Voci della Sanità 4 Dicembre 2018 11:44

Vaccini, a Perugia convegno SIMEDET e CISL Umbria contro la disinformazione: «Rispondere con evidenze scientifiche a chi parla senza conoscere»

Tra i relatori i professori Gaetano Maria Fara e Susanna Esposito. Il titolo dell’incontro è “La vaccinazione oggi: tra realtà e falsi miti”

Un convegno per ribadire la necessità di aumentare la copertura vaccinale nel nostro Paese ma senza punire i genitori inadempienti. È questo lo scopo del convegno organizzato dalla Simedet – Società Italiana di Medicina diagnostica e terapeutica, dalla Fp Cisl Medici Umbria dal titolo “La vaccinazione oggi: tra realtà e falsi miti” che si svolgerà a Perugia al Santa Maria della Misericordia, a partire dalle ore 9.

I lavori che si svolgeranno nel corso della mattina saranno presieduti dal dottor Tullo Ostillio Moschini, segretario generale regionale Cisl Medici Umbria, e da Michele Belladonna, segretario regionale Cisl Fp Umbria. Responsabili scientifici dell’incontro: il dottor Manuele Monti, responsabile medicina a ciclo breve Usl Umbria 1, e il dottor Igino Fusco Moffa, dirigente medico igiene e sanità pubblica Usl Umbria 1.

LEGGI ANCHE: SIMEDET, PARLA IL PRESIDENTE CAPUANO: «GRAZIE ALLA MULTIDISCIPLINARIETA’ PUNTIAMO A DARE UNA CORRETTA INFORMAZIONE IN SANITA’»

Prima di avviare le due sessioni previste dal programma formativo, porteranno il saluto l’assessore regionale sanità Luca Barberini, il sindaco di Perugia Andrea Romizi, il segretario generale regionale Cisl Medici Tullo Ostillio Moschini, il segretario generale regionale Cisl Fp Umbria Ubaldo Pascolini e il presidente nazionale Simedet Fernando Capuano.

Nella prima sessione, moderata dal responsabile servizio igiene e sanità pubblica Usl Umbria 1 Massimo Gigli e dal responsabile medicina a ciclo breve Usl Umbria 1 Manuel Monti, si tratterà della “storia dei vaccini” grazie al contributo del professore Gaetano Maria Fara, past director dipartimento igiene e sanità pubblica dell’Università La Sapienza di Roma. Seguirà un focus sulla “Legge 119/2017 ed il Piano Nazionale prevenzione vaccinale 2017/2020” con Giuseppe Giordano del dipartimento contratto Cisl Medici. Si passerà quindi a “Immunobiologia vaccinale: antigeni, anticorpi e memoria immunitaria” con Marco Marziani dell’Istituto Mediterraneo di ematologia, infine “Vaccini e vaccinazioni nella prevenzione delle malattie infettive” con il professor Franco Baldelli capo-dipartimento malattie infettive dell’Università di Perugia.

Dopo una breve pausa si avvierà la seconda sessione, che sarà moderata dal membro del collegio dei probiviri della Simedet Massimo Paggi e dal segretario regionale Cisl Fp Umbria Michele Belladonna. Si partirà con “La vaccinazione nel percorso nascita” con Caterina Magliocchetti, dirigente medico distretto Altotevere, e Selen Chiarini, infermiere Centro di salute Città di Castello, quindi “La vaccinazione nei bambini” con la professoressa Susanna Esposito, dipartimento di pediatria Università di Perugia. I lavori proseguiranno con “Vaccinazione, stato dell’arte, falsi miti” con il dott. Alberto Ferrando, pediatra e referente Simedet Liguria, poi “Il professionista sanitario impegnato in ambito vaccinale” con Edoardo Farinelli, dipartimento pediatria Università di Perugia. L’incontro si chiuderà con un focus dedicato alla “Medicina dei Viaggi: il ruolo dei vaccini” a cura del dott. Igino Fusco Moffa, dirigente medico igiene e sanità pubblica Usl Umbria 1.

LEGGI ANCHE: TROMBOEMBOLISMO VENOSO (TEV), E’ ITALIANO LO STUDIO “TEVERE” CHE AIUTERA’ I MEDICI D’URGENZA NELLA SCELTA DELLA PROFILASSI

Manuel Monti, responsabile medicina a ciclo breve dell’Ospedale di Assisi e vicepresidente nazionale SIMEDET, sottolinea che «la vaccinazione rappresenta una delle misure di sanità pubblica più efficaci per la protezione della salute sia individuale che collettiva in quanto il vaccino riduce o elimina la circolazione dei patogeni per i quali viene studiato e sviluppato e nell’ultimo secolo ha permesso di evitare 70mila morti e 4 milioni di contagiati. Dobbiamo rispondere con i dati e le evidenze scientifiche a chi non ha nessun tipo di conoscenza scientifica ma parla utilizzando la propria influenza dovuta dall’essere attori, personaggi televisivi. Per tale motivo abbiamo deciso di organizzare come SIMEDET, in stretto accordo con il principale sindacato della funzione pubblica, questo convegno in cui parteciperanno alcuni nomi di importanza europea come il prof Gaetano Maria Fara e la prof.ssa Susanna Esposito».

Il segretario regionale CISL FP Michele Belladonna sottolinea l’importanza del sindacato per iniziare un percorso di coinvolgimento nella costruzione di una campagna finalizzata alla sensibilizzazione degli operatori sanitari sul tema dei vaccini: «È importante -spiega – che il personale presente negli ospedali si vaccini, per evitare contagi fra gli stessi operatori sanitari e per i pazienti ricoverati e ciò deve avvenire lavorando sul piano educativo e informativo sin dall’Università».

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...