spiega Nesci – vuole sanare un vulnus che era rimasto nelle precedenti leggi. Si era fatto un tentativo nel Dl Liquidità, adesso riproviamo a dare questa possibilità di stabilizzazione. Era stata una dimenticanza macroscopica, perché tutti i lavoratori devono poter aspirare alla stabilizzazione».

«In passato – ricorda la deputata M5S – ci sono stati tanti ricorsi, persino una procedura di infrazione europea su questi temi. È una questione atavica, ogni volta ci ritroviamo a livello legislativo a dover mettere delle garanzie a diritti che dovrebbero essere acquisiti. Con questo nuovo flusso di risorse economiche (solo con questo Decreto abbiamo uno scostamento di Bilancio di 55 miliardi) noi contiamo di fare via via contratti direttamente a tempo indeterminato. È un obiettivo politico che ci diamo e speriamo di raggiungerlo proprio per non creare più questo “esercito di precari”».

L’emendamento, che è in via di presentazione, non ha ancora avuto l’ok formale del Governo ma, assicura Nesci, «è volontà dell’esecutivo chiudere una questione da cui era rimasto fuori il personale sanitario».

LEGGI ANCHE: BONUS AI SANITARI PER “DISAGIO” COVID, PALERMO (ANAAO): «SU MILLE EURO, UN MEDICO NE INTASCA 350»

Altra battaglia di Nesci è sospendere, in questa fase emergenziale, i piani di rientro delle regioni commissariate. «L’ho proposto in coerenza con quanto già accaduto con la sospensione del Patto di Stabilità – conclude Nesci -. In poche notti si è capito che bisognava dare respiro a questi lacci e lacciuoli europei che sono figli di questa ideologia dell’austerity e della spending review. Sarebbe il caso di sospendere anche i piani di rientro dal disavanzo sanitario. Non è semplice, si tratta di una riforma importante perché significa rivedere anche tutte le questioni di fiscalità e di finanza: non si può ottenere in poco tempo. Infatti ci lavoro da un po’ di tempo: ho ottenuto sul Cura Italia un Ordine del giorno che impegna il Governo a sospendere i piani di rientro delle regioni che sono in disavanzo sanitario e la mia volontà politica è proprio di riformare l’istituto del commissariamento e la messa in mora dei piani di rientro».

Tuttavia Nesci assicura che «le norme che contenute nel Decreto Rilancio sono applicate anche a tutte le regioni in piano di rientro. Ciò significa la possibilità di assumere anche in deroga ai limiti».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Sanità Lazio, nuovo accordo per stabilizzare i precari. Da aprile le prime assunzioni
Cgil, Cisl e Uil: «Resta la necessità di nuove contrattualizzazioni straordinarie per rinforzare la rete del Ssr»
Stabilizzazione precari assunti in emergenza, Crudele (SIGM): «Ora strategia anche per specializzandi»
Gli operatori sanitari reclutati con un contratto a tempo determinato durante l'emergenza Covid saranno stabilizzati. La rappresentante del Segretariato Italiano Giovani Medici: «Auspichiamo un tavolo di confronto per gli specializzandi che hanno risposto presente»
Prorogati contratti in scadenza per l’emergenza Covid, Cisl medici Lazio: «Vigileremo sull’accordo»
Firmato oggi l'accordo sindacale per la proroga dei precari del servizio sanitario regionale del Lazio
«Assumere i 66mila precari della sanità reclutati durante l’emergenza Covid». La proposta Fiaso
Migliore (Fiaso): «Assumere chi ha svolto per 12 mesi in modo continuativo servizio nelle nostre aziende oppure estendere il periodo di validità del beneficio della legge Madia fino alla fine del 2023, per consentire a coloro che sono stati assunti tra marzo e giugno 2020 di maturare i 36 mesi necessari all’assunzione a tempo indeterminato»
di Isabella Faggiano
Sanità lombarda, per il consigliere regionale Mammì (M5S) serve una legge speciale per Milano
Le proposte del segretario della commissione sanità: «Formazione universitaria sul territorio per gli aspiranti MMG e Municipi punti di riferimento anche per la sanità territoriale, così come già accade per i servizi assistenziali»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...