Politica 7 Maggio 2019

Antibiotico-resistenza, Colletti (M5S): «Serve commissione d’inchiesta». E chiede una sanità più «centralizzata»

Il presidente del Collegio di Appello alla Camera: «Ho proposto una commissione d’inchiesta per valutare le best practice dei Sistemi Sanitari Nazionale e Regionale, con particolare attenzione all’antibiotico-resistenza, uno dei principali problemi attuali e futuri della Sanità italiana»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Sono circa 530mila i pazienti ricoverati che, ogni anno, contraggono un’infezione ospedaliera, pari al 6% del totale. Per le stesse cause, secondo recenti studi condotti in Svezia e Germania, i tempi medi di degenza possono aumentare fino a 12 giorni.

«L’antibiotico-resistenza e le infezioni in ambito nosocomiale sono uno dei problemi attuali e futuri della sanità italiana – spiega Andrea Colletti, deputato M5S e presidente del Collegio di Appello della Camera dei Deputati, avvocato ed esperto di responsabilità medico-sanitaria -. Ogni anno, le persone contaminate o infettate in ambito ospedaliero variano dalle 500 alle 800mila unità». Numeri che hanno spinto il deputato del M5S a proporre una commissione d’inchiesta per valutare le best practice dei Sistemi Sanitari Nazionale e Regionale, con particolare attenzione all’antibiotico-resistenza, per verificare se questa è responsabile di decessi ospedalieri, oltre che di un aumento dei tempi di degenza.

«Attualmente – aggiunge Colletti – la mia proposta è in discussione presso la commissione Affari Sociali. Per cominciare, sarebbe necessario interrogarsi su qual è il contributo delle Regioni e delle singole aziende ospedaliere per la lotta all’antibiotico-resistenza e contro le infezioni nosocomiali. E soprattutto individuare e implementare le migliori best practice a livello italiano, ma anche mondiale e di altri Paesi, come quelli del Nord Europa, nel trattamento di questo problema che risulta piuttosto gravoso specialmente per le casse dello Stato. Nel gennaio del 2019 -commenta il presidente del Collegio di Appello della Camera dei Deputati – è stato pubblicato un nuovo protocollo e si spera che questo impegni ulteriormente le singole regioni a verificare cosa stanno facendo i vari sistemi di sorveglianza Passi (Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) per tutelare la salute pubblica».

Ma l’antibiotico-resistenza non è l’unico problema con cui devono fare i conti i Sistemi Sanitari Nazionale e Regionali: «Anche la ripartizione delle competenze sarebbero da rivalutare: negli ultimi anni è stato dimostrato che le diversificazioni dei modelli utilizzati a livello regionale non hanno portato ad un miglioramento dell’offerta sanitaria. Le diseguaglianze di servizi offerti – dice l’avvocato – si notano anche all’interno degli stessi Sistemi Sanitari Regionali, i trattamenti possono essere differenti di Asl in Asl, pur se appartenenti alla stessa Regione».

LEGGI ANCHE: L’ANTIMICROBICO RESISTENZA CAUSERA’ 10 MILIONI DI MORTI L’ANNO. IL RAPPORTO E LE RACCOMANDAZIONI DELL’ONU

Anche gli scandali sanitari, ultimo in ordine di tempo quello umbro, sono in grado di indicare la strada maestra: «La politica troppo spesso entra in dinamiche che dovrebbero essere solo di natura sanitaria. La politica – sottolinea Colletti – dovrebbe fare un passo indietro per aiutare il settore ad emergere e a tutelare la salute dei cittadini».

Ci sarebbe, dunque, da ripensare anche alla nomina dei manager? «Certo – risponde il deputato pentastellato – c’è da ripensare ai sistemi di nomina dei manager, ma soprattutto valutare in modo critico i vari modelli utilizzati nelle Regioni per verificare quello più efficace, evitando che in Regioni molto vicine, come lo sono ad esempio Emilia Romagna e Lombardia, si seguano pratiche completamente diverse».

Tornare ad un modello centrale e centralizzato potrebbe essere una soluzione? «Questa è la mia idea. Si può tornare ad un modello centrale e centralizzato con la gestione a livello regionale. Ma per migliorare i nostri sforzi, e considerando che i soldi del sistema non sono infiniti – conclude Colletti – dobbiamo capire qual è il modello migliore e, soprattutto, seguirlo».

Articoli correlati
Abruzzo, la ricetta del governatore Marsilio: «Stop debiti e nuove assunzioni. Tagli? Fake news»
Il Presidente della Regione Abruzzo fa il punto a un anno dalla sua elezione: «Non spenderemo più soldi di quelli destinati all’Abruzzo. Sui farmaci, con la centrale unica di committenza abbiamo già risparmiato molti soldi». Sulle aggressioni: «È un imbarbarimento della nostra civiltà, giusto che ci sia allarme sociale»
Formazione manageriale in Sanità, il 19 gennaio si chiude il bando per selezionare i migliori 30: la Campania forma i manager di domani
La Campania come fucina dei manager della Sanità. Non si tratta di uno spot, bensì della tendenza ormai consolidata di Direttori Sanitari Aziendali e Direttori di UOC delle Aziende e degli Enti del Servizio Sanitario Regionale a tentare di entrare nella cerchia dei 30 ai quali sarà consentito l’accesso al “Corso di formazione manageriale in materia di […]
Molise, parla Toma. «Stop tagli, ecco come potenzieremo le strutture. Sui commissariamenti mi dileggiavano ma poi…»
Il Presidente della Regione Molise spiega che si arriverà a una sanità ‘a misura di molisani’: «Potenziamento delle strutture di Campobasso, Isernia e Termoli, mantenimento punti nascita e nosocomio di Agnone come ‘ospedale di area disagiata». Dopo la vittoria alla Consulta sull’incompatibilità Commissario-Presidente al via i tavoli con il Governo
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Disabilità, D’Arrando (M5S) lancia il ‘budget di salute’: «Così mettiamo la persona al centro di un progetto terapeutico personalizzato»
«L’obiettivo è un utilizzo virtuoso delle risorse economiche, sia pubbliche che private, affinchè la persona venga veramente sostenuta e reintegrata nella comunità», sottolinea la deputata M5S Celeste D’Arrando. Nella legge di Bilancio previsto un piano nazionale per la disabilità di 1,3 miliardi di euro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano