Politica 2 gennaio 2019

Deroga iscrizione Ordini, l’Odg accolto dal Governo: «Per iscrizione a elenchi speciali si valuti anche qualità»

L’Ordine del giorno, a prima firma Maria Teresa Bellucci (FdI): «Si salvaguardino solamente professionisti meritevoli che hanno titolo per proseguire nell’esercizio della professione e si impedisca agli abusivi di trarre ingiusti, inconcepibili e immotivati vantaggi». Il plauso di Nursing Up: «Si aggiusti il tiro sugli elenchi speciali delle professioni sanitarie»

Immagine articolo

«La Camera impegna il Governo ad assumere ogni utile iniziativa volta a prevedere l’introduzione di elementi qualitativi atti a salvaguardare solamente quei professionisti meritevoli che, pur non potendo oggi conseguire l’equivalenza, hanno titolo per proseguire nell’esercizio della professione e al tempo stesso impedire agli abusivi di trarre ingiusti, inconcepibili e immotivati vantaggi da questa situazione». È il testo di un Ordine del giorno, a prima firma Maria Teresa Bellucci di Fratelli d’Italia, accolto dal governo come raccomandazione in sede di esame finale della manovra economica lo scorso 29 dicembre. E la «situazione» a cui si fa riferimento è la norma prevista in Legge di Bilancio che consente di esercitare una delle professioni sanitarie individuate dalla legge 3 del 2018 anche senza il possesso di un titolo abilitante per l’iscrizione all’albo professionale; basta aver lavorato per un periodo minimo di 36 mesi, anche non continuativi, negli ultimi 10 anni.

Quella che è stata subito definita da più parti una “maxi-sanatoria” continua ad essere nell’occhio del ciclone, quindi, ma l’introduzione di «elementi qualitativi» potrebbe aggiustare il tiro. Era quanto richiesto, ad esempio, da Alessandro Beux, Presidente dell’Ordine dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione. «Degli elementi qualitativi sono indispensabili per capire chi, tra quelli che sono entrati nel sistema sanitario pur non possedendo oggi un titolo idoneo all’iscrizione all’albo, possa continuare ad esercitare», ha dichiarato Beux ai nostri microfoni qualche giorno fa.

Arriva il plauso per l’Odg anche da parte del sindacato degli infermieri Nursing Up: «Apprendiamo con piacere che il Governo si sia reso conto delle grosse criticità rappresentate dalla norma e dai rischi che questa potrebbe comportare – si legge in una nota -. Ribadiamo anche il principio secondo il quale nessuno può improvvisarsi professionista sanitario senza possederne conoscenze, competenze e capacità comprovate da un idoneo corso di studi e dal riconoscimento da parte delle istituzioni formative a ciò abilitate».

«Troviamo incomprensibile – conclude Nursing Up – l’avvenuta introduzione di norme che producono un grave impatto sul sistema professionale attraverso l’utilizzo di un siffatto espediente legislativo. Ci chiediamo in definitiva se non fosse stato meglio dedicare alla questione uno specifico provvedimento in cui dettagliare i destinatari e gli obiettivi sottesi, invece di creare un potenziale varco anche per taluni abusivi che, lo ribadiamo con le parole del documento, “non devono e non possono essere in alcun caso salvaguardati da Istituzioni e leggi dello Stato”».

LEGGI ANCHE: DEROGA ISCRIZIONE ORDINI, LA BOCCIATURA DEI FISIOTERAPISTI. TAVARNELLI (AIFI): «SI RIAPRANO I PERCORSI DI EQUIVALENZA GIÀ PREVISTI DALLA LEGGE 42 DEL ’99»

Articoli correlati
Podologia. XXXII Congresso Aip, il presidente: «In Italia c’è ancora chi confonde il podologo con l’estetista»
Ponti (Aip): «Per la formazione raggiunti importanti traguardi. Approvati  tre master professionalizzanti in podologia dello sport, del piede diabetico e in onicopatia»
di Isabella Faggiano
Con 90 nuovi master nasce il professionista sanitario del futuro. Marcuccilli (ANTEL): «Sarà requisito essenziale per avanzamento di carriera»
È stato l’Osservatorio per le professioni sanitarie presso il Miur a stabilire i 90 nuovi corsi, che saranno a numero chiuso: circa 25 persone ciascuno. Il rappresentante dei Tecnici di laboratorio biomedico in seno all’Osservatorio: «I professionisti potranno acquisire le nuove competenze tenendo conto delle esigenze tecnologiche e di mercato»
Legge di Bilancio, Cittadini (Aiop): «Dai tetti di spesa delle Regioni alle iscrizioni agli albi delle professioni sanitarie, molte nostre ragioni accolte»
La presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata sottolinea: «Non è certamente la finanziaria che avremmo desiderato, ma ci sono diversi aspetti che testimoniano che l’impegno associativo non è stato vano». Sull’Ires al terzo settore: «Il Presidente Conte si è impegnato a cambiare questa norma»
Maxi Ordine professioni sanitarie, Laila Perciballi (Movimento Consumatori): «Strumento fondamentale per combattere abusivismo»
L’avvocato, volto noto in tv, sottolinea le potenzialità della legge Lorenzin: «Finalmente cittadini sanno come poter riconoscere un professionista». Sulle liste di attesa: «Sono migliaia le lamentele che arrivano ai nostri call center. Lesi principi costituzionali»
Master professioni sanitarie, Nursing Up: «No al limite del numero di posti»
«Apprendiamo dagli organi di stampa che l’Osservatorio nazionale per le professioni sanitarie ha definito, dopo sei anni di lavoro, i 90 master universitari specialistici destinati alle 22 professioni sanitarie, riorganizzando così un comparto che vede impegnati oltre 650mila operatori. Ma leggiamo che ci sarebbe anche la volontà di delineare ‘a monte’ gli ordinamenti dei nuovi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano