Politica 19 Aprile 2021 14:08

Italia Viva lancia il Piano Sanità 2030, Parente: «PNRR non basta, servono 30 miliardi per riformare SSN. Al primo punto la ricerca»

Il partito dell’ex premier Matteo Renzi ha lanciato una campagna di ascolto con operatori sanitari e associazioni e poi sottoporrà il piano alle altre forze politiche. E rilancia la Commissione d’inchiesta sulla gestione della pandemia. La presidente della Commissione Sanità: «Il medico di famiglia deve essere come un ‘primario del territorio’»

Italia Viva lancia il Piano Sanità 2030, Parente: «PNRR non basta, servono 30 miliardi per riformare SSN. Al primo punto la ricerca»

Altri 30 miliardi per la sanità, oltre a quelli del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, per riformare il Sistema Sanitario del futuro. È la proposta che lancia Italia Viva con il suo Piano Sanità 2030, un progetto che sta prendendo forma attraverso un calendario di incontri con associazioni e operatori del settore portato avanti dalla Presidente della Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama Annamaria Parente e dalla deputata Lisa Noja. Ad anticiparlo era stato lo stesso leader di Italia Viva Matteo Renzi che nelle settimane scorse aveva annunciato il suo passaggio dalla Commissione Difesa alla Commissione Sanità: un segnale di forte impegno perché, aveva specificato l’ex premier, «occorre un grande sforzo strategico sul come dipingere la sanità di domani e di dopodomani».

Gli incontri sono entrati nel vivo: pochi giorni fa c’è stato un webinar pubblico con il microbiologo Rino Rappuoli e con la neuropsichiatra infantile Marika Pane. Ma il confronto sarà a 360 gradi e coinvolgerà tutte le forze politiche, come anticipa a Sanità Informazione Annamaria Parente.

«Partiremo dall’epidemia ma guardando oltre – spiega la Presidente della Commissione Sanità -. Dobbiamo assolutamente evitare di farci trovare così impreparati come con il Covid. Penso, ad esempio, al tema dell’antibiotico resistenza: dobbiamo prepararci perché presto lo dovremo affrontare».

Presidente, quale sarà il metodo con cui arriverete all’elaborazione di questo piano?

«La nostra idea è di mettere in questo piano 30 miliardi. Ora abbiamo il PNRR ma i 19,7 miliardi previsti non basteranno per sistemare il SSN. Quindi vogliamo proporre anche alle altre forze politiche e poi al Parlamento un piano sanità. Poi toccherà al governo capire come potrà essere finanziato. Finora non c’è stato un piano organico. Stiamo organizzando una grandissima campagna di ascolto che rientra nell’iniziativa “La primavera delle idee”. Io ho già incontrato più di 350 persone tra operatori socio-sanitari, associazione dei pazienti, ecc., una grande esperienza di democrazia partecipata. Abbiamo lanciato questo primo tema che è la ricerca: se entriamo nella logica che la sanità non è un costo ma un investimento non dovremmo avere dubbi nell’investire in ricerca. Dobbiamo sviluppare la ricerca in vaccini, cure e in anticorpi monoclonali. Questo sarà un asse portante del nostro piano sanità 2030. Altro tema sarà quello dei pazienti non Covid come gli oncologici e i cardiopatici».

La grande sfida del futuro è la riforma della medicina del territorio. Per gli MMG che futuro vede?

«Il ruolo dei medici di famiglia va ripensato in base al modello che sceglieremo confrontandoci con i medici stessi. Sicuramente il medico non può stare più da solo, deve essere supportato da una medicina digitale. Il medico di base deve essere come un ‘primario territoriale’ in collegamento diretto con altri professionisti. Adesso è tutto a compartimenti stagni. Se il paziente ha bisogno di una visita specialistica poi deve cercare in autonomia dove andare a curarsi. Il lavoro in équipe con il medico di base al centro può essere la soluzione giusta».

Nei suoi incontri con medici, operatori e associazioni cosa sta emergendo?

«Mi ha molto colpito un giovane medico con una grandissima esperienza acquisita anche lavorando all’estero di telemedicina. Hanno brevettato un dispositivo per fare elettrocardiogrammi a casa. È questa la strada che dobbiamo seguire. In Italia esistono tantissime esperienze di eccellenza. Quello che manca è un sistema. È ora che riformiamo il nostro Sistema sanitario nazionale soprattutto nella direzione del territorio, è il momento giusto per investire».

Lei è stata la prima firmataria di una mozione che impegna l’esecutivo, tra le altre cose, ad erogare tamponi gratuiti settimanali per tutti. Perché?

«È un anno che faccio questa battaglia in Parlamento per una sorveglianza attiva sui territori che è saltata. Anche adesso dovremmo coprire la campagna vaccinale proteggendola con una capacità maggiore di fare tamponi. Le faccio un esempio: noi in Senato abbiamo sempre lavorato. Abbiamo comunque la possibilità di tenere sotto controllo il virus con l’uso dei tamponi in una comunità di 300 persone. Io penso che si debba fare questo anche nelle scuole. La Gran Bretagna lo fa nonostante abbiano vaccinato di più. Servono due tamponi a settimana gratis alle famiglie. Da noi interviene l’ASL solo quando c’è la certezza che qualcuno ha il Covid. Se torna il figlio da scuola con raffreddore e febbre, una famiglia, presa dal panico, si reca in laboratorio a fare il tampone e spende circa 100 euro. Dobbiamo trovare le risorse per dare la possibilità alle famiglie di essere tranquille. Questa è solo una mozione, ora ho presentato anche un emendamento al Decreto sostegni».

Matteo Renzi ha anticipato che chiederà una Commissione d’inchiesta sulla gestione della pandemia. Perché?

«Ma Renzi lo aveva detto già all’inizio della pandemia. Adesso dobbiamo tutti lavorare fianco a fianco per superare questa fase emergenziale, ma fare una commissione d’inchiesta che possa indagare su cosa è successo e su cosa è mancato ci servirà per il futuro. Credo che sia doveroso anche per le tante persone che hanno sofferto».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
PNRR, i sindacati medici: «Non saremo complici di riorganizzazione Ssn pagata con salute cittadini»
L’intersindacale si dice al fianco della FNOMCeO e chiede alla Federazione di convocare tutte le rappresentanze
Piano di Ripresa e Resilienza, via libera definitivo al Senato. La politica dà i voti alle misure sulla sanità
Il rafforzamento della medicina territoriale convince tutti i partiti, ma non mancano i distinguo. Castellone (M5S): «Grande assente la riforma del 118». Binetti (Udc): «Guai a dimenticare le patologie non Covid». Bocciatura da Fratelli d’Italia
Covid-19, Rostan (Iv): «Vincere diffidenze e disinformazione su vaccino. Fondamentale apporto medicina territoriale»
«Chiedo alla Polizia Postale di porre la massima attenzione nei confronti di chi, attraverso il web, diffonderà informazioni false e fuorvianti mettendo a rischio la sanità pubblica» sostiene Michele Rostan, Vice Presidente della Commissione Affari sociali della Camera
Vaccino, territorio e piano tamponi, parla la Presidente della Commissione Sanità: «Non dividiamoci sulla salute»
Annamaria Parente: «Stiamo lavorando a un modello della medicina di territorio che sia una guida nazionale»
«Nuove risorse per specializzazioni mediche in anestesia e medicina di emergenza», la petizione di Italia Viva
«Le borse di specializzazione quest'anno saranno meno di 15mila nonostante 26mila medici che hanno partecipato al concorso nazionale. In un momento di emergenza sanitaria come questo è incomprensibile che vi siano professionalità pronte ad operare che non vengono utilizzate» sottolineano i deputati Michela Rostan e Vito De Filippo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 maggio, sono 163.642.990 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.390.316 i decessi. Ad oggi, oltre 1,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...