Politica 26 Maggio 2020 14:58

Coronavirus, minacce a Sileri: viceministro della Salute sotto scorta

«Ho sentito una volta una persona che ha detto più si sale in vetta e più tira forte il vento. Penso sia nostro dovere dare il massimo e aumentano i rischi». Lo ha affermato il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ospite di ‘In viva voce’ su Radiouno Rai, commentando la decisione di assegnargli una scorta […]

«Ho sentito una volta una persona che ha detto più si sale in vetta e più tira forte il vento. Penso sia nostro dovere dare il massimo e aumentano i rischi». Lo ha affermato il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ospite di ‘In viva voce’ su Radiouno Rai, commentando la decisione di assegnargli una scorta in seguito alle pressioni per tentativi di corruzione e minacce in relazione alla sua attività politica e, in particolare, alla destinazione dei fondi pubblici per l’emergenza coronavirus.

«Massima vicinanza al viceministro Pierpaolo Sileri per le minacce ricevute – ha scritto in un tweet il ministro degli Esteri Luigi Di Maio –. Pierpaolo oltre a essere un grande professionista è anche una persona corretta, genuina, con la schiena dritta. Avanti così, siamo tutti con te, hai il nostro sostegno. Non ci facciamo intimidire da nessuno».

«La mia più sincera solidarietà e vicinanza al viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, costretto a muoversi sotto scorta dopo le minacce ricevute sulla destinazione di fondi per l’emergenza Covid-19. Pierpaolo, e con lui tutto il Movimento 5 Stelle, non si fanno intimidire. Avanti così», è invece il messaggio di vicinanza di Vito Crimi, viceministro dell’Interno e capo politico del M5S.

«Vorrei esprimere, a nome mio personale e di tutto il Comitato Centrale Fnomceo, la nostra vicinanza al Viceministro della Salute e collega Pierpaolo Sileri – scrive in una nota il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici Filippo Anelli -. Siamo fieri che non abbia voluto cedere ad indebite pressioni, nel rispetto delle Leggi e del codice di Deontologia Medica. È intollerabile che un medico, un Viceministro debba temere per la sua incolumità, e veder limitata la libertà personale e inficiata la serenità sua e della famiglia solo per aver voluto adempiere ai propri doveri. È una forma di violenza subdola e odiosa, che non è compiuta solo contro il medico, contro l’Istituzione, ma contro il principio stesso di legalità che informa il nostro ordinamento e la nostra professione».

«Esprimo a nome degli infermieri iscritti agli ordini professionali la massima vicinanza e comprensione al viceministro della Salute Pierpaolo Sileri», il messaggio della presidente della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI), Barbara Mangiacavalli. «Il viceministro – aggiunge – è persona ferma e decisa come ha sempre dimostrato e professionista di elevata moralità ed etica al punto che appare assurdo e ignobile un tentativo di questa rilevanza nei suoi confronti. Cercare di fare pressioni e di immaginare atti per sfruttare una vicenda simile – sottolinea Mangiacavalli – non ha termini che possano definire la grettezza e la disumanità di chi li compie che, ci auguriamo, sarà presto difronte a una giustizia tanto equa quanto pesante».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

 

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 29 novembre, sono 261.519.267 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.200.271 i decessi. Ad oggi, oltre 7,6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (28 novembre): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
Ecm, sanzioni e via l’Iva sui corsi
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
ECM, Colombati (Formazione nella sanità): «Bene impegno di Sileri e FNOMCeO su formazione»
Colombati non si sofferma sul richiamo a controlli e sanzioni preannunciati dal 2022 per chi non sarà in regola con gli obblighi formativi, ma evidenza il ruolo strategico affidato alla formazione per tutti i professionisti sanitari
SARS-CoV-2, Clerici (Uni Milano): «Evolve in modo non favorevole. Vaccino unica arma che abbiamo»
Una ricerca dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di Milano ha preso in esame più di 800 mila sequenze di SARS-CoV-2
di Federica Bosco
Malattie rare, UNIAMO presenta VII Rapporto MonitoRare
Sileri: «Nuovo Piano nazionale subito dopo l’estate. Al momento è in fase di revisione, per renderlo più snello. Il suo aggiornamento, ogni tre anni, sia azione di routine, normalità, con meno parole e molti più fatti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 29 novembre, sono 261.519.267 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.200.271 i decessi. Ad oggi, oltre 7,6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano