Politica 18 Luglio 2019 16:14

Direzioni sanitarie, risoluzione Lega allarga platea. Tiramani: «Rivoluzione culturale, potranno essere nominati anche medici più giovani»

Il testo presentato in Commissione Affari Sociali prevede che potranno essere nominati in quel ruolo anche medici che hanno diretto strutture semplici e non per forza complesse. «Così si evitano i soliti nomi e vi è una più ampia possibilità di scelta» aggiunge il deputato del Carroccio

Una risoluzione targata Lega potrebbe aprire le porte delle direzioni tecnico sanitarie delle strutture anche a medici primari che hanno diretto per 5 anni una struttura semplice e non per forza strutture sanitarie complesse. Il testo è stato presentato in Commissione XII Affari Sociali della Camera dei deputati dal deputato leghista Paolo Tiramani e cofirmata dai leghisti Massimiliano Panizzut, Rossana Boldi, Guido De Martini, Sara Foscolo, Arianna Lazzarini, Mauro Sutto, Edoardo Ziello.

La risoluzione impegna il governo ad assumere le iniziative di competenza, anche ricorrendo ad una circolare interpretativa, per chiarire che il requisito minimo della «qualificata attività di direzione tecnico-sanitaria in enti o strutture sanitarie, pubbliche o private, di media o grande dimensione…non richieda imprescindibilmente lo svolgimento da parte del candidato di attività di direzione tecnico-sanitaria quinquennale di struttura organizzativa complessa e risulta, conseguentemente, integrato anche nel caso in cui la medesima attività di direzione tecnico-sanitaria abbia riguardato una struttura organizzativa semplice».

«Abbiamo presentato questa risoluzione – spiega Tiramani a Sanità Informazione – per chiarire un vuoto normativo che da troppi anni assilla le regioni. Ci sono regioni che interpretano la norma cercando medici primari di struttura complessa come direttori sanitari e altri che già usano la versione, a nostro dire più logica, aprendo a chi ha diretto per 5 anni una struttura semplice».

LEGGI LA RISOLUZIONE SUI DIRETTORI SANITARI

Il problema è interpretativo: la legge 171 del 2016 disciplina la procedura per il conferimento dell’incarico di direttore sanitario delle aziende sanitarie locali, delle aziende ospedaliere e degli altri enti del servizio sanitario nazionale. Secondo la norma il direttore sanitario è nominato dal direttore generale, «attingendo obbligatoriamente agli elenchi regionali di idonei, anche di altre regioni, appositamente costituiti, previo avviso pubblico e selezione per titoli e colloquio». Tra i requisiti la norma prevede che il direttore sanitario sia un medico «che non abbia compiuto il sessantacinquesimo anno di età e che abbia svolto per almeno cinque anni qualificata attività di direzione tecnico-sanitaria in enti o strutture sanitarie, pubbliche o private, di media o grande dimensione». La norma dunque non fa alcuna distinzione tra attività di direzione di struttura organizzativa semplice o di struttura organizzativa complessa. Tuttavia numerose regioni hanno dato una lettura «erroneamente restrittiva del requisito in esame», riservando l’accesso alle procedure selettive ai soli candidati che abbiano diretto per almeno cinque anni una struttura organizzativa complessa. «Un equivoco di natura interpretativa» – secondo i firmatari della risoluzione – «alla base di tali decisioni regionali restringe in maniera ingiustificata la platea di candidati ed in maniera altrettanto ingiustificata rende più difficoltosa la copertura dei posti vacanti».

«Chiaramente – spiega Tiramani – cambia molto per le Asl che così possono attingere a un bacino più ampio di persone. Soprattutto si evitano i soliti nomi come direttore sanitario delle Asl e vi è una più ampia possibilità di scelta, andando a individuare anche medici relativamente più giovani che possono provare a fare questa esperienza. Oggi quale primario di struttura complessa lascerebbe tutta la sua attività in reparto per fare il direttore sanitario visto anche l’esiguo emolumento? Nessuno. Tant’è che ci si sta orientando verso i medici igienisti o chi è prossimo alla pensione. Così sarà una rivoluzione culturale a tutto campo».

Articoli correlati
Dalla Lega al Pd, l’obbligo vaccinale convince le forze politiche. Fuori dal coro Fdi: «Misura inefficace»
Tutte le forze di maggioranza approvano la misura varata il 5 gennaio dal CdM. Secondo Paola Boldrini (Pd) misura necessaria «per la collettività e per dare sollievo ai professionisti sanitari ormai al collasso». Tiramani (Lega) rivela: «Io minacciato dai no vax». Per il M5S «bisogna agire presto per evitare che gli ospedali siano di nuovo paralizzati dall'emergenza»
di Francesco Torre
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
Quali sono le regole che il Provider deve adottare in riferimento alla Pubblicità?
Durante lo svolgimento dell’evento, la pubblicità di prodotti di interesse sanitario è consentita esclusivamente allo sponsor dell’evento al di fuori delle aree in cui vengono esposti i contenuti formativi. Durante lo svolgimento dell’evento, è consentita l’indicazione del principio attivo dei farmaci o del nome generico del prodotto di interesse sanitario. Non può essere indicato alcun […]
Premio “Leads – Donne Leader in Sanità”, Lorenzin: «Ai vertici sempre gli uomini, serve rapido cambio di passo»
L’iniziativa nasce per promuovere la leadership delle donne in ambito sanitario. «Per quanto le donne siano assoluta maggioranza – il 64,5% del SSN italiano secondo l’Oms – osservando le posizioni di leadership questa piramide si rovescia» specifica la presidente Patrizia Ravaioli
IV Congresso Big Data in Health, tra salute collettiva e rispetto della privacy
L’avvocato Luca Bolognini: «Necessario un bilanciamento per supportare la spinta all’innovazione senza perdere di vista l’etica del trattamento dati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre