Voci della Sanità 4 Agosto 2020 17:14

Specializzazioni, interrogazione di Tuzi (M5S) a Manfredi: «Perchè commissione di esperti e non nomina Osservatorio?»

«Abbiamo offerto al Ministro la possibilità di essere ulteriormente trasparenti. La questione prospettata nasce dal ruolo di vigilanza, giudizio e controllo sugli accreditamenti delle scuole di specializzazione ricoperto dall’Osservatorio» sottolinea IL deputato e medico del M5S Manuel Tuzi

«Stamattina, il Ministero dell’università e della ricerca, nella persona del Sottosegretario Dott. Giuseppe De Cristofaro, ha risposto alla mia interrogazione per conoscere le ragioni per cui si fosse preferito istituire una Commissione di esperti alla nomina, attesa da oltre un anno, dei nuovi membri dell’Osservatorio nazionale della formazione medica specialistica, posto che le funzioni affidate alla stessa sono le medesime proprie dell’Osservatorio» spiega il Portavoce  del M5S Manuel Tuzi. «Abbiamo offerto al Ministro la possibilità di essere ulteriormente trasparenti. La questione prospettata nasce dal ruolo di vigilanza, giudizio e controllo sugli accreditamenti delle scuole di specializzazione ricoperto dall’Osservatorio, e dalla mia forte preoccupazione di trovarsi di fronte una Commissione con il delicatissimo e gravoso compito di analizzare la situazione delle scuole illegali, su cui nei precedenti anni vi sono stati numerosi scandali», segnala il Deputato.

A riguardo, il Sottosegretario ha rappresentato che, nell’attuale contesto emergenziale, il Ministero ha optato per la nomina della Commissione in un’ottica di economia procedurale, ribadendo che la natura della stessa resta contingentata e transitoria; in riferimento alla questione dell’accreditamento delle scuole, lo stesso ha assicurato che la problematica è all’attenzione di chi di dovere e che è interesse precipuo del Ministro procedere alla ricostituzione dell’Osservatorio quanto prima.

In riscontro, il Parlamentare ha sottolineato il ruolo decisivo che gioca l’Osservatorio: «Dobbiamo ricordarci che 41 scuole di specializzazione sono state accreditate illegalmente. Di queste, cinque atenei non avevano il Pronto soccorso in loco; secondo i dati reperiti, del 2018, su 1.358 scuole di specializzazione sarebbe da chiuderne 1 su 4 stante l’assenza dei requisiti minimi necessari per essere in regola per ben 386 scuole di specializzazione. Ancora, nel 2019, dopo l’inchiesta della giornalista Milena Gabanelli, oltre 116 scuole non sono state accreditate e altre 100 sono state accreditate provvisoriamente» osserva il Deputato che, tra l’altro, ha segnalato come i dati di accreditamento non siano pubblici, con nocumento in termini di trasparenza, soprattutto per il medico che deve iscriversi alla scuola e che corre il rischio di trovarsi poi bloccato in una scuola che non lo forma e che al contempo non gli consente di andar via, restandovi praticamente ostaggio. Il Deputato ha inoltre rilevato la mancanza di legittimazione della Commissione, in quanto non rappresentativa delle maggiori associazioni di categoria, ribadendo l’urgenza della ricostituzione dell’Osservatorio.

Da ultimo, il Portavoce del M5S ha rappresentato come la problematica sollevata spinga a tre ordini di riflessioni: la prima, riguardante la formazione dei nostri ragazzi, la seconda, la salute di tutti noi, e la terza, quella economica. «I dati sconcertanti pongono il dubbio se la formazione specialistica possa ritenersi adeguata: i nostri ragazzi, come possono essere davvero preparati se non sono messi nelle condizioni di esserlo a causa delle gravi mancanze delle scuole? Il secondo problema che si prospetta è per tutti noi: se gli specializzandi non sono stati messi nelle condizioni di “imparare”, noi possiamo sentirci sicuri nell’esservi affidati? Infine, la questione economica che governa l’accreditamento delle scuole di specializzazione: occasione di prestigio per i professori e forza lavoro a basso costo per gli ospedali. Per queste ragioni, serve necessariamente più trasparenza: serve una riforma strutturale delle scuole, degli accreditamenti per migliorare la qualità della formazione.  Serve un nuovo contratto di formazione, con più diritti e tutele, serve un decreto urgente per dare delle risposte alle associazioni di categoria che non sono solo quelle presenti nell’Osservatorio e alle migliaia di specializzandi che sono là fuori», conclude Tuzi.

Articoli correlati
Sanità in Calabria, Misiti (M5S): «Carenza personale sanitario aggrava situazione già difficile. Basta spettacolarizzazione dei media»
Misiti contesta la narrazione dei media che spesso parlano «di una sanità calabrese che non ha nulla da offrire, al pari di un territorio sottosviluppato». Secondo il deputato e medico M5S «non si può di certo negare che l’attrattiva per i giovani professionisti, medici, infermieri e oss sia pressoché nulla» e dunque bisogna «cambiare paradigma»
‘Doppia laurea’, via libera dalla Commissione Cultura. E gli specializzandi potranno frequentare master e dottorati
La proposta di legge rappresenta un grande passo in avanti per ampliare l’offerta formativa universitaria e offrire maggiori opportunità di lavoro ai nostri giovani
Vaccini Covid, Guidolin (M5S): «Regolamentare vaccinazione in ambito sanitario per tutelare più fragili»
«Dopo la decisione del tribunale di Belluno di rigettare il ricorso di dieci operatori socio-sanitari dipendenti di due Rsa, sospesi dal lavoro per aver rifiutato di aderire alla campagna vaccinale Covid-19, da operatrice socio sanitaria, temporaneamente prestata alla politica, mi sento di lanciare un appello ai colleghi. Quest’anno di pandemia ci ha messo tutti a […]
Vaccino Covid, Tuzi (M5S): «Dopo AIFA e CSS ora copertura vaccinale anche a personale scolastico e universitario over 65»
«Abbiamo eliminato una discriminazione incomprensibile per oltre 50mila lavoratori» sottolinea il medico e deputato M5S Manuel Tuzi
Covid-19, over 65 esclusi da vaccinazione a scuola. Tuzi (M5S): «Così 50mila esclusi, non c’è logica medica»
«Bisogna modificare rapidamente i piani vaccinali e prevedere un monitoraggio regionale per impedire che si possano verificare nuovamente situazioni similari» spiega il medico e deputato Cinque Stelle
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...