Politica 9 Dicembre 2014 18:47

Aperto il triennio CEOM a guida italiana: l’Europa affronta i problemi della sanità

Primo appuntamento a Roma: la demografia medica tra i temi più dibattuti. Le interviste a Monique Gautchey e Patrick Romestaing

Aperto il triennio CEOM a guida italiana: l’Europa affronta i problemi della sanità

Medici a confronto a Roma, lo scorso fine settimana, sulle principali criticità della loro professione. Ma è stato solo il primo atto di un lavoro che si articolerà nel triennio a guida italiana del CEOM, il Consiglio Europei degli Ordini dei Medici.

Il presidente Nicolino D’Autilia ha posto l’attenzione subito su Rc professionale, formazione, nuove tecnologie e demografia medica. Proprio su quest’ultimo punto si è acceso un dibattito ricco di spunti, con una lunga serie di interventi a testimonianza di quanto la problematica sia sentita dai professionisti della sanità.

In modo particolare sulla questione si sono spesi a lungo i rappresentanti del CEOM di Svizzera e Francia, Paesi in cui quella che viene definita la migrazione dei medici, sta suscitando particolare interesse. “Nel nostro Paese si avverte la mancanza di medici  – ha affermato  Monique Gautchey, membro del comitato centrale dei medici svizzeri – e, nonostante ne arrivino molti da altri Stati, questo non è del tutto sufficiente a colmare il gap ”. La dottoressa ha indicato anche delle possibili soluzioni per continuare ad assicurare  alla popolazione un’assistenza sicura e affidabile. “Sarebbe necessario – ha aggiunto – formare più medici in Svizzera oppure creare delle alternative, trovare degli specialisti che possano ottimizzare il lavoro, attraverso una migliore suddivisione dei compiti”.

Altro significativo intervento nel corso della riunione che ha inaugurato il nuovo corso del CEOM a guida italiana è stato quello del dottor Patrick Romestaing, membro del direttivo nazionale dell’ordine francese e anche segretario del Consiglio Europeo degli Ordini dei Medici, di cui fa parte dallo scorso triennio. Partendo dall’analisi dei dati degli ultimi anni, ha dimostrato quanto il fenomeno sia in costante crescita, giudicando “positivo lo scambio tra medici di diversi Paesi” ma ha evidenziato la necessità di trovare il giusto equilibrio “onde evitare che si determini una carenza dell’assistenza e della cura ai pazienti”. Romestaing ha ricordato che la questione coinvolge anche il personale sanitario non medico, come infermieri e ostetriche. “Ci sono tante tipologie di lavoratori coinvolti – ha chiuso – ed è determinante che proprio l‘organismo che rappresentiamo riesca a calamitare l’attenzione delle Istituzioni”.

E non è certo un caso che tra gli obiettivi che si è posto il presidente Nicolino D’Autilia, immediatamente subito la sua elezione, c’era quello di far diventare il CEOM un interlocutore ufficiale della Commissione europea.

Articoli correlati
Il futuro della ricerca passa per le nanotecnologie. La storia di Angelo Accardo, cervello in fuga
Il professor Angelo Accardo, “nanotecnologo” della Delft University of Technology (TU Delft) in Olanda e cervello in fuga, lavora alla creazione di micro-ambienti cellulari ingegnerizzati che tentano di imitare il tessuto cerebrale umano. Tali microstrutture biomimetiche possono portare a importanti sviluppi nel campo delle malattie del neurosviluppo e dei tumori del cervello
di Francesco Torre
Pandemia, Green pass, no vax, informazione e formazione ECM, a che punto siamo in Europa
Intervista a Nicolino D’Autilia (Vicepresidente Ceom): «Italia messa molto meglio di altre nazioni nel contrasto al Covid-19». I no vax? «Da noi sono pochi in confronto agli altri Paesi». E sulla formazione ECM: «La forma mentis che non fa sfruttare la FAD sta cambiando»
Il 12 marzo è la giornata contro le aggressioni ai medici, D’Autilia (CEOM): «Episodi di violenza in aumento in tutta Europa»
Il vicepresidente del Consiglio degli Ordini dei Medici Europei spiega a Sanità Informazione quali sono le differenze (turni di lavoro, stipendi, formazione continua) tra la classe medica italiana e quella del resto del vecchio continente. E il quadro che ne esce non è dei migliori…
Francesco Wirz, l’italiano che ha operato l’uomo dai tre volti: «In Francia fiducia ai giovani, così si formano i chirurghi»
«Ho fatto tutto quello che, chirurgicamente, avrei potuto fare nella mia vita, ma non mi sento un vincente, perché ho dovuto lasciare il mio Paese. I giovani devono andare all’estero per scelta, non perché sono obbligati»
Sanità internazionale
Restare o partire? Il dubbio dei giovani medici...
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...