Politica 28 Dicembre 2018

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Una sanatoria dell’abusivismo professionale». È questo lo scenario che Mauro Tavarnelli, presidente Aifi, l’Associazione italiana fisioterapisti, immagina senza un correttivo urgente al comma 283 bis del maxiemendamento alla legge finanziaria. «Un gravissimo danno – ha aggiunto – per la salute dei cittadini e per i professionisti».

I fisioterapisti bocciano, dunque, senza riserva il provvedimento inserito nella legge di Bilancio che consentirà ai professionisti sanitari, che hanno lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni, di continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professioni sanitarie. Un’opposizione che si unisce a quella già dichiarata da altre categorie coinvolte: «La nostra posizione – ha spiegato il presidente Aifi – è la stessa espressa dal coordinamento nazionale delle professioni che, ieri, ha inviato una lettera aperta al ministro della Salute, Giulia Grillo, ed alla presidente della commissione Affari Sociali alla Camera, Marialucia Lorefice, per proporre un passo indietro su questo provvedimento che noi riteniamo assolutamente sbagliato e pericoloso».

LEGGI ANCHE: DEROGA ISCRIZIONE ORDINI, BEUX (TSRM e PSTRP): «CONDIVIDIAMO OBIETTIVI MA COSI’ SI RISCHIA SANATORIA. IN DECRETI ATTUATIVI SI PONGA RIMEDIO O FAREMO DA SOLI»

Ma non è tutto. Il provvedimento, oltre che rischioso, sarebbe anche inutile: per i fisioterapisti la soluzione è già disponibile da alcuni anni. «La legge 42 del ’99 – ha commentato Tavarnelli – già permetteva a tutti coloro che avevano dei titoli precedenti a quelli attualmente previsti per esercitare professioni sanitarie di accedere ai percorsi di equivalenza». Una strada che molti professionisti hanno già intrapreso con successo: «Attraverso la validazione dei titoli e la certificazione dell’anzianità di servizio, ben 1.700 persone con qualifiche non uguali ma riconducibili a quelle del fisioterapista – ha raccontato il presidente Aifi – sono stati riconosciuti, con decreto ministeriale nominativo, come professionisti equivalenti».

Un’alternativa che il presidente Tavarnelli assicura di aver proposto più volte alle Istituzioni: «Da diversi anni consigliamo di riaprire questo percorso a coloro che, per varie motivazioni, erano rimasti fuori dal precedente. Ma non siamo stati ascoltati ed ora ci ritroviamo a fare i conti con un emendamento fin troppo generico. Nessuno – ha assicurato – avrebbe perso il suo posto di lavoro». Secondo il presidente Aifi, infatti, questa soluzione avrebbe tagliato fuori solo gli abusivi, «ovvero – ha spiegato –  coloro che hanno titoli assolutamente non tracciabili oppure che hanno conseguito la qualifica dopo il 1999». Per chiarire la situazione di questa categoria di persone, secondo Tavarnelli sarebbe necessario rispondere ad un’importante domanda: «A quale titolo sono stati assunti?-  ha chiesto il presidente Aifi -. Non è possibile – ha spiegato – sanare la posizione di questi soggetti solo in virtù del fatto che “sono stati assunti”. Stiamo parlando di lavoratori che si occupano di salute pubblica e credo che nessuno si farebbe operare da una persona che ha fatto il medico per alcuni anni senza averne il titolo previsto».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, SCONTRO SU DEROGA PER ISCRIZIONE A ORDINI. GRILLO: SALVIAMO POSTO A 20MILA OPERATORI». BEUX (TSRM-PSTRP): «NON ISCRIVEREMO ABUSIVI»

Intanto, c’è chi ripone le sue speranze di cambiamento nella stesura dei decreti attuativi, ma Tavarnelli anche su questo punto esprime alcune perplessità: «Non vorrei essere nei panni di chi dovrà fare il decreto attuativo, perché non capisco come sarà possibile attribuire dei titoli a coloro che finora hanno esercitato senza averne uno. I correttivi sono possibili e credo che possano essere messi in campo in tempi brevissimi, soprattutto a livello legislativo. Chiederemo con forza al Parlamento di attenersi a quanto già previsto dalla legge, riaprendo i percorsi di equivalenza e riconoscendo il ruolo dei professionisti attraverso la validazione dell’esperienza lavorativa e del titolo formativo». E senza un correttivo i rischi sarebbero enormi: «Si darebbe vita ad una sanatoria globale, creando – ha concluso Tavarnelli – una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute».

Articoli correlati
Formazione post-laurea, Grillo: «Sistema anacronistico»
Sulle 2090 borse in più necessarie per coprire il gap del sistema, il Ministro della Salute Giulia Grillom che ha partecipato all'assemblea Anaao Giovani Als, risponde senza mezzi termini: «Non arriveremo alla copertura totale. Ma bisogna rendere l'aumento strutturale»
Un medico su due ha subito aggressioni, Grillo e Anelli: «È emergenza, si approvi subito ddl anti-violenza»
Tra i temi affrontati dal ministro della Salute e dal presidente della FNOMCeO, anche il finanziamento del Fondo sanitario nazionale, le soluzioni alla carenza di medici ed il sistema della prescrizione dei farmaci
Sanità, Aifi festeggia 60 anni e guarda al futuro
L’AIFI, l’Associazione italiana fisioterapisti, compie 60 anni e ripercorre le tappe che l’hanno portata a rappresentare la categoria, a tutelare professionisti e cittadini e a proiettarsi verso i nuovi bisogni di salute della popolazione contribuendo alla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale. Oltretutto cambiando ancora ‘pelle’ a seguito della legge 24 del 2017 (legge Gelli) per […]
Al via la Commissione ECM, Tortorella: «Giusto premiare chi si forma. Puntiamo sui corsi a distanza»
La prima riunione alla presenza del Ministro Grillo. L’ad di Consulcesi Group, Andrea Tortorella commenta positivamente la direzione intrapresa dal Ministero: «Sì alle premialità, è una strada che noi sosteniamo ormai da oltre tre anni». E per aiutare i medici si punta alla formazione a distanza
Donazione di sangue, nel 2018 torna a crescere il numero dei donatori. Al via nuovo portale del ministero della Salute
«Dobbiamo tutti lavorare per sostenere e sviluppare il sistema sangue italiano, recentemente riconosciuto come un modello da seguire anche dall’Oms», ha affermato il Ministro della Salute Giulia Grillo. Il Friuli Venezia Giulia si conferma la regione con il maggior numero di donatori totali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato