Politica 13 Febbraio 2019

Diabete, anche Milano entra nella rete Cities Changing Diabets. Gallera (Ass. Sanità Lombardia): «Indirizzare cittadini verso corretti stili di vita»

Dopo Roma, anche il capoluogo meneghino entra nelle 19 città a livello globale che aderiscono al progetto. Il programma, che si articolerà su un triennio, prevede diverse fasi: dalla mappatura dei dati epidemiologici alla fotografia dello stato attuale. In Lombardia 550mila diabetici e 150mila malati cronici. Carruba (Comitato esecutivo): «Questo ingresso consentirà all’Italia di contribuire con un significativo volume di dati, avendo le due aree metropolitane quasi 8 milioni di abitanti»

di Federica Bosco

Milano ufficializza il suo impegno nella lotta al diabete. La Metropoli lombarda che conta oltre 200 mila persone affette da diabete è entrata ufficialmente nel programma Cities Changing Diabets, un progetto globale per far fronte alla crescente diffusione delle malattie croniche non trasmissibili, come il diabete, l’obesità, le malattie cardiovascolari e i tumori nelle grandi città. Questa mattina a Palazzo Marino l’annuncio ufficiale alla presenza delle istituzioni, del mondo scientifico ed accademico.

«Oggi in Regione Lombardia abbiamo 550 mila diabetici e 150 mila malati cronici che costano complessivamente ogni anno al sistema sanitario tra i 600 milioni e il miliardo e 300 milioni con una prospettiva di crescita esponenziale – il commento di Giulio Gallera, assessore al Welfare di Regione Lombardia – Dobbiamo metterci nelle condizioni per cui la città sviluppi un programma di sensibilizzazione e informazione per indirizzare i cittadini verso corretti stili di vita, sana alimentazione, attività fisica e, in quest’ottica, – ha aggiunto – un’alleanza virtuosa tra ospedale e territorio come già accade in Regione Lombardia rappresenta un valore aggiunto».

LEGGI ANCHE: DIABETE E ‘URBAN HEALTH’, PELLA (ANCI): «DUEMILA SINDACI HANNO ADERITO ALLA DICHIARAZIONE DI ROMA». CENSIS: «LUOGO E FATTORI SOCIALI INFLUENZANO PREVENZIONE»

Sulla stessa lunghezza d’onda l’assessore alle Politiche sociali, salute e diritti del comune di Milano, Pierfrancesco Majorino, tra l’altro anche vicepresidente della rete nazionale Città Sane, che ha rimarcato la necessità di fare fronte comune in quella direzione: «Il nostro impegno vuole caratterizzarsi nell’essere convinti compagni di strada in questo progetto – ha ammesso, evidenziando la necessità di fare un programma di sensibilizzazione rivolto ai cittadini, dai più piccoli in età scolare, fino agli adulti, – ci impegneremo per fornire risposte ai nuovi bisogni dei cittadini per migliorare la loro qualità della vita».

La partecipazione di Milano porta a 19 le città a livello globale che fanno parte di Cities Changing Diabetes. Oltre alla metropoli lombarda ci sono Roma, Beirut, Buenos Aires, Città del Messico, Copenaghen, Hangzhou, Hudston, Jakarta, Johannesburg, Koryama, Leicester, Madrid, Mérida, Pechino, Shanghai, Tianjin, Vancouver e Xiamen.

«Dopo il coinvolgimento di Roma, l’ingresso di Milano nel progetto consentirà all’Italia di contribuire con un significativo volume di dati, avendo le due aree metropolitane quasi 8 milioni di abitanti – ha spiegato Michele Carruba, Presidente dell’Executive Committee di Milano Cities Changing Diabetes – e di paragonare così una realtà come quella di Milano e della Lombardia (dove la soddisfazione dei cittadini per quanto riguarda i servizi alla salute è alto) con altre realtà mondiali. Inoltre, verranno fatti dei convegni per spiegare l’insorgenza del problema, come si può prevenire e in qualche modo indirizzare queste persone a modificare determinati atteggiamenti».

Il programma, che si articolerà su un triennio, prevede diverse fasi: «Innanzitutto verrà fatta una mappatura – ha aggiunto Livio Luzi, Presidente del comitato Scientifico del progetto – della situazione reale, una fotografia dello stato attuale, partendo da dati epidemiologici: quanti sono i malati, i livelli di cura e le possibilità di implementare questo livello di cura. Una volta ultimato questo passaggio verrà fatto un report che verrà fornito a tutte le autorità regolatorie sia locali che nazionali. Sulla base di questo documento si concorderanno diverse azioni con le autorità regolatorie. Il tutto si svolgerà nell’arco di tre anni. Noi pensiamo di fare la fotografia iniziale entro il 2019 dopodiché nel 2020 si preparerà l’action plain che si svilupperà tra il 2020 e il 2022».

Articoli correlati
Milano, la “spinta” dei genitori: «Test da cambiare. E se mio figlio non passa farò ricorso»
Visibilmente emozionati, ma tanto orgogliosi dei loro ragazzi. La squadra dei genitori che ha accompagnato gli oltre 2mila aspiranti medici questa mattina all’università Bicocca di Milano ha atteso per oltre tre ore che le porte dei padiglioni 6 e 7 si aprissero per conoscere l’esito di un test che è stato motivo di preoccupazione per […]
di Federica Bosco
Milano, arriva il nuovo Pronto soccorso al San Paolo: tecnologia e riservatezza per migliorare la gestione del paziente
«Le aree nuove ci aiuteranno a garantire una migliore sistemazione per i pazienti che, una volta destinati ad un’area, saranno assistiti senza essere spostati da un luogo ad un altro», spiega il direttore Marco Gardinali. Nel 2018 oltre 78mila accessi alla struttura
di Federica Bosco
Farmaci generici, Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Ampliare numero persone che ne fanno uso»
«Tenere insieme un sistema universalistico è ambizioso - spiega l’assessore Giulio Gallera -. Tutte le azioni che riescono a garantire economie di scala e recupero delle risorse sono necessarie» 
Diabete: sana alimentazione, movimento fisico e adeguata terapia i pilastri fondamentali per la cura
«Serve approccio globale. È importante la conoscenza e la condivisione con il medico curante e il coinvolgimento con le associazioni di pazienti» così la diabetologa e presidente IBDO Foundation, Simona Frontoni, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum
di Lucia Oggianu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali