Politica 15 Luglio 2014

A Catania “splende il sole” dei rimborsi: altri 7 milioni agli ex specializzandi

Consulcesi, affiancata dall’OMCeO di Catania, ha consegnato assegni fino ad oltre 100mila euro a medico

Immagine articolo

Oltre sette milioni di euro consegnati. Decine e decine di assegni a sei cifre. Sono i numeri davvero impressionanti dell’ultimo evento organizzato da Consulcesi, realtà leader in ambito nazionale ed internazionale nella tutela medica, per restituire ai camici bianchi ex specializzandi quanto ingiustamente negato loro dallo Stato italiano.

Ad un mese esatto dall’ultima consegna milionaria, avvenuta a Napoli, i professionisti che non avevano ricevuto la borsa di studio prevista da alcune direttive europee per gli anni di scuola post-laurea frequentati “sono stati travolti” da una nuova valanga di rimborsi fino a 101mila euro cascuno.  Questa volta, però, a beneficiarne sono stati i medici, la maggior parte siciliani, che si sono riuniti a Catania giovedì scorso in un evento molto importante per tutta la categoria: in prima fila, infatti, oltre a Consulcesi, c’era anche l’OMCeO provinciale.

“Il risarcimento di oggi – spiega il tesoriere dell’Ordine di Catania, Antonio Biondi, dopo aver portato il saluto del presidente Massimo Buscema – riconosce l’impegno di tanti medici della provincia catanese. Questa iniziativa non è stata solo una consegna di assegni, ma certifica anche il valore della consulenza a 360 gradi che offre Consulcesi, il cui supporto è fondamentale per la nostra attività”.

Tra i tanti medici soddisfatti per i rimborsi ricevuti c’è anche il dottor Ambrogio Curiale, medico specialista in chirurgia generale ed ortopedia, il quale ci tiene a “ringraziare due volte Consulcesi, che mi ha aiutato a chiudere positivamente il mio iter ma soprattutto per aver sollevato il problema e trovato la soluzione”. Al suo fianco c’era il dottor Giuseppe Cretì, il quale ha ricevuto un importante assegno per le sue due specializzazioni in chirurgia pediatrica e urologia: “Se sono arrivato a questo risultato lo devo solo alla competenza e alla professionalità di Consulcesi, la quale rappresenta un modello da clonare ed esportare ovunque”.

L’iniziativa di Catania arriva dopo analoghe giornate – che oramai hanno una cadenza mensile – di consegne in diverse città italiane; tra queste ci sono Venezia, Milano, Torino, Genova, Firenze, Roma e, come detto, il capoluogo campano. I milioni consegnati soltanto negli ultimi mesi sono 38, quelli riconosciuti fino ad ora dai tribunali di tutta Italia addirittura 345. Si tratta però di una cifra destinata ad aumentare; è difatti in partenza anche la nuova maxi azione collettiva organizzata da Consulcesi, cui aderire entro la fine di questo mese: “Ci sono ancora migliaia di professionisti in attesa di vedersi rimborsare ciò che è loro diritto ricevere – spiega il Vicepresidente di Consulcesi, Edoardo Pantano – e, per questo motivo, per qualsiasi informazione specifica mettiamo a disposizione oltre 350 consulenti che rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.777 e sul sito www.consulcesi.it”.

Articoli correlati
Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»
ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve sempre dare il buon esempio. Non può pretendere che i cittadini paghino le tasse e poi quando lui dev’essere pagatore non fa il suo dovere». Poi parla degli incentivi alla formazione medica ECM, che potrebbe rientrare nel nuovo bilancio comunitario 2021-2027: «Fondi e incentivi per l’aggiornamento di tutte le professioni sanitarie. Si potrebbero favorire nelle carriere coloro che hanno fatto corsi di formazione: questo permetterebbe di applicare i risultati dell’innovazione e della ricerca» | VIDEO INTERVISTA
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Dopo sentenza Corte d’Appello di Roma approvare subito Ddl: medici vogliono giustizia»
Il tribunale ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici tutelati da Consulcesi che avevano perso in primo grado. Il senatore dell’Unione di Centro, primo firmatario di un disegno di legge per un accordo transattivo con il governo: «Circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando»
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Sentenza Corte d’Appello ci dà ragione. Serve accordo transattivo»
Il parlamentare UDC è autore di un ddl in Senato: la soluzione farebbe risparmiare 5 miliardi alle casse dello Stato che potranno essere reinvestiti sulla sanità per migliorare i servizi
Ex specializzandi, la Corte di Appello di Roma riconosce altri 19 milioni di euro e ribalta il primo grado per 172 medici
Consulcesi: «È la conferma che solo non proseguire nell’azione legale è una sconfitta certa». Il 12 aprile nuova azione collettiva sulla scia delle ultime sentenze positive: solo nel 2018 rimborsi per 48 milioni
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...