Voci della Sanità 29 Settembre 2020 15:01

Medicina Generale: via libera ai medici in convenzione che si vogliono iscrivere al corso

Francesco Esposito segretario Fismu: «Fatta giustizia. la battaglia, anche di Fismu, accolta dal ministero della salute. Nessuno deve dimettersi»

Dopo una dura battaglia condotta da Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti-FISMU e anche grazie a un appello al ministro della Salute, Roberto Speranza, ieri, con una circolare è intervenuto lo stesso ministero contro l’applicazione distorsiva del decreto Calabria a danno dei medici che vogliono iscriversi al corso di formazione specifica in medicina generale, pur operando già in convenzione, ma senza borsa e con una riduzione di orario.

«Fatta giustizia, ne hanno diritto» ha dichiarato il segretario nazionale di FISMU, Francesco Esposito, che ha «ringraziato molto il ministro Speranza e il ministero per la positiva e immediata soluzione del problema che oltre a generare malessere e rabbia tra molti giovani colleghi, avrebbe portato a un significativo contenzioso giudiziario».

FISMU nella ultima lettera inviata alle istituzioni pubbliche ricordava appunto «che ai sensi dell’art. 12 comma 3 del d.l. n. 35/2019 ( c.d. decreto Calabria) si contemplava una ipotesi in deroga alle normali procedure per l’accesso al corso di formazione in medicina generale, avendo cura di precisare che la frequenza deve intendersi senza borsa di studio e non riferendo di alcuna altra condizione o vincolo”. Denunciando, “come in alcune regioni, peraltro contrariamente a quanto avvenuto nello scorso anno, si intendesse subordinare la frequenza del predetto Corso, senza borsa di studio, alla preventiva rinuncia ad ogni incarico convenzionale ricevuto».

«Era un orientamento inaccettabile – conclude Esposito – ed eravamo pronti a dare battaglia in tutte le sedi, anche quelle giudiziarie, tanto è vero che il nostro consulente legale, Antonio Puliatti, aveva già diffidato diverse regioni dal procedere con quelle modalità discriminatorie. Nessuno si deve dimettere dall’incarico, solo ridurre l’orario di lavoro per consentire gli studi al corso di formazione specifica in medicina, che in questo caso sarà, chiaramente senza borsa. Una buona notizia per i giovani medici, anche del 118, che erano stati tra le vittime di questa malintesa interpretazione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Raggiunto l’accordo tra Regioni e Mmg per le vaccinazioni Covid. La soddisfazione dei medici
Bonaccini annuncia il sì al protocollo d'intesa tra Regioni e Medici di medicina generale per le vaccinazioni Covid. Soddisfazione espressa da Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, Smi e Fimmg Continuità Assistenziale per il proprio coinvolgimento
Bozza intesa per vaccinazioni anti-Covid dal medico di famiglia. Le reazioni dei sindacati
Fimmg: «Vanno omogeneizzati percorsi e procedure per garantire cittadini e operatori». Snami: «No alle nozze con i fichi secchi»
Snami Lazio: «Sì alla campagna vaccinale anti-Covid ma tutele per i medici vaccinatori»
Il sindacato autonomo dei medici Snami ha aderito alla Campagna vaccinale anti-COVID-19 organizzata nella Regione Lazio, ma ha chiesto di tenere conto di alcune precisazioni nell’elaborazione del Dispositivo Regionale attutativo (DCA). «Lo SNAMI Lazio – si legge in un comunicato – dopo il Comitato regionale per la Medicina generale svoltosi in data 12/2 u.s., ha […]
Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali
La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per avere giustizia». La sua storia
Covid, FederAnziani: «Ecatombe entro giugno. Altri 50-80 mila morti anziani se non acceleriamo su vaccini»
A lanciare l’allarme la Federazione delle associazioni della terza età che chiede velocizzazione nella campagna per la vaccinazione dei senior contro il Coronavirus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 marzo, sono 116.859.911 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.593.931 i decessi. Ad oggi, oltre 300,10 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elabo...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...