Politica 7 Maggio 2019

Antibiotico-resistenza, Colletti (M5S): «Serve commissione d’inchiesta». E chiede una sanità più «centralizzata»

Il presidente del Collegio di Appello alla Camera: «Ho proposto una commissione d’inchiesta per valutare le best practice dei Sistemi Sanitari Nazionale e Regionale, con particolare attenzione all’antibiotico-resistenza, uno dei principali problemi attuali e futuri della Sanità italiana»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Sono circa 530mila i pazienti ricoverati che, ogni anno, contraggono un’infezione ospedaliera, pari al 6% del totale. Per le stesse cause, secondo recenti studi condotti in Svezia e Germania, i tempi medi di degenza possono aumentare fino a 12 giorni.

«L’antibiotico-resistenza e le infezioni in ambito nosocomiale sono uno dei problemi attuali e futuri della sanità italiana – spiega Andrea Colletti, deputato M5S e presidente del Collegio di Appello della Camera dei Deputati, avvocato ed esperto di responsabilità medico-sanitaria -. Ogni anno, le persone contaminate o infettate in ambito ospedaliero variano dalle 500 alle 800mila unità». Numeri che hanno spinto il deputato del M5S a proporre una commissione d’inchiesta per valutare le best practice dei Sistemi Sanitari Nazionale e Regionale, con particolare attenzione all’antibiotico-resistenza, per verificare se questa è responsabile di decessi ospedalieri, oltre che di un aumento dei tempi di degenza.

«Attualmente – aggiunge Colletti – la mia proposta è in discussione presso la commissione Affari Sociali. Per cominciare, sarebbe necessario interrogarsi su qual è il contributo delle Regioni e delle singole aziende ospedaliere per la lotta all’antibiotico-resistenza e contro le infezioni nosocomiali. E soprattutto individuare e implementare le migliori best practice a livello italiano, ma anche mondiale e di altri Paesi, come quelli del Nord Europa, nel trattamento di questo problema che risulta piuttosto gravoso specialmente per le casse dello Stato. Nel gennaio del 2019 -commenta il presidente del Collegio di Appello della Camera dei Deputati – è stato pubblicato un nuovo protocollo e si spera che questo impegni ulteriormente le singole regioni a verificare cosa stanno facendo i vari sistemi di sorveglianza Passi (Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) per tutelare la salute pubblica».

Ma l’antibiotico-resistenza non è l’unico problema con cui devono fare i conti i Sistemi Sanitari Nazionale e Regionali: «Anche la ripartizione delle competenze sarebbero da rivalutare: negli ultimi anni è stato dimostrato che le diversificazioni dei modelli utilizzati a livello regionale non hanno portato ad un miglioramento dell’offerta sanitaria. Le diseguaglianze di servizi offerti – dice l’avvocato – si notano anche all’interno degli stessi Sistemi Sanitari Regionali, i trattamenti possono essere differenti di Asl in Asl, pur se appartenenti alla stessa Regione».

LEGGI ANCHE: L’ANTIMICROBICO RESISTENZA CAUSERA’ 10 MILIONI DI MORTI L’ANNO. IL RAPPORTO E LE RACCOMANDAZIONI DELL’ONU

Anche gli scandali sanitari, ultimo in ordine di tempo quello umbro, sono in grado di indicare la strada maestra: «La politica troppo spesso entra in dinamiche che dovrebbero essere solo di natura sanitaria. La politica – sottolinea Colletti – dovrebbe fare un passo indietro per aiutare il settore ad emergere e a tutelare la salute dei cittadini».

Ci sarebbe, dunque, da ripensare anche alla nomina dei manager? «Certo – risponde il deputato pentastellato – c’è da ripensare ai sistemi di nomina dei manager, ma soprattutto valutare in modo critico i vari modelli utilizzati nelle Regioni per verificare quello più efficace, evitando che in Regioni molto vicine, come lo sono ad esempio Emilia Romagna e Lombardia, si seguano pratiche completamente diverse».

Tornare ad un modello centrale e centralizzato potrebbe essere una soluzione? «Questa è la mia idea. Si può tornare ad un modello centrale e centralizzato con la gestione a livello regionale. Ma per migliorare i nostri sforzi, e considerando che i soldi del sistema non sono infiniti – conclude Colletti – dobbiamo capire qual è il modello migliore e, soprattutto, seguirlo».

Articoli correlati
Il presidente ISS Brusaferro: «In campo contro antibiotico-resistenza e rischi sigaretta elettronica»
Il nuovo presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «È una bella esperienza. Qui si fa scienza e la si traduce in indicazioni per le scelte strategiche del nostro Paese»
Superbatterio New Delhi, ISS: «38 casi negli ultimi 12 mesi, Italia maglia nera in Europa. Elevare livello attenzione»
In Toscana focolaio importante: «Un ampio e persistente fenomeno epidemico che coinvolge diverse strutture sanitarie della regione» sottolinea l’Istituto Superiore di Sanità. Colpiti soprattutto anziani e persone sottoposte a interventi invasivi
Governo, Trizzino (M5S): «Bene Conte. Cure palliative e riorganizzazione medicina territoriale tra le mie priorità»
L’ex Direttore dell’Ospedale Civico di Palermo, deputato Cinque Stelle della Commissione Affari Sociali, si dice «profondamente convinto» dalle parole del Presidente del Consiglio. Nei mesi scorsi aveva contribuito a far bloccare lo spot contro i medici andato in onda sulle reti Rai. Ora è candidato per un posto da sottosegretario alla Salute
Medicina generale, Scotti (FIMMG): «Bene preintesa ACN, ora in finanziaria trovare fondi per i modelli organizzativi»
Il Segretario della Federazione dei Medici di Medicina Generale rilancia il tour #AdessoBasta ed elenca le priorità: «Microteam, diagnostica e telemedicina, occorre trovare meccanismi di finanziamento». Poi si rivolge al neo ministro Speranza: «Molti dei nostri progetti sono già sui tavoli dei funzionari ministeriali. Si tratta di capire se queste soluzioni devono continuare a rimanere sempre nei cassetti o vengono affrontate»
«Assunzioni straordinarie e potenziamento percorsi formativi», la ricetta del premier Conte per la Sanità
«Questo progetto politico segna l'inizio di una nuova stagione riformatrice», ha spiegato all'inizio del suo intervento il premier Giuseppe Conte
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali