Politica 7 Maggio 2019 10:22

Antibiotico-resistenza, Colletti (M5S): «Serve commissione d’inchiesta». E chiede una sanità più «centralizzata»

Il presidente del Collegio di Appello alla Camera: «Ho proposto una commissione d’inchiesta per valutare le best practice dei Sistemi Sanitari Nazionale e Regionale, con particolare attenzione all’antibiotico-resistenza, uno dei principali problemi attuali e futuri della Sanità italiana»

di Isabella Faggiano
Antibiotico-resistenza, Colletti (M5S): «Serve commissione d’inchiesta». E chiede una sanità più «centralizzata»

Sono circa 530mila i pazienti ricoverati che, ogni anno, contraggono un’infezione ospedaliera, pari al 6% del totale. Per le stesse cause, secondo recenti studi condotti in Svezia e Germania, i tempi medi di degenza possono aumentare fino a 12 giorni.

«L’antibiotico-resistenza e le infezioni in ambito nosocomiale sono uno dei problemi attuali e futuri della sanità italiana – spiega Andrea Colletti, deputato M5S e presidente del Collegio di Appello della Camera dei Deputati, avvocato ed esperto di responsabilità medico-sanitaria -. Ogni anno, le persone contaminate o infettate in ambito ospedaliero variano dalle 500 alle 800mila unità». Numeri che hanno spinto il deputato del M5S a proporre una commissione d’inchiesta per valutare le best practice dei Sistemi Sanitari Nazionale e Regionale, con particolare attenzione all’antibiotico-resistenza, per verificare se questa è responsabile di decessi ospedalieri, oltre che di un aumento dei tempi di degenza.

«Attualmente – aggiunge Colletti – la mia proposta è in discussione presso la commissione Affari Sociali. Per cominciare, sarebbe necessario interrogarsi su qual è il contributo delle Regioni e delle singole aziende ospedaliere per la lotta all’antibiotico-resistenza e contro le infezioni nosocomiali. E soprattutto individuare e implementare le migliori best practice a livello italiano, ma anche mondiale e di altri Paesi, come quelli del Nord Europa, nel trattamento di questo problema che risulta piuttosto gravoso specialmente per le casse dello Stato. Nel gennaio del 2019 -commenta il presidente del Collegio di Appello della Camera dei Deputati – è stato pubblicato un nuovo protocollo e si spera che questo impegni ulteriormente le singole regioni a verificare cosa stanno facendo i vari sistemi di sorveglianza Passi (Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) per tutelare la salute pubblica».

Ma l’antibiotico-resistenza non è l’unico problema con cui devono fare i conti i Sistemi Sanitari Nazionale e Regionali: «Anche la ripartizione delle competenze sarebbero da rivalutare: negli ultimi anni è stato dimostrato che le diversificazioni dei modelli utilizzati a livello regionale non hanno portato ad un miglioramento dell’offerta sanitaria. Le diseguaglianze di servizi offerti – dice l’avvocato – si notano anche all’interno degli stessi Sistemi Sanitari Regionali, i trattamenti possono essere differenti di Asl in Asl, pur se appartenenti alla stessa Regione».

LEGGI ANCHE: L’ANTIMICROBICO RESISTENZA CAUSERA’ 10 MILIONI DI MORTI L’ANNO. IL RAPPORTO E LE RACCOMANDAZIONI DELL’ONU

Anche gli scandali sanitari, ultimo in ordine di tempo quello umbro, sono in grado di indicare la strada maestra: «La politica troppo spesso entra in dinamiche che dovrebbero essere solo di natura sanitaria. La politica – sottolinea Colletti – dovrebbe fare un passo indietro per aiutare il settore ad emergere e a tutelare la salute dei cittadini».

Ci sarebbe, dunque, da ripensare anche alla nomina dei manager? «Certo – risponde il deputato pentastellato – c’è da ripensare ai sistemi di nomina dei manager, ma soprattutto valutare in modo critico i vari modelli utilizzati nelle Regioni per verificare quello più efficace, evitando che in Regioni molto vicine, come lo sono ad esempio Emilia Romagna e Lombardia, si seguano pratiche completamente diverse».

Tornare ad un modello centrale e centralizzato potrebbe essere una soluzione? «Questa è la mia idea. Si può tornare ad un modello centrale e centralizzato con la gestione a livello regionale. Ma per migliorare i nostri sforzi, e considerando che i soldi del sistema non sono infiniti – conclude Colletti – dobbiamo capire qual è il modello migliore e, soprattutto, seguirlo».

Articoli correlati
Le infezioni correlate all’assistenza causano ogni anno 16 milioni di giornate di degenza e 7 miliardi di costi
L'autore del libro “Particelle cadaveriche – le infezioni ospedaliere uccidono”: «Siamo immersi in una pandemia microbica all’interno degli ospedali, la politica non può restare sorda a tutta questa sofferenza»
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Medicina di Genere, Ferro (SitI): «Necessario investire su formazione, comunicazione e ricerca»
Il webinar della Società Italiana di Igiene fa il punto sulla questione e indica tre vie per promuovere l’argomento
Disturbi comportamento alimentare, M5S: «Pandemia ha acuito problema, serve spazio autonomo nei LEA»
Le parlamentari del MoVimento 5 stelle Celeste D’Arrando, Marta Grande e Azzurra Cancelleri hanno partecipato a una manifestazione davanti al Ministero della Salute con associazione e famiglie coinvolte dal problema
Sanità, Filippi (Fp Cgil Medici): «Cambiare organizzazione lavoro del Servizio socio sanitario»
Per il segretario nazionale «la prospettiva organizzativa che dobbiamo intercettare è che nella riorganizzazione del lavoro tutti i professionisti abbiano un solo datore di lavoro e possibilmente lo stesso tipo di rapporto contrattuale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...