Politica 18 Aprile 2019

Decreto Calabria, Grillo: «Il commissariamento “alla vecchia maniera” non ha funzionato»

Previsto per oggi il Consiglio dei Ministri che per l’occasione si riunirà proprio a Reggio Calabria. Nominati commissario ad acta per la sanità e sub commissario l’ex generale Nas Cotticelli e il manager sanitario Thomas Schael

Immagine articolo

La sanità calabrese sarà rimossa dal controllo della Regione, lo prevede il decreto che dovrebbe essere approvato nelle prossime ore in Consiglio dei Ministri che per l’occasione si riunirà proprio a Reggio Calabria. Tutte le nomine passeranno per il commissario ad acta per la sanità e per il sub commissario nominati dal Governo, cioè l’ex generale Nas Cotticelli e il manager sanitario Thomas Schael.

I nuovi commissari «potranno nominare i vertici delle aziende sanitarie e ospedaliere mentre non potrà più farlo il governatore come previsto fino ad ora dalla legge sui commissariamenti – spiega il ministro della Salute Giulia Grillo pubblicando sui suoi canali social un’intervista rilasciata al quotidiano La Repubblica -. Inoltre imponiamo che tutti gli acquisti vengano fatti attraverso la Consip o altre Regioni che abbiano centrali uniche per gli acquisti».

LEGGI: CALABRIA, CIMO-FESMED PROPONE UN PATTO PER LA SANITÀ REGIONALE CON UNIVERSITÀ, ASSOCIAZIONI E SOCIETÀ CIVILE

Si tratta di un intervento straordinario, «perché negli ultimi dieci anni, quando i poteri straordinari erano in capo al presidente della Regione, la sanità calabrese è soltanto peggiorata – continua Grillo -. Il governatore ha sempre usato gli stessi manager, spostandoli nei vari incarichi. Il commissario deve poter scegliere i direttori Asl perché facciano pulizia contabile. Bisogna ricordare che nella Regione sono fallite tutte le aziende sanitarie tranne una».

Una scelta in controtendenza con il lavoro portato avanti sul regionalismo differenziato, ma riguardo alla possibilità che la misura venga estesa ad altre Regioni in difficoltà Grillo rassicura: «Nessuno è nelle stesse condizioni. Solo la Calabria merita un intervento straordinario. Tra l’altro si tratta di una realtà che arriva da 10 anni difficili, perché ad esempio il commissariamento “alla vecchia maniera” ha imposto blocchi di assunzioni che hanno ridotto il personale». Continua Grillo: «Non ci dimentichiamo che di straordinario in Calabria non c’è solo il peggioramento ma anche l’infiltrazione della criminalità organizzata, che ha portato a commissariare la più grande asp della Regione, quella di Reggio Calabria. Questo intervento dovrebbe rassicurare tutti coloro che vedono il regionalismo differenziato come un modo per lo Stato di abdicare al suo ruolo in tema di diritto alla salute. In realtà ci sono comunque strumenti per intervenire nelle Regioni in via straordinaria. Miriamo a interventi precoci e puntuali per gravare meno sull’autonomia della Regione».

Articoli correlati
Autonomia, il ministro Boccia: «Testo in pre-consiglio. Non inciderà sul Patto per la Salute»
Ad annunciarlo il ministro per gli affari regionali e le autonomie, Francesco Boccia ospite del convegno “Sanità e autonomia speciale in Sicilia” tenutosi a Palermo
Stop commissariamento per la Campania. Scotti: «Si apre una finestra d’opportunità, ora cambio di passo»
«Quella dell’imminente uscita della Campania dal Commissariamento è una notizia che chiunque lavori in sanità deve salutare con grande favore. Un risultato importante, pagato però a caro prezzo da chi è sul campo ogni giorno e che ora vuole giustamente vedere un concreto cambio di passo». Silvestro Scotti, presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli, commenta […]
Patto per la Salute, Icardi (Ass. Piemonte): «Respingeremo norma su commissariamenti»
Al Forum Risk Management di Firenze emerge l'insoddisfazione degli assessori verso l'ultima stesura del Patto per la Salute: «Sarebbe una sciagura per il paese non firmare il Patto entro il 31 dicembre» sottolinea l'assessore alla Sanità della Regione Piemonte
di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
Sanità del Lazio, Zingaretti annuncia l’uscita dal commissariamento: «A breve decreto del Cdm»
L'annuncio al termine del tavolo tecnico al ministero dell'Economia. Zingaretti: «Confermato un utile per il 2018 dei conti della sanità di oltre 6 milioni»
Approvato il Contratto nazionale per la dirigenza medica: 190 euro al mese in più e aumento tutele
Il Consiglio dei Ministri ha licenziato il Contratto collettivo nazionale per il triennio 2016/2018 per dirigenza medica, veterinaria, sanitaria, e dirigenti delle professioni sanitarie. L'accordo interesserà 130 mila dirigenti. Soddisfatti sindacati e associazioni di categoria. Leggi tutti i commenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano