Politica 16 Marzo 2020 16:11

Coronavirus, l’ex ministro Fazio: «Per l’H1N1 pensammo di chiudere le scuole, ma la pandemia fu molto diversa»

L’ex titolare della Salute, all’epoca dell’influenza suina Vice Ministro della Salute, racconta le differenze tra l’attuale emergenza e quella di allora. Poi dà la sua ricetta per salvare il Sistema sanitario pubblico: «Unica strada è modulare i ticket in base al reddito»

Coronavirus, l’ex ministro Fazio: «Per l’H1N1 pensammo di chiudere le scuole, ma la pandemia fu molto diversa»

Correva l’anno 2009. A minacciare il mondo, in quella circostanza, era il virus A/H1N1, la cosiddetta influenza suina. Quando il virus esplose nel mondo, l’OMS non esitò nel mese di giugno a dichiarare la pandemia mondiale. All’epoca il Ministero della Salute era accorpato a Welfare e Politiche Sociali (titolare Maurizio Sacconi), ma ad affrontare l’emergenza per l’Italia c’era il Vice Ministro alla Salute Ferruccio Fazio, medico nucleare e pioniere in Italia nell’utilizzo della PET (Tomografia ad Emissione di Positroni) per attività clinica e di ricerca. Oggi Fazio è sindaco di Garessio, comune in provincia di Cuneo che gli ha dato i natali. Il parallelo tra l’attuale epidemia di coronavirus e quella di allora è inevitabile, anche se molte sono le differenze. «Vi sono differenze significative con l’emergenza H1N1 – spiega a Sanità Informazione -. Anche allora pensammo all’ipotesi di chiudere le scuole ma poi non ve ne fu bisogno. Però fu diverso rispetto ad oggi per ben tre motivi: l’epidemia arrivò d’estate, il virus era meno contagioso e c’era già un vaccino. E non sono differenze da poco».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ESPOSITO (WAIDID): «PER FERMARE L’EPIDEMIA NECESSARI TAMPONI A TUTTI I SINTOMATICI, FAMILIARI E OPERATORI SANITARI»

Anche allora fu una sfida non facile per il Sistema sanitario nazionale: fu attivata un’unità di crisi, fu predisposto l’isolamento dei casi sospetti, si dovette procedere alla vaccinazione di massa. Certo, con una mortalità stimata dello 0,4 per mille, cioè inferiore all’influenza stagionale, faceva meno paura del COVID-19. Ma fu comunque una sfida organizzativa per il nostro Sistema sanitario. «Il nostro Sistema sanitario è preparato per affrontare questa emergenza – sottolinea Fazio -. Naturalmente, se aumenteranno i casi il problema sarà trovare ulteriori posti in terapia intensiva. Dopo qualche incertezza iniziale del governo, le ultime misure mi sembra che vadano nella direzione giusta».

Fazio, diventato poi Ministro della Salute nel dicembre 2009, interviene anche sulla polemica sui tagli al Sistema sanitario nazionale, che nell’ultimo decennio hanno portato a un taglio di ospedali, posti letto e personale. «C’è un solo modo per salvare il Sistema sanitario e consentire la sua sostenibilità – sostiene Fazio – ed è quello di aumentare il contributo delle classi più abbienti modulando i ticket in base al reddito. Noi stavamo cominciando a farlo».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (17 maggio): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
Cittadinanzattiva, un piano per il futuro dell’oncologia. Da recupero ritardi a innovazione
È stato presentato questa mattina il documento "Insieme per l'oncologia del futuro" realizzato da Cittadinanzattiva. Nel documento vengono definite sia azioni e iniziative incentrate sulla persona da intraprendere nell'immediato, sia strategie che mirano a modificare entro il 2030 l’approccio all'oncologia su quattro macroaree: prevenzione, innovazione, equità e qualità di vita.
Carenza di infermieri, Costa promette: «Allineeremo offerta formativa a fabbisogno»
Il sottosegretario alla Salute: «L'infermiere di famiglia e comunità sarà una delle figure professionali di riferimento che assicurerà l'assistenza infermieristica ai diversi livelli di complessità in collaborazione con tutti i professionisti presenti nella comunità»
SARS-CoV-2, Clerici (Uni Milano): «Evolve in modo non favorevole. Vaccino unica arma che abbiamo»
Una ricerca dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di Milano ha preso in esame più di 800 mila sequenze di SARS-CoV-2
di Federica Bosco
Ministero: «I sanitari non vaccinati non possono esercitare in alcun modo la professione»
La circolare del Ministero della Salute alle Federazioni degli Ordini: «La sospensione é tout court, e non limitata alle attività a contatto con le persone. Eventuali ricorsi alla Commissione Centrale per gli Esercenti le Professioni Sanitarie non hanno effetti impeditivi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...