Politica 16 Marzo 2020

Coronavirus, l’ex ministro Fazio: «Per l’H1N1 pensammo di chiudere le scuole, ma la pandemia fu molto diversa»

L’ex titolare della Salute, all’epoca dell’influenza suina Vice Ministro della Salute, racconta le differenze tra l’attuale emergenza e quella di allora. Poi dà la sua ricetta per salvare il Sistema sanitario pubblico: «Unica strada è modulare i ticket in base al reddito»

Coronavirus, l’ex ministro Fazio: «Per l’H1N1 pensammo di chiudere le scuole, ma la pandemia fu molto diversa»

Correva l’anno 2009. A minacciare il mondo, in quella circostanza, era il virus A/H1N1, la cosiddetta influenza suina. Quando il virus esplose nel mondo, l’OMS non esitò nel mese di giugno a dichiarare la pandemia mondiale. All’epoca il Ministero della Salute era accorpato a Welfare e Politiche Sociali (titolare Maurizio Sacconi), ma ad affrontare l’emergenza per l’Italia c’era il Vice Ministro alla Salute Ferruccio Fazio, medico nucleare e pioniere in Italia nell’utilizzo della PET (Tomografia ad Emissione di Positroni) per attività clinica e di ricerca. Oggi Fazio è sindaco di Garessio, comune in provincia di Cuneo che gli ha dato i natali. Il parallelo tra l’attuale epidemia di coronavirus e quella di allora è inevitabile, anche se molte sono le differenze. «Vi sono differenze significative con l’emergenza H1N1 – spiega a Sanità Informazione -. Anche allora pensammo all’ipotesi di chiudere le scuole ma poi non ve ne fu bisogno. Però fu diverso rispetto ad oggi per ben tre motivi: l’epidemia arrivò d’estate, il virus era meno contagioso e c’era già un vaccino. E non sono differenze da poco».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ESPOSITO (WAIDID): «PER FERMARE L’EPIDEMIA NECESSARI TAMPONI A TUTTI I SINTOMATICI, FAMILIARI E OPERATORI SANITARI»

Anche allora fu una sfida non facile per il Sistema sanitario nazionale: fu attivata un’unità di crisi, fu predisposto l’isolamento dei casi sospetti, si dovette procedere alla vaccinazione di massa. Certo, con una mortalità stimata dello 0,4 per mille, cioè inferiore all’influenza stagionale, faceva meno paura del COVID-19. Ma fu comunque una sfida organizzativa per il nostro Sistema sanitario. «Il nostro Sistema sanitario è preparato per affrontare questa emergenza – sottolinea Fazio -. Naturalmente, se aumenteranno i casi il problema sarà trovare ulteriori posti in terapia intensiva. Dopo qualche incertezza iniziale del governo, le ultime misure mi sembra che vadano nella direzione giusta».

Fazio, diventato poi Ministro della Salute nel dicembre 2009, interviene anche sulla polemica sui tagli al Sistema sanitario nazionale, che nell’ultimo decennio hanno portato a un taglio di ospedali, posti letto e personale. «C’è un solo modo per salvare il Sistema sanitario e consentire la sua sostenibilità – sostiene Fazio – ed è quello di aumentare il contributo delle classi più abbienti modulando i ticket in base al reddito. Noi stavamo cominciando a farlo».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
In Italia Rt a 1.18. Brusaferro: «Valori scendono, ma situazione ancora critica»
«Gli indici dei posti letto e delle terapie intensive non sono positivi. Gli ospedali saranno in sofferenza ancora per settimane», chiarisce Gianni Rezza direttore generale Prevenzione del Ministero della Salute
Controlli Nas, su 232 ispezioni irregolarità in 37 strutture per anziani
Sono 37 le strutture in cui i carabinieri del Nas hanno individuato delle criticità nelle 232 ispezioni effettuate. Gli episodi più gravi a Trapani, Catania e Bologna. Ringraziamenti dal ministro Speranza
Covid-19, il direttore del Lancet: «Uk e Italia peggiori della classe in Europa. Stupisce il silenzio assoluto dell’OMS»
Richard Horton al Festival della Salute Globale: «Il Covid ha tirato fuori anche il meglio di noi medici»
di Tommaso Caldarelli
Sono un contatto stretto di un positivo, per quanto tempo devo stare in quarantena?
Sono un contatto stretto di un positivo, per quanto tempo devo stare in quarantena? Il Ministero della Salute lo specifica attraverso la circolare emanata lo scorso 12 ottobre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli