Politica 25 Febbraio 2019 16:13

Autonomia differenziata, Mangiacavalli (FNOPI): «Disposti a ragionare con dati alla mano, ma professionisti siano coinvolti»

La presidente degli infermieri sulla carenza di personale: «Rapporto ideale è un infermiere ogni 6 assistiti, ma nelle regioni in difficoltà si arriva a uno ogni 18. Così aumenta mortalità pazienti»

Barbara Mangiacavalli rappresenta il numero maggiore di professionisti della salute: sono infatti 450mila gli infermieri e gli infermieri pediatrici iscritti alla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI), di cui è presidente. Non poteva mancare il suo contributo, quindi, alla prima assemblea nazionale di tutte le professioni sanitarie e sociali.

«Gli infermieri sono ovunque ci sia un bisogno di salute, e riteniamo di essere coloro che interpretano al meglio le istanze dei cittadini, che chiedono appropriatezza, qualità e competenza – sostiene la presidente FNOPI -. Per questo siamo disposti a ragionare di qualunque innovazione e modifica dell’attuale assetto sanitario, ma solo con dati ed elementi oggettivi alla mano».

LEGGI ANCHE: AUTONOMIA DIFFERENZIATA, ANELLI (FNOMCeO): «NECESSARIO PONDERARE SCELTE E VERIFICARE CONSEGUENZE CON PROFESSIONISTI SALUTE»

La sua non è una chiusura totale all’autonomia differenziata, quindi: «Ritengo che avvicinare la salute ai cittadini non sia una cosa negativa – spiega – ma prima di dar vita ad un progetto tanto importante è necessario coinvolgere tutte le professioni, alleate tra loro come lo sono in questa assemblea».

Mangiacavalli accende poi i riflettori sulla carenza di personale infermieristico, che «aumenta le condizioni di disagio dei professionisti e mette a rischio la sicurezza dei pazienti. Secondo gli studi internazionali – continua – il rapporto ideale tra infermieri e assistiti è di uno a sei. Se questo rapporto viene modificato, tendenzialmente aumenta la mortalità dei pazienti. In Italia nelle regioni più virtuose è di uno a otto, ma nelle regioni in difficoltà si arriva anche ad un infermiere ogni diciotto assistiti. Penso che un Paese con un Servizio sanitario nazionale come il nostro – conclude la presidente FNOPI – non possa permettersi queste differenze per i nostri cittadini».

GUARDA L’INTERVISTA INTEGRALE

Articoli correlati
Pandemia e non solo: firmato protocollo d’intesa FNOPI-CNOAS
Oggi a Roma sottoscritta l'intesa tra la Federazione degli Infermieri e l’Ordine degli Assistenti Sociali
Infermieri, Mangiacavalli (FNOPI): «Carenza di personale non è solo questione di quantità, ma anche di qualità»
Mancano 63mila professionisti. La presidente della Federazione: «Il 60% degli infermieri neolaureati vorrebbe accedere ad un percorso magistrale che offra una specializzazione in ambito clinico. Garantirgliela è nostro dovere»
di Isabella Faggiano
Riparte il confronto Fnopi-Regioni: «Aumentare gli infermieri nel corpo docente delle università»
Le Regioni hanno accolto le proposte della Federazione: fabbisogno formativo, specializzazioni e contratto i temi discussi
Cure domiciliari, richiesta di FNOPI: «Infermiere sia protagonista in autonomia»
FNOPI chiede alle Regioni di non prendere decisioni senza aver prima concordato tutto. In una lettera alle istituzioni Mangiacavalli ricorda come nelle cure a casa la figura infermieristica sia presente il triplo delle altre
«Precariato infermieri, dati allarmanti. In 6 anni persi 100mila posti di lavoro». L’indagine Nursing Up
Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up, commenta il «desolante quadro» emerso dallo studio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco