Politica 24 Aprile 2019

Carenza medici, la Toscana apre ai neolaureati nei pronto soccorso. Scoppia la polemica

«Stiamo assistendo alla nascita di una Sanità low cost» ha commentato Carlo Palermo, segretario Anaao Assomed. Duro anche il presidente FNOMCeO Filippo Anelli: «Le misure-tampone sono contro ogni logica». Ad intervenire anche il sindacato degli infermieri Nursid

Immagine articolo

Medici neolaureati per sopperire alla carenza di camici bianchi nei pronto soccorso della Toscana, è il provvedimento licenziato dalla Giunta regionale che nelle ultime ore ha sollevato le polemiche degli addetti ai lavori.

Due le delibere presentate dall’assessore al Diritto alla Salute, Stefania Saccardi, e approvate dalla Giunta: una riguarda il “reperimento di personale medico per il sistema di emergenza urgenza regionale”, l’altra “provvedimenti per il riconoscimento del valore dell’impegno del personale attualmente impegnato nei pronto soccorso regionali in relazione alle attuali carenze di organico”. La misura straordinaria, fa sapere la Regione Toscana, prevede l’assunzione di laureati in Medicina ancora privi di specializzazione, da formare e assumere con contratti libero professionali-formazione lavoro, nei pronto soccorso in affanno per «grave sofferenza di organico, sia per i medici sia per gli infermieri».

LEGGI: MEDICI STRANIERI IN CORSIA, LEONI (CIMO VENETO): «DIFFICILE CHE ACCETTINO QUESTE CONDIZIONI ECONOMICHE. PREFERISCONO ALTRI PAESI»

«Non si fa altro che creare precariato», duro il commento del segretario nazionale dell’Associazione medici e dirigenti del Servizio sanitario nazionale Anaao Assomed, Carlo Palermo. «Un giovane laureato in Medicina senza specializzazione assunto in pronto soccorso con contratto libero professionale avrà scarsa protezione contrattuale, nessuna copertura previdenziale e dovrà pagarsi da solo l’assicurazione. I rischi sono tutti a suo carico. Le Regioni si stanno muovendo al risparmio. Stiamo assistendo alla nascita di una Sanità low cost».

«Le misure-tampone sono contro ogni logica», fa eco Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici. «Anziché risolvere i problemi, li alimentano ampliando il problema dei ‘camici grigi’, medici tappabuchi senza prospettive». Raggiunta telefonicamente attraverso il suo staff, l’assessore al Diritto alla Salute, Stefania Saccardi ha deciso di non replicare.

In Toscana il numero di accessi al pronto soccorso è in costante aumento, e nel 2018 gli accessi complessivamente registrati a livello regionale sono stati oltre 1.500.000. In attesa di adottare strategie efficaci in grado di ridurre la quota di accessi impropri, con valide risposte alternative a livello territoriale, con queste due delibere la Regione vuole intanto intervenire sul personale.

AGGIORNAMENTO – INTERVENGONO GLI INFERMIERI

«La Regione Toscana riconosca pari dignità ai lavoratori del pronto soccorso: il personale infermieristico lavora sotto organico, con stress correlato, al pari dei medici, ai quali viene oggi riconosciuto 1 milione di valorizzazione economica, sorta di premio di produttività a compensazione dei disagi subiti». È l’attacco di Giampaolo Giannoni, coordinatore regionale Nursind, sindacato autonomo degli infermieri, a seguito della delibera adottata dal direttore generale dell’Asl Toscana Centro, Paolo Marchese Morello. «Ci aspetteremmo uguale trattamento dall’azienda sanitaria- sottolinea Giannoni- nei confronti di tutti coloro che sostengono il sistema» dell’emergenza-urgenza.

Il coordinatore toscano di Nursind lamenta uno scarso impegno della Regione anche dal punto di vista organizzativo: «Oggi si riconosce il super lavoro condotto in pronto soccorso, ma da tempo ci sono procedure in grado di snellire le code in ospedale, che attendono di essere attivate. Ad esempio il ‘see & treat’, un procedimento che consente agli infermieri di trattare una vasta gamma di casi dall’accettazione fino alle dimissioni, senza l’intervento del medico». Delibere della Regione in tal senso già esisterebbero, gli infermieri sono già stati formati, tuttavia, accusa ancora Giannoni, «manca la delibera per attivare questa procedura». Il miglioramento del sistema, inoltre, per Nursind deve passare anche dall’istituzione della figura dell’infermiere di famiglia, attualmente in fase sperimentale. Nursind fa sapere di essere pronto ad usare ogni strumento a disposizione per far valere la pari dignità dei diritti degli infermieri: «Auspichiamo che la Regione Toscana provveda a finanziare un analogo provvedimento da destinare agli infermieri che operano nei Pronto Soccorso di tutto il territorio».

 

Articoli correlati
Milano, arriva il nuovo Pronto soccorso al San Paolo: tecnologia e riservatezza per migliorare la gestione del paziente
«Le aree nuove ci aiuteranno a garantire una migliore sistemazione per i pazienti che, una volta destinati ad un’area, saranno assistiti senza essere spostati da un luogo ad un altro», spiega il direttore Marco Gardinali. Nel 2018 oltre 78mila accessi alla struttura
di Federica Bosco
Quota 100, nelle Pa oltre 2mila domande di pensionamento. Anaao: «Sostituiamo i medici che vanno via sfruttando il Decreto Calabria»
Secondo i dati del sindacato Anaao Assomed, potenzialmente con Quota 100 possono chiedere di andare in pensione tutti i dirigenti medici del Servizio sanitario nazionale (Ssn) nati tra il 1954 e il 1959: sei classi che corrispondono a 38 mila camici bianchi su 105 mila
Napoli, aggredita dottoressa al San Giovanni Bosco. Da Anelli a Scotti, il mondo medico chiede misure urgenti
Il chirurgo ha riportato un trauma facciale e la rottura del naso. Il Presidente della FNOMCeO: «Serve una legge che aumenti le pene e introduca la procedibilità d'ufficio, oltre a rendere le sedi più sicure»
Crisi di governo, la preoccupazione di Anelli (FNOMCeO): «Ddl aggressioni sarà rallentato nonostante nostre sollecitazioni»
Il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri traccia un bilancio dell’operato del ministro Grillo: «Con lei siamo riusciti a mettere a fuoco molte delle problematiche che avevamo sollecitato. Ora se ci sarà un cambio al dicastero dovremmo ricominciare da capo»
«L’Italia non è un Paese attraente in cui lavorare», l’articolo su Lancet che “bacchetta” sindacati e politica
La situazione dei camici bianchi italiani 'guadagna' le pagine della rivista 'Lancet', in un articolo dal titolo 'Health worker gap in Italy, the untold truth', firmato da Luca La Colla del dipartimento di Anestesiologia della Duke University
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone