Voci della Sanità 22 Febbraio 2021 18:31

Sport e salute, Tuzi (M5S): «L’inattività fisica da lockdown è causa di morte, necessaria approvazione riforma»

«Il mondo sanitario deve unirsi a quello sportivo in un’unica voce di protesta contro la possibilità che la riforma non venga approvata» spiega il deputato e medico M5S Manuel Tuzi

Il 28 febbraio decadono i termini per l’approvazione della riforma dello sport e del lavoro sportivo che tra le varie previsioni ha riguardato anche misure di promozione della pratica sportiva al fine del miglioramento della qualità di vita dei cittadini, misure che non vedranno la luce in caso di scadenza dei termini prefissati. L’attività fisica e sportiva è strettamente connessa alla salute e la riforma dello sport ne è una prova.

In questo senso una previsione rilevante, frutto di una proposta del Deputato M5S Manuel Tuzi, ha riguardato la creazione delle palestre della salute, strutture ove, dietro prescrizione medica, si può svolgere l’attività fisica in maniera controllata e monitorata da professionisti del settore sportivo e del settore sanitario.

Il deputato Manuel Tuzi (M5S) medico chirurgo specializzato in medicina dello sport e dell’esercizio fisico aggiunge: «Sarebbe scellerata la decisione di non approvare la riforma dello sport vista l’emergenza pandemica che stiamo vivendo durante la quale più volte l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha lanciato l’allarme sulle conseguenze della sedentarietà causata dal lockdown. Secondo l’OMS in Italia l’inattività fisica è responsabile del 14,6% di tutti i decessi, pari a circa 90mila morti all’anno con conseguente aumento dei costi sanitari causati dall’incremento delle patologie ad essa connesse. Già nel 2019 il sistema di sorveglianza PASSI aveva stimato dati allarmanti sulla sedentarietà che si attestava sotto al 30% tra i giovani dai 18 ai 34 anni e arrivava a quasi il 40% tra i 50 e 69 anni. Previsioni che sembrano destinate ad aumentare a causa delle misure di contingentamento messe in atto per frenare la pandemia di Covid-19». 

Per queste ragioni, il deputato Manuel Tuzi, che ha lavorato alla riforma dello sport con l’ex Ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora lancia un appello: «Con l’attuazione della riforma dello sport si avrebbero delle ricadute positive sulla vita e sulla salute dei cittadini. Per questo motivo il mondo sanitario deve unirsi a quello sportivo in un’unica voce di protesta contro la possibilità che la riforma non venga approvata». 

Articoli correlati
Vaccini Covid-19, Lorefice (M5S): «Siamo felici dell’attenzione a categorie fragili»
La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera ha commentato l'informativa alla Camera del Ministro della Salute Roberto Speranza: «Condividiamo pertanto la necessità di inserire queste categorie come prioritarie nel piano vaccinale nazionale, per preservarle e ridurre le disuguaglianze che la pandemia ha acuito»
Piste da sci ancora chiuse. Cosa ne pensano i medici sciatori? Le risposte della SIMS
Bertinato (Presidente Squadra Italiana Medici Sciatori): «Rischi alti, necessario lockdown totale». Martini (Segretario SIMS): «Non è l’attività sciistica in sé ad essere rischiosa. Il problema è tutto il resto»
Qualità della vita nelle pazienti oncologiche, l’esperta: «Salvaguardare benessere sociale, fisico ed emotivo»
Esther Natalie Oliva, ematologa del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria, spiega quali sono le ripercussioni del cancro sulla qualità della vita delle pazienti
Un giro d’Italia a nuoto, l’impresa di Salvatore Cimmino per accendere un faro sulla disabilità
L’atleta del Circolo Canottieri Roma, senza una gamba dall’età di 15 anni, percorrerà quasi 300 chilometri da Ventimiglia a Trieste in 14 tappe. «Le persone con disabilità e le loro famiglie sono sempre più invisibili. La politica ha deciso che non è conveniente vedere la loro realtà»
Legge di Bilancio, Guglielmino (SIRU): «Aumento fondo per PMA segnale importante. Primo passo per contrastare denatalità record»
Il Presidente della Società Italiana della Riproduzione Umana Antonino Guglielmino plaude all’approvazione dell’emendamento alla Manovra presentato dalla deputata Stefania Mammì (M5S) che incrementa di 5 milioni di euro fino al 2023 il fondo per le tecniche di procreazione medicalmente assistita previsto dalla legge 40 del 2004: «Ora ci attiveremo presso gli assessorati regionali per verificare che questi fondi vadano alle coppie che vogliono usufruire della PMA»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio, sono 112.554.307 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.497.814 i decessi. Ad oggi, oltre 216,17 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...