Politica 28 Dicembre 2018 15:31

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»

di Isabella Faggiano
Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

«Una sanatoria dell’abusivismo professionale». È questo lo scenario che Mauro Tavarnelli, presidente Aifi, l’Associazione italiana fisioterapisti, immagina senza un correttivo urgente al comma 283 bis del maxiemendamento alla legge finanziaria. «Un gravissimo danno – ha aggiunto – per la salute dei cittadini e per i professionisti».

I fisioterapisti bocciano, dunque, senza riserva il provvedimento inserito nella legge di Bilancio che consentirà ai professionisti sanitari, che hanno lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni, di continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professioni sanitarie. Un’opposizione che si unisce a quella già dichiarata da altre categorie coinvolte: «La nostra posizione – ha spiegato il presidente Aifi – è la stessa espressa dal coordinamento nazionale delle professioni che, ieri, ha inviato una lettera aperta al ministro della Salute, Giulia Grillo, ed alla presidente della commissione Affari Sociali alla Camera, Marialucia Lorefice, per proporre un passo indietro su questo provvedimento che noi riteniamo assolutamente sbagliato e pericoloso».

LEGGI ANCHE: DEROGA ISCRIZIONE ORDINI, BEUX (TSRM e PSTRP): «CONDIVIDIAMO OBIETTIVI MA COSI’ SI RISCHIA SANATORIA. IN DECRETI ATTUATIVI SI PONGA RIMEDIO O FAREMO DA SOLI»

Ma non è tutto. Il provvedimento, oltre che rischioso, sarebbe anche inutile: per i fisioterapisti la soluzione è già disponibile da alcuni anni. «La legge 42 del ’99 – ha commentato Tavarnelli – già permetteva a tutti coloro che avevano dei titoli precedenti a quelli attualmente previsti per esercitare professioni sanitarie di accedere ai percorsi di equivalenza». Una strada che molti professionisti hanno già intrapreso con successo: «Attraverso la validazione dei titoli e la certificazione dell’anzianità di servizio, ben 1.700 persone con qualifiche non uguali ma riconducibili a quelle del fisioterapista – ha raccontato il presidente Aifi – sono stati riconosciuti, con decreto ministeriale nominativo, come professionisti equivalenti».

Un’alternativa che il presidente Tavarnelli assicura di aver proposto più volte alle Istituzioni: «Da diversi anni consigliamo di riaprire questo percorso a coloro che, per varie motivazioni, erano rimasti fuori dal precedente. Ma non siamo stati ascoltati ed ora ci ritroviamo a fare i conti con un emendamento fin troppo generico. Nessuno – ha assicurato – avrebbe perso il suo posto di lavoro». Secondo il presidente Aifi, infatti, questa soluzione avrebbe tagliato fuori solo gli abusivi, «ovvero – ha spiegato –  coloro che hanno titoli assolutamente non tracciabili oppure che hanno conseguito la qualifica dopo il 1999». Per chiarire la situazione di questa categoria di persone, secondo Tavarnelli sarebbe necessario rispondere ad un’importante domanda: «A quale titolo sono stati assunti?-  ha chiesto il presidente Aifi -. Non è possibile – ha spiegato – sanare la posizione di questi soggetti solo in virtù del fatto che “sono stati assunti”. Stiamo parlando di lavoratori che si occupano di salute pubblica e credo che nessuno si farebbe operare da una persona che ha fatto il medico per alcuni anni senza averne il titolo previsto».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, SCONTRO SU DEROGA PER ISCRIZIONE A ORDINI. GRILLO: SALVIAMO POSTO A 20MILA OPERATORI». BEUX (TSRM-PSTRP): «NON ISCRIVEREMO ABUSIVI»

Intanto, c’è chi ripone le sue speranze di cambiamento nella stesura dei decreti attuativi, ma Tavarnelli anche su questo punto esprime alcune perplessità: «Non vorrei essere nei panni di chi dovrà fare il decreto attuativo, perché non capisco come sarà possibile attribuire dei titoli a coloro che finora hanno esercitato senza averne uno. I correttivi sono possibili e credo che possano essere messi in campo in tempi brevissimi, soprattutto a livello legislativo. Chiederemo con forza al Parlamento di attenersi a quanto già previsto dalla legge, riaprendo i percorsi di equivalenza e riconoscendo il ruolo dei professionisti attraverso la validazione dell’esperienza lavorativa e del titolo formativo». E senza un correttivo i rischi sarebbero enormi: «Si darebbe vita ad una sanatoria globale, creando – ha concluso Tavarnelli – una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute».

Articoli correlati
Logopedia neonatale: così si passa dall’alimentazione artificiale alla naturale
Panizzolo (logopedista): «Imparare ad alimentarsi per via orale è uno dei criteri raccomandati per le dimissioni dalla Tin. Durante i follow-up periodici necessario il controllo logopedico per monitorare l’evoluzione cognitiva, comunicativa e linguistica del bambino»
di Isabella Faggiano
Elezioni Ordini professioni sanitarie, pubblicata in Gazzetta Ufficiale la proroga al 31 gennaio 2021
La durata degli ordini in carica viene inoltre prorogata fino alla proclamazione dei nuovi eletti e comunque non oltre la stessa data. Sono fatte salve ovviamente le elezioni degli ordini già effettuate al momento dell’entrata in vigore dell’ordinanza
Igienisti dentali, Abbinante (AIDI): «Siamo operatori ad altissimo rischio. Il vaccino anti-Covid sia garantito anche ai libero-professionisti»
«Molti studenti hanno scelto tesi per indagare l’effetto della pandemia sulla salute orale e sulle conseguenze che lo stress dell’emergenza ha avuto anche sul benessere degli igienisti dentali»
Medicina territoriale, anche i TFCPC pronti a giocare un ruolo. Scali: «Telemedicina e soccorso emergenziale, ecco cosa possiamo fare»
Il Presidente della Commissione d’Albo nazionale dei Tecnici di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare, Salvatore Scali, spiega gli ambiti in cui questo professionista può essere un protagonista della medicina territoriale. E chiarisce: «A volte si ha la percezione che in alcuni nostri ambiti siamo stati un po’ erosi e questo per noi è un grande problema»
Beux (Fno Tsrm e Pstrp): «Frammentazione e corporativismo mali della sanità. Federazioni non coinvolte sul vaccino»
Il Presidente del maxi Ordine delle professioni sanitarie traccia un bilancio del 2020. Positivo il ‘fronte interno’: «Abbiamo perfezionato l’architettura istituzionale anche assumendoci delle responsabilità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»