Politica 2 Gennaio 2019 17:29

Deroga iscrizione Ordini, l’Odg accolto dal Governo: «Per iscrizione a elenchi speciali si valuti anche qualità»

L’Ordine del giorno, a prima firma Maria Teresa Bellucci (FdI): «Si salvaguardino solamente professionisti meritevoli che hanno titolo per proseguire nell’esercizio della professione e si impedisca agli abusivi di trarre ingiusti, inconcepibili e immotivati vantaggi». Il plauso di Nursing Up: «Si aggiusti il tiro sugli elenchi speciali delle professioni sanitarie»

Deroga iscrizione Ordini, l’Odg accolto dal Governo: «Per iscrizione a elenchi speciali si valuti anche qualità»

«La Camera impegna il Governo ad assumere ogni utile iniziativa volta a prevedere l’introduzione di elementi qualitativi atti a salvaguardare solamente quei professionisti meritevoli che, pur non potendo oggi conseguire l’equivalenza, hanno titolo per proseguire nell’esercizio della professione e al tempo stesso impedire agli abusivi di trarre ingiusti, inconcepibili e immotivati vantaggi da questa situazione». È il testo di un Ordine del giorno, a prima firma Maria Teresa Bellucci di Fratelli d’Italia, accolto dal governo come raccomandazione in sede di esame finale della manovra economica lo scorso 29 dicembre. E la «situazione» a cui si fa riferimento è la norma prevista in Legge di Bilancio che consente di esercitare una delle professioni sanitarie individuate dalla legge 3 del 2018 anche senza il possesso di un titolo abilitante per l’iscrizione all’albo professionale; basta aver lavorato per un periodo minimo di 36 mesi, anche non continuativi, negli ultimi 10 anni.

Quella che è stata subito definita da più parti una “maxi-sanatoria” continua ad essere nell’occhio del ciclone, quindi, ma l’introduzione di «elementi qualitativi» potrebbe aggiustare il tiro. Era quanto richiesto, ad esempio, da Alessandro Beux, Presidente dell’Ordine dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione. «Degli elementi qualitativi sono indispensabili per capire chi, tra quelli che sono entrati nel sistema sanitario pur non possedendo oggi un titolo idoneo all’iscrizione all’albo, possa continuare ad esercitare», ha dichiarato Beux ai nostri microfoni qualche giorno fa.

Arriva il plauso per l’Odg anche da parte del sindacato degli infermieri Nursing Up: «Apprendiamo con piacere che il Governo si sia reso conto delle grosse criticità rappresentate dalla norma e dai rischi che questa potrebbe comportare – si legge in una nota -. Ribadiamo anche il principio secondo il quale nessuno può improvvisarsi professionista sanitario senza possederne conoscenze, competenze e capacità comprovate da un idoneo corso di studi e dal riconoscimento da parte delle istituzioni formative a ciò abilitate».

«Troviamo incomprensibile – conclude Nursing Up – l’avvenuta introduzione di norme che producono un grave impatto sul sistema professionale attraverso l’utilizzo di un siffatto espediente legislativo. Ci chiediamo in definitiva se non fosse stato meglio dedicare alla questione uno specifico provvedimento in cui dettagliare i destinatari e gli obiettivi sottesi, invece di creare un potenziale varco anche per taluni abusivi che, lo ribadiamo con le parole del documento, “non devono e non possono essere in alcun caso salvaguardati da Istituzioni e leggi dello Stato”».

LEGGI ANCHE: DEROGA ISCRIZIONE ORDINI, LA BOCCIATURA DEI FISIOTERAPISTI. TAVARNELLI (AIFI): «SI RIAPRANO I PERCORSI DI EQUIVALENZA GIÀ PREVISTI DALLA LEGGE 42 DEL ’99»

Articoli correlati
Gli infermieri non si candidano al bando “vaccinatori”. Nursing Up: «Target sbagliato, stipendio basso e zero garanzie»
A metà dicembre Arcuri promise un bando per 12mila infermieri come forza straordinaria per i vaccini. Ma sono arrivate solo 3.980 candidature. De Palma (Nursing Up) spiega perché: solo 1200 euro di stipendio, precarietà e richiesta di esclusiva
Covid-19, Miraglia (ONB): «Ancora tanti biologi non vaccinati, eppure siamo in prima linea»
Il Vicepresidente dell’Ordine dei Biologi Pietro Miraglia denuncia: «C’è molta confusione perché quando hanno dato le linee guida sulla vaccinazione la parola ‘biologo’ non compariva». Poi conferma disponibilità per la campagna vaccinale ma spiega: «Serve una norma che ci consenta di inoculare i vaccini, ora possiamo fare solo prelievi»
Tecnici di neurofisiopatologia: «In prima linea per la valutazione dei sintomi neurologici da Covid e da lungo allettamento»
Insegnamenti e criticità della pandemia: «La medicina territoriale può fare la differenza nella gestione degli ammalati: siamo arrivati direttamente al letto dei pazienti Covid-free. Penalizzati gli studenti universitari che hanno dovuto rinunciare alla formazione sul campo»
di Isabella Faggiano
Professioni sanitarie, al via iter di ratifica della Costituzione Etica della FNO TSRM e PSTRP
«Dopo l'approvazione da parte della Commissione, in poco più di due mesi, a seguito dei vari passaggi formali, si giungerà alla sua adozione definitiva» ha sottolineato il Presidente Alessandro Beux
Gli Operatori socio-sanitari festeggiano il ventesimo compleanno
Il regalo più atteso, Minghetti (Migep): «Chiediamo il riconoscimento tra le professioni dell’area socio-sanitaria per regolamentare competenze, posizione economica e formazione e un registro regionale con iscrizione obbligatoria contro l’abusivismo»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...