Politica 7 Maggio 2019

Antibiotico-resistenza, Colletti (M5S): «Serve commissione d’inchiesta». E chiede una sanità più «centralizzata»

Il presidente del Collegio di Appello alla Camera: «Ho proposto una commissione d’inchiesta per valutare le best practice dei Sistemi Sanitari Nazionale e Regionale, con particolare attenzione all’antibiotico-resistenza, uno dei principali problemi attuali e futuri della Sanità italiana»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Sono circa 530mila i pazienti ricoverati che, ogni anno, contraggono un’infezione ospedaliera, pari al 6% del totale. Per le stesse cause, secondo recenti studi condotti in Svezia e Germania, i tempi medi di degenza possono aumentare fino a 12 giorni.

«L’antibiotico-resistenza e le infezioni in ambito nosocomiale sono uno dei problemi attuali e futuri della sanità italiana – spiega Andrea Colletti, deputato M5S e presidente del Collegio di Appello della Camera dei Deputati, avvocato ed esperto di responsabilità medico-sanitaria -. Ogni anno, le persone contaminate o infettate in ambito ospedaliero variano dalle 500 alle 800mila unità». Numeri che hanno spinto il deputato del M5S a proporre una commissione d’inchiesta per valutare le best practice dei Sistemi Sanitari Nazionale e Regionale, con particolare attenzione all’antibiotico-resistenza, per verificare se questa è responsabile di decessi ospedalieri, oltre che di un aumento dei tempi di degenza.

«Attualmente – aggiunge Colletti – la mia proposta è in discussione presso la commissione Affari Sociali. Per cominciare, sarebbe necessario interrogarsi su qual è il contributo delle Regioni e delle singole aziende ospedaliere per la lotta all’antibiotico-resistenza e contro le infezioni nosocomiali. E soprattutto individuare e implementare le migliori best practice a livello italiano, ma anche mondiale e di altri Paesi, come quelli del Nord Europa, nel trattamento di questo problema che risulta piuttosto gravoso specialmente per le casse dello Stato. Nel gennaio del 2019 -commenta il presidente del Collegio di Appello della Camera dei Deputati – è stato pubblicato un nuovo protocollo e si spera che questo impegni ulteriormente le singole regioni a verificare cosa stanno facendo i vari sistemi di sorveglianza Passi (Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) per tutelare la salute pubblica».

Ma l’antibiotico-resistenza non è l’unico problema con cui devono fare i conti i Sistemi Sanitari Nazionale e Regionali: «Anche la ripartizione delle competenze sarebbero da rivalutare: negli ultimi anni è stato dimostrato che le diversificazioni dei modelli utilizzati a livello regionale non hanno portato ad un miglioramento dell’offerta sanitaria. Le diseguaglianze di servizi offerti – dice l’avvocato – si notano anche all’interno degli stessi Sistemi Sanitari Regionali, i trattamenti possono essere differenti di Asl in Asl, pur se appartenenti alla stessa Regione».

LEGGI ANCHE: L’ANTIMICROBICO RESISTENZA CAUSERA’ 10 MILIONI DI MORTI L’ANNO. IL RAPPORTO E LE RACCOMANDAZIONI DELL’ONU

Anche gli scandali sanitari, ultimo in ordine di tempo quello umbro, sono in grado di indicare la strada maestra: «La politica troppo spesso entra in dinamiche che dovrebbero essere solo di natura sanitaria. La politica – sottolinea Colletti – dovrebbe fare un passo indietro per aiutare il settore ad emergere e a tutelare la salute dei cittadini».

Ci sarebbe, dunque, da ripensare anche alla nomina dei manager? «Certo – risponde il deputato pentastellato – c’è da ripensare ai sistemi di nomina dei manager, ma soprattutto valutare in modo critico i vari modelli utilizzati nelle Regioni per verificare quello più efficace, evitando che in Regioni molto vicine, come lo sono ad esempio Emilia Romagna e Lombardia, si seguano pratiche completamente diverse».

Tornare ad un modello centrale e centralizzato potrebbe essere una soluzione? «Questa è la mia idea. Si può tornare ad un modello centrale e centralizzato con la gestione a livello regionale. Ma per migliorare i nostri sforzi, e considerando che i soldi del sistema non sono infiniti – conclude Colletti – dobbiamo capire qual è il modello migliore e, soprattutto, seguirlo».

Articoli correlati
Farmaci, Senior Italia ad Aifa: «Rafforzare rapporto medico-paziente e ruolo società-scientifiche, limitare rimborsabilità Vitamina D»
Quanto emerso dalla presentazione dei dati OsMed all'Aifa sulla presunta inefficacia dei farmaci anti ipertensivi e della vitamina D per la fragilità ossea, aveva sollevato i dubbi di Senior Italia FederAnziani. Questa mattina, nell'incontro che si è svolto presso il Senato della Repubblica, società medico-scientifiche e organizzazioni dei medici hanno rassicurato i pazienti
Affari Sociali, un anno di Commissione con Marialucia Lorefice: «Con la Lega stessa visione sulla sanità, ma attenzione ad autonomia differenziata»
«In sanità stiamo investendo a differenza di quanto si è fatto rispetto al passato. È finito il tempo dei tagli lineari e indiscriminati» sottolinea la Presidente di Commissione in un colloquio di bilancio in esclusiva con Sanità Informazione. Poi rivendica il provvedimento sulla sanità trasparente e rilancia la sua mozione per staccare il Fondo sanitario dall’andamento del Pil: «Assegnare fondi certi, la salute è un investimento, non un costo». E dice la sua sul contratto della dirigenza medica che l’ha vista impegnata in prima persona…
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
Telemedicina e cooperazione: la sfida, vinta, dalla Onlus GHT di Michelangelo Bartolo
GHT è un servizio di teleconsulto multi-specialistico e gratuito attivo in 15 paesi, curato da un pool di specialisti europei che nasce per rispondere ai quesiti medici che arrivano dai luoghi più disagiati del mondo. Ci spiega tutto il medico fondatore Bartolo
Regione Campania, l’appello dei consiglieri M5S a Conte: «Adottare misure emergenziali per la sanità»
«Al presidente Conte - fanno sapere consiglieri e parlamentari M5S - abbiamo illustrato lo stato attuale della sanità regionale, alla luce anche della recente inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Napoli che ha acceso i riflettori sul controllo esercitato dalla camorra su alcuni nosocomi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti