Politica 18 Luglio 2019

Direzioni sanitarie, risoluzione Lega allarga platea. Tiramani: «Rivoluzione culturale, potranno essere nominati anche medici più giovani»

Il testo presentato in Commissione Affari Sociali prevede che potranno essere nominati in quel ruolo anche medici che hanno diretto strutture semplici e non per forza complesse. «Così si evitano i soliti nomi e vi è una più ampia possibilità di scelta» aggiunge il deputato del Carroccio

Una risoluzione targata Lega potrebbe aprire le porte delle direzioni tecnico sanitarie delle strutture anche a medici primari che hanno diretto per 5 anni una struttura semplice e non per forza strutture sanitarie complesse. Il testo è stato presentato in Commissione XII Affari Sociali della Camera dei deputati dal deputato leghista Paolo Tiramani e cofirmata dai leghisti Massimiliano Panizzut, Rossana Boldi, Guido De Martini, Sara Foscolo, Arianna Lazzarini, Mauro Sutto, Edoardo Ziello.

La risoluzione impegna il governo ad assumere le iniziative di competenza, anche ricorrendo ad una circolare interpretativa, per chiarire che il requisito minimo della «qualificata attività di direzione tecnico-sanitaria in enti o strutture sanitarie, pubbliche o private, di media o grande dimensione…non richieda imprescindibilmente lo svolgimento da parte del candidato di attività di direzione tecnico-sanitaria quinquennale di struttura organizzativa complessa e risulta, conseguentemente, integrato anche nel caso in cui la medesima attività di direzione tecnico-sanitaria abbia riguardato una struttura organizzativa semplice».

«Abbiamo presentato questa risoluzione – spiega Tiramani a Sanità Informazione – per chiarire un vuoto normativo che da troppi anni assilla le regioni. Ci sono regioni che interpretano la norma cercando medici primari di struttura complessa come direttori sanitari e altri che già usano la versione, a nostro dire più logica, aprendo a chi ha diretto per 5 anni una struttura semplice».

LEGGI LA RISOLUZIONE SUI DIRETTORI SANITARI

Il problema è interpretativo: la legge 171 del 2016 disciplina la procedura per il conferimento dell’incarico di direttore sanitario delle aziende sanitarie locali, delle aziende ospedaliere e degli altri enti del servizio sanitario nazionale. Secondo la norma il direttore sanitario è nominato dal direttore generale, «attingendo obbligatoriamente agli elenchi regionali di idonei, anche di altre regioni, appositamente costituiti, previo avviso pubblico e selezione per titoli e colloquio». Tra i requisiti la norma prevede che il direttore sanitario sia un medico «che non abbia compiuto il sessantacinquesimo anno di età e che abbia svolto per almeno cinque anni qualificata attività di direzione tecnico-sanitaria in enti o strutture sanitarie, pubbliche o private, di media o grande dimensione». La norma dunque non fa alcuna distinzione tra attività di direzione di struttura organizzativa semplice o di struttura organizzativa complessa. Tuttavia numerose regioni hanno dato una lettura «erroneamente restrittiva del requisito in esame», riservando l’accesso alle procedure selettive ai soli candidati che abbiano diretto per almeno cinque anni una struttura organizzativa complessa. «Un equivoco di natura interpretativa» – secondo i firmatari della risoluzione – «alla base di tali decisioni regionali restringe in maniera ingiustificata la platea di candidati ed in maniera altrettanto ingiustificata rende più difficoltosa la copertura dei posti vacanti».

«Chiaramente – spiega Tiramani – cambia molto per le Asl che così possono attingere a un bacino più ampio di persone. Soprattutto si evitano i soliti nomi come direttore sanitario delle Asl e vi è una più ampia possibilità di scelta, andando a individuare anche medici relativamente più giovani che possono provare a fare questa esperienza. Oggi quale primario di struttura complessa lascerebbe tutta la sua attività in reparto per fare il direttore sanitario visto anche l’esiguo emolumento? Nessuno. Tant’è che ci si sta orientando verso i medici igienisti o chi è prossimo alla pensione. Così sarà una rivoluzione culturale a tutto campo».

Articoli correlati
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Sanità, Cimo-Fesmed: «Politica garantisca quella pubblica invece di destrutturarla»
«È sempre più chiaro il disegno politico che denunciamo da tempo e che ha motivato la nostra mancata firma sul pre-accordo al contratto 2016-2018» così il sindacato dei medici Cimo-Fesmed
Giappone, Abe vara l’aumento dell’IVA per pagare pensioni e sanità
L’invecchiamento della popolazione ha fatto aumentare i costi della previdenza sociale, per questo l’imposta sul valore aggiunto aumenterà dall’8 al 10%. Per l’erario 5,7 miliardi di Yen in più di gettito
Sla, Lazzarini (Lega): «Governo sostenga caregiver, pronta mozione»
«Ad oggi non c’è ancora una specifica normativa nazionale di riferimento che ne riconosca il valore sociale ed economico», sottolinea il segretario della Commissione Affari Sociali di Montecitorio
Staminali, Cecchetti (Lega) alla Camera: «Speranza intervenga su cordoni ombelicali scomparsi»
ll vicecapogruppo vicario della Lega alla Camera interviene sul caso delle 15mila famiglie italiane che potrebbero essere coinvolte nel fallimento della banca Cryo-Save
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Salute

Super batterio New Delhi, nuova vittima in Toscana. Rezza (ISS): «Colonizza l’intestino, fondamentale rispettare prassi igienico-ospedaliere»

L’epidemia si sta allargando nella Regione. «Tra novembre 2018 e agosto 2019 è stato isolato nel sangue di 75 pazienti. Letale nel 40% dei pazienti con sepsi» specifica l’Ars Toscana. Rezza (Is...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...