Voci della Sanità 31 Marzo 2021 14:27

Vaccini Covid, a Roma il caso dei TNPEE: «Noi a rischio contagio perché a stretto contatto con gli utenti. Ma centinaia ancora non vaccinati»

Appello della Presidente della Commissione d’Albo dei Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva di Roma Pamela Bellanca: «Noi dimenticati, molti si stanno contagiando»

«Siamo quotidianamente a stretto contatto con bambini e adolescenti ai quali in questi mesi non abbiamo mai smesso di garantire una presa in carico ma, a tre mesi dall’inizio della campagna vaccinale, gran parte dei colleghi non è stata vaccinata. Per questo chiediamo alla Regione Lazio di procedere quanto prima alla vaccinazione di centinaia di Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva che operano a Roma e provincia». È l’appello che Pamela Bellanca, Presidente della Commissione d’Albo dei TNPEE di Roma rivolge all’assessore alla Sanità Alessio D’Amato e ai vertici regionali.

«Purtroppo nella campagna vaccinale anti Covid-19 che nel Lazio sta procedendo spedita, migliaia di operatori sanitari libero professionisti (tra cui i TNPEE) sono stati dimenticati e ogni giorno continuano ad erogare le prestazioni con grave rischio di contagio – spiega Bellanca -. L’attività che svolgiamo è rivolta alla prevenzione, cura e riabilitazione delle malattie neuropsichiatriche infantili, nelle aree della neuropsicomotricità, della neuropsicologia e della psicopatologia dello sviluppo. Inoltre, il nostro lavoro si svolge prevalentemente con i bambini, un’utenza che spesso non è in grado di portare i Dpi e di rispettare le norme. Siamo molto preoccupati e ci auguriamo che si possa porre rimedio a questa ingiustizia».

«Ci preoccupa l’andamento di questa terza ondata in cui molti colleghi si stanno infettando – continua Stefania Cortese, Vicepresidente della Commissione d’Albo -. E ogni giorno che passa la situazione rischia di peggiorare. Gli iscritti chiedono chiarezza ai vertici organizzativi e noi ci uniamo a loro.  I tempi non li sta dettando l’Ordine TSRM e PSTRP di Roma al quale apparteniamo ma la Regione. È stata inviata, ormai da settimane, una lista di iscritti ma molti professionisti ci segnalano che il Centro unico di prenotazione risponde che non esiste una lista di sanitari. Inoltre, molti segnalano ingiustificate differenze tra ASL: alcune efficienti hanno proceduto alle convocazioni e alle somministrazioni e altre in alto mare».

Non c’è chiarezza neppure sulle modalità di chiamata dei sanitari alla vaccinazione: «Ciascuna ASL ha scelto una modalità differente di comunicazione. Spesso il professionista viene contattato telefonicamente e se non ha possibilità di rispondere nell’immediato, non ha poi possibilità di capire come riattivare la comunicazione. Tutto questo accresce un senso di disorientamento e di preoccupazione. Non è accettabile.».

«Spesso i genitori dei ragazzi che abbiamo in cura – conclude Bellanca – ci chiedono se siamo vaccinati: una domanda a cui dobbiamo rispondere quasi sempre in modo negativo. Ma il paradosso è alcuni di loro sono già vaccinati e molti lo saranno in quanto caregiver. Noi invece rischiamo di aspettare ancora settimane se non mesi. Si tratta di un problema che registrano anche altre professioni dell’Ordine e ci facciamo portavoce anche delle loro richieste. Occorre fare presto».

Articoli correlati
Riaperture, Vineis (CSS): «Così si rischia di mantenere lunga coda dell’epidemia»
La chiave del successo inglese: un lockdown incisivo «pianificato e temporizzato» e una vaccinazione rapida ed efficace. L’intervista a Paolo Vineis, professore di epidemiologia all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità
La vitamina C e la vitamina D prevengono il contagio da Covid-19?
Cosa dice la Circolare del 30 novembre 2020 del Ministero della Salute sulla “Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2”
Covid, per sanitari turni massacranti e ferie negate. Boom di richieste d’aiuto a Consulcesi: +30% in un anno
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi. «Per i medici gli straordinari sono diventati 'ordinari'. Siamo al fianco dei nostri eroi affinché ricevano il giusto riconoscimento per i sacrifici che continuano a fare»
Riaperture, Vergallo (Aaroi-Emac): «Pressione terapie intensive ancora importante. Bilanciare esigenze di salute con economia»
Il Presidente dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri: «Le decisioni spettano alla politica ma devono seguire, con criteri di prudenza, la scienza e la situazione attuale del SSN. Un’ondata successiva, a distanza di qualche mese, sarebbe ancora più pericolosa delle precedenti perché si aggiungerebbe a un numero esistente di contagi e ricoveri e non a un valore soglia pari a zero»
Report Cabina di regia: «Rt a 0,85. Età contagiati cala per effetto delle vaccinazioni»
Brusaferro (ISS): «Decrescita in quasi tutte le Regioni. In altri Paesi Ue curva in salita». Rezza (Min. Salute): «Incidenza cala molto lentamente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...