Voci della Sanità 22 Febbraio 2021 18:31

Sport e salute, Tuzi (M5S): «L’inattività fisica da lockdown è causa di morte, necessaria approvazione riforma»

«Il mondo sanitario deve unirsi a quello sportivo in un’unica voce di protesta contro la possibilità che la riforma non venga approvata» spiega il deputato e medico M5S Manuel Tuzi

Il 28 febbraio decadono i termini per l’approvazione della riforma dello sport e del lavoro sportivo che tra le varie previsioni ha riguardato anche misure di promozione della pratica sportiva al fine del miglioramento della qualità di vita dei cittadini, misure che non vedranno la luce in caso di scadenza dei termini prefissati. L’attività fisica e sportiva è strettamente connessa alla salute e la riforma dello sport ne è una prova.

In questo senso una previsione rilevante, frutto di una proposta del Deputato M5S Manuel Tuzi, ha riguardato la creazione delle palestre della salute, strutture ove, dietro prescrizione medica, si può svolgere l’attività fisica in maniera controllata e monitorata da professionisti del settore sportivo e del settore sanitario.

Il deputato Manuel Tuzi (M5S) medico chirurgo specializzato in medicina dello sport e dell’esercizio fisico aggiunge: «Sarebbe scellerata la decisione di non approvare la riforma dello sport vista l’emergenza pandemica che stiamo vivendo durante la quale più volte l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha lanciato l’allarme sulle conseguenze della sedentarietà causata dal lockdown. Secondo l’OMS in Italia l’inattività fisica è responsabile del 14,6% di tutti i decessi, pari a circa 90mila morti all’anno con conseguente aumento dei costi sanitari causati dall’incremento delle patologie ad essa connesse. Già nel 2019 il sistema di sorveglianza PASSI aveva stimato dati allarmanti sulla sedentarietà che si attestava sotto al 30% tra i giovani dai 18 ai 34 anni e arrivava a quasi il 40% tra i 50 e 69 anni. Previsioni che sembrano destinate ad aumentare a causa delle misure di contingentamento messe in atto per frenare la pandemia di Covid-19». 

Per queste ragioni, il deputato Manuel Tuzi, che ha lavorato alla riforma dello sport con l’ex Ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora lancia un appello: «Con l’attuazione della riforma dello sport si avrebbero delle ricadute positive sulla vita e sulla salute dei cittadini. Per questo motivo il mondo sanitario deve unirsi a quello sportivo in un’unica voce di protesta contro la possibilità che la riforma non venga approvata». 

Articoli correlati
Sanità, D’Arrando (M5S): «Assistenti sanitari cruciali per prevenzione ma mancano corsi di laurea»
«Vi sono ancora alcune regioni in cui non vengono avviati i corsi di laurea triennale costringendo, quindi, coloro che vogliono intraprendere questo percorso a spostarsi in altre regioni» spiega la deputata M5S
La storia della ginnasta Alexandra Agiurgiuculese, che dopo il Covid sogna una medaglia a Tokyo
È l'individualista più vincente della storia della ginnastica ritmica italiana e ha un salto che porta il suo nome. Alexandra Agiurgiuculese, 20 anni, dopo essere rimasta lontana dalla pedana per due mesi a causa del Covid è tornata grande per non mancare l’appuntamento olimpico
di Federica Bosco
Long Covid, Lorefice (M5S): «Ok a Odg per estendere visite specialistiche gratuite a malati curati a domicilio»
«Ho chiesto con il mio Odg di estendere per i due anni successivi al contagio i controlli periodici: il Servizio sanitario nazionale non deve lasciare indietro nessuno», sottolinea la Presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice
Milano-Bicocca, un programma dual career per gli studenti atleti impegnati in competizioni di alto livello
Il programma prevede flessibilità nella didattica e negli esami, un mental coach e un team di professionisti di medicina dello sport. Tra i 25 studenti selezionati anche Eleonora Marchiando che alle prossime olimpiadi difenderà i colori azzurri nei quattrocento ostacoli e nella staffetta femminile e mista
di Federica Bosco
Lavoratori malati oncologi, calendarizzata in Commissione Lavoro proposta per estendere diritti
«Mai come in questo momento dobbiamo proteggere i più fragili. Per questo, sono molto soddisfatta per la calendarizzazione, in commissione Lavoro alla Camera, della proposta di legge a mia prima firma che mira a modificare la disciplina relativa ai diritti dei lavoratori affetti da patologie oncologiche o da altre gravi malattie temporaneamente invalidanti». Lo afferma […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.944.127 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.236.600 i decessi. Ad oggi, oltre 4.15 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva