Politica 29 Maggio 2020

Dl Rilancio, M5S punta a stabilizzare precari sanità. Nesci: «Obiettivo è fare direttamente contratti a tempo indeterminato»

Presentato un emendamento al Dl Rilancio che prevede anche per il settore della sanità che il requisito dei tre anni per accedere alla stabilizzazione debba essere posseduto al 31 dicembre 2020. La deputata Dalila Nesci: «Questione atavica, c’è stata anche procedura di infrazione europea su questi temi. Ora proviamo a sanare vulnus». E assicura: «Il Governo è d’accordo»

Estendere la platea di chi può accedere alla stabilizzazione in sanità. È questo l’obiettivo di un emendamento al Dl Rilancio presentato dal Movimento Cinque Stelle che vuole offrire una speranza ai tanti lavoratori del settore (medici, infermieri, professionisti, operatori socio-sanitari) che in questi mesi di emergenza Covid-19 hanno operato contro il virus con professionalità e dedizione pur essendo da sempre l’anello debole del sistema, in perenne attesa del rinnovo del contratto.

L’emendamento è semplice: prevede che anche nel settore della sanità il requisito dei 3 anni per accedere alla stabilizzazione debba essere posseduto al 31 dicembre 2020. Inoltre si prevede lo spostamento a questa data del termine per la maturazione del requisito dei 3 anni per accedere alle procedure concorsuali riservate.

«Questo emendamento è un atto dovuto – spiega a Sanità Informazione la deputata M5S Dalila Nesci – in quanto era necessario che anche il personale sanitario avesse la possibilità, come tutti gli altri lavoratori della Pubblica amministrazione, di maturare i 36 mesi di lavoro entro il 31 dicembre 2020, cosa che specifica l’emendamento, offrendogli la possibilità entro la stessa data di partecipare anche alle procedure concorsuali interne. L’obiettivo è stabilizzare il più grande numero di precari. Anche in questi decreti emergenziali si è spinto molto su queste assunzioni a tempo determinato ma ciò non significa che questi lavoratori non debbano aspirare a una stabilizzazione».

LEGGI ANCHE: COVID-19, GIULIANO (UGL): «SCUDO PENALE E STOP PRECARIATO, E’ GIUNTA L’ORA DI RINGRAZIARE MEDICI E PROFESSIONISTI SANITARI»

In effetti nei Decreti emergenziali varati per rafforzare le risorse umane del Sistema sanitario per la lotta al Covid-19 è un fiorire di contratti a tempo determinato, di lavoro autonomo o in libera professione. Il rischio concreto è che, finita l’emergenza, a questi professionisti si dica ‘arrivederci e grazie’.

«Questo emendamento – spiega Nesci – vuole sanare un vulnus che era rimasto nelle precedenti leggi. Si era fatto un tentativo nel Dl Liquidità, adesso riproviamo a dare questa possibilità di stabilizzazione. Era stata una dimenticanza macroscopica, perché tutti i lavoratori devono poter aspirare alla stabilizzazione».

«In passato – ricorda la deputata M5S – ci sono stati tanti ricorsi, persino una procedura di infrazione europea su questi temi. È una questione atavica, ogni volta ci ritroviamo a livello legislativo a dover mettere delle garanzie a diritti che dovrebbero essere acquisiti. Con questo nuovo flusso di risorse economiche (solo con questo Decreto abbiamo uno scostamento di Bilancio di 55 miliardi) noi contiamo di fare via via contratti direttamente a tempo indeterminato. È un obiettivo politico che ci diamo e speriamo di raggiungerlo proprio per non creare più questo “esercito di precari”».

L’emendamento, che è in via di presentazione, non ha ancora avuto l’ok formale del Governo ma, assicura Nesci, «è volontà dell’esecutivo chiudere una questione da cui era rimasto fuori il personale sanitario».

LEGGI ANCHE: BONUS AI SANITARI PER “DISAGIO” COVID, PALERMO (ANAAO): «SU MILLE EURO, UN MEDICO NE INTASCA 350»

Altra battaglia di Nesci è sospendere, in questa fase emergenziale, i piani di rientro delle regioni commissariate. «L’ho proposto in coerenza con quanto già accaduto con la sospensione del Patto di Stabilità – conclude Nesci -. In poche notti si è capito che bisognava dare respiro a questi lacci e lacciuoli europei che sono figli di questa ideologia dell’austerity e della spending review. Sarebbe il caso di sospendere anche i piani di rientro dal disavanzo sanitario. Non è semplice, si tratta di una riforma importante perché significa rivedere anche tutte le questioni di fiscalità e di finanza: non si può ottenere in poco tempo. Infatti ci lavoro da un po’ di tempo: ho ottenuto sul Cura Italia un Ordine del giorno che impegna il Governo a sospendere i piani di rientro delle regioni che sono in disavanzo sanitario e la mia volontà politica è proprio di riformare l’istituto del commissariamento e la messa in mora dei piani di rientro».

Tuttavia Nesci assicura che «le norme che contenute nel Decreto Rilancio sono applicate anche a tutte le regioni in piano di rientro. Ciò significa la possibilità di assumere anche in deroga ai limiti».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Decreto Rilancio, FNOPO: «Buon inizio, ma occorre fare di più»
«Gli emendamenti al Decreto Rilancio, approvati dalla Commissione Bilancio della Camera, rappresentano un buon inizio per sanare le troppe discriminazioni operate dalla politica in era Covid-19 in tutti i provvedimenti finora adottati, e in via di adozione come il Decreto Rilancio, a danno della categoria Ostetrica, al pari di altre professioni sanitarie e sociosanitarie», commentano […]
Bonus Covid, fondi per borse di specializzazione e stabilizzazione precari: tutte le novità in sanità del Dl Rilancio
In Commissione Bilancio alla Camera approvato il bonus di 2mila euro per gli operatori sanitari impegnati nell’emergenza Covid. Tra le novità anche la possibilità di assumere psicologi nelle Usca e la creazione della Scuola di specializzazione in 'Medicina e cure palliative'
Dl Rilancio, Fp Cgil: «Stabilizzare medici di emergenza-urgenza»
«Sosteniamo emendamenti Pd e M5S, serve potenziare assistenza territoriale»
Dl Rilancio, la carica degli 8mila emendamenti. Dagli incentivi ai sanitari all’aumento delle borse di specializzazione, tutte le proposte per la sanità
Molte proposte emendative si concentrano sul potenziamento della rete di assistenza territoriale, sull’assistenza domiciliare e sulla telemedicina. Forza Italia torna sullo scudo penale, mentre l’ex ministro Giulia Grillo chiede di estendere la legge Sirchia sul fumo alle sigarette elettroniche. Siani (Pd) chiede che le USCA si avvalgano di psicologi
Provenza (M5S): «Puntare su prevenzione primaria e difendere SSN da modello sanità-business»
L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo ci affida alcuni messaggi che, con coraggio, competenza ed etica della responsabilità, abbiamo il dovere di interpretare e trasformare in atti concreti. Su tutti questi messaggi emerge il rapporto tra salute ed economia: non c’è Economia senza Salute!             Pertanto non è più possibile prescindere dalle cinque dimensioni della salute individuale […]
di Nicola Provenza, Deputato M5S, Componente Commissione Affari Sociali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...