Politica 8 Maggio 2019

Cybersecurity, l’allarme del Garante della Privacy: «Attacchi alla sanità cresciuti del 99%»

«La carente sicurezza dei dati e dei sistemi – ha rilevato Antonello Soro durante la sua relazione al Parlamento – che li ospitano può rappresentare una causa di malasanità». La soluzione potrebbe arrivare dall’utilizzo della Blockchain

Immagine articolo

Sanità sotto cyber-attacco, è l’allarme lanciato dal Garante della Privacy, Antonello Soro nel suo discorso di presentazione della Relazione al Parlamento. «Il 2018 è stato definito, dal Clusit, l’anno peggiore relativamente alla sicurezza cibernetica, così costantemente esposta a minacce da configurare una sorta di cyber-guerriglia permanente». Spiega Antonello Soro, le cui parole sono state raccolte da QuotidianoSanità.it.

«Se nel settore pubblico in generale gli attacchi sono cresciuti nell’ultimo anno del 41%, – continua il Garante – in ambito sanitario l’incremento ha toccato l’acme del 99% rispetto all’anno precedente, con effetti tanto più gravi che in altri settori perché l’alterazione dei dati sanitari può determinare – come abbiamo sottolineato anche rispetto al fascicolo sanitario elettronico – errori diagnostici o terapeutici».

L’allarme era già stato lanciato nei mesi scorsi dall’Associazione Italiana Ospedalità Privata: «Gli attacchi informatici di ogni tipo aumentano in modo considerevole ogni anno – spiegava Andrea Albanese, responsabile dell’Area IT di Aiop – e i dati a disposizione tengono conto solo di quelli che sono noti o particolarmente gravi. Ad esempio, l’aumento rispetto all’anno precedente è dell’ordine del 36%, secondo i dati presentati la scorsa settimana dal Dipartimento di Informatica dell’Università di Milano».

LEGGI: CYBERSECURITY, ALBANESE (AIOP): «IN UN ANNO + 36% DI ATTACCHI INFORMATICI. NEL MIRINO ANCHE ASL E OSPEDALI». E PER LA SICUREZZA DEI DATI SI GUARDA ALLA BLOCKCHAIN

«La carente sicurezza dei dati e dei sistemi – ha rilevato Soro durante la sua relazione al Parlamento – che li ospitano può rappresentare, in altri termini, una causa di malasanità. O, come nel caso di cui ci siamo occupati, degli embrioni scambiati, la violazione delle regole essenziali di protezione dati può avere effetti deleteri nei processi medici, tanto più gravi ove quei processi incidano su aspetti qualificanti l’esistenza individuale: la nascita, la morte, la genitorialità. Specularmente, la protezione dei dati è un fattore determinante di efficienza sanitaria, funzionale anche alla correttezza del processo analitico fondato su big data. Dall’esattezza dei dati utilizzati nel processo algoritmico dipende, infatti, l’“intelligenza” delle loro scelte, che tanto più in ambito diagnostico non possono tollerare errori».

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN E SANITÀ, MONTIGIANI (JSB SOLUTION): «GRANDI VANTAGGI PER I CITTADINI/PAZIENTI, PROTOCOLLI E PRESCRIZIONI SARANNO ‘TRACCIATI’»

La soluzione potrebbe arrivare dall’utilizzo della Blockchain. Nel settore sanitario la Blockchain può diventare uno strumento molto utile sotto vari punti di vista. I principali sono quelli della corretta applicazione dei protocolli terapeutici e dei dispositivi medici e – prospettiva fondamentale – della trasmissione sicura dei dati sensibili. In questo secondo caso, ad esempio, il protocollo permetterebbe la condivisione in tempo reale di informazioni sanitarie tra medico e paziente. Non solo. Alcuni dei suoi possibili utilizzi potrebbero essere anche quelli di verificare l’identità digitale del paziente, tenere traccia della cronologia delle prescrizioni mediche, delle somministrazioni di farmaci e della relativa assunzione delle terapie. Il tutto avverrebbe in maniera anonima e sicura. Ne è convinto Jacopo Montigiani, General manager di JSB Solution che, durante il Wired Health 2019 svoltosi a Milano lo scorso marzo, precisava: «Ogni qual volta c’è bisogno di garantire che un bene di qualsiasi tipo debba essere tracciato, la Blockchain può gestirlo. Si tratta di un approccio anglosassone che noi in Italia non siamo abituati ad avere, ma che dovremmo mettere sempre più in pratica per arrivare al risultato».

Articoli correlati
Blockchain, Pacini (Consulcesi TECH): «Al via con Link Campus University il primo master MBA per le applicazioni nella sanità»
Il corso, MBA di primo livello, è stato presentato durante la Blockchain Week a Roma, la kermesse della tecnologia bitcoin, organizzata da Blockchain Management SL presso l’hotel Mercure Roma West
Marco Camisani Calzolari spiega la blockchain in Sanità: «Renderà tutto molto più trasparente»
A Milano il convegno “Responsabilità professionale e arbitrato della salute” è stata l'occasione per presentare tutte le potenzialità in campo sanitario della nuova tecnologia
Blockchain, Liberatore (IQVIA): «Ogni campo della sanità può essere ingegnerizzato»
All’evento “Futuro. Direzione Nord” il colosso mondiale IQVIA ha presentato la sua collaborazione con Consulcesi Tech su survey, ricerca e formazione dei medici. Liberatore: «Ora è possibile verificare se il medico ha svolto il suo aggiornamento»
Blockchain e diritti, a Milano la nuova tecnologia che misura la “patient satisfaction” per ridurre i contenziosi
Permette di raccogliere in tempo reale le opinioni di pazienti sulle cure ricevute nelle strutture sanitarie e negli studi medici. Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «Cambierà completamente il paradigma nel mondo sanitario»
Filiera del farmaco, Mandelli (FOFI): «Vigilanza e collaborazione con i Nas per la lotta ai farmaci contraffatti. Ma ben venga la blockchain»
Il Presidente della Federazione Ordini farmacisti Italiani sottolinea: «La nostra filiera è sicura ma tenere alta la guardia è la maniera migliore per evitare problemi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...